Democrazia e Giustizia

Cosa è successo alla legge ungherese sulle ONG da quando la Corte di giustizia dell'UE l'ha dichiarata incompatibile con il diritto comunitario

Scopri cosa significa questo sviluppo per altri difensori dei diritti umani in Europa.

di Linda Ravo

In una sentenza storica esattamente un anno fa, la Corte di giustizia dell'UE ha dichiarato il tentativo del governo Orban di indebolire e diffamare i gruppi di cittadini che criticano la corruzione e il crescente autoritarismo nel paese, incompatibile con il diritto dell'UE e la Carta dei diritti fondamentali. Un anno dopo, le cose sembrano ancora tristi per i gruppi per i diritti civili e la democrazia in Ungheria e in tutta l'UE. Ma la resistenza sta crescendo, e Liberties sta lavorando duramente per sostenerla.

Siamo persone sociali. Riunirsi con persone che la pensano come noi in associazioni per condividere le nostre passioni, per prendersi cura delle persone vulnerabili della società, per chiedere il rispetto dei nostri diritti, o semplicemente per parlare di cose che ci stanno a cuore, come l'ambiente o le nostre libertà fondamentali, è una parte importante della nostra vita nella comunità. Il nostro diritto di organizzarci in associazioni e di agire insieme è uno strumento importante che ci permette di realizzare cose più grandi e migliori che lavorare da soli. Ma i governi fanno sempre più pressione su questo diritto. Scoprite perché è così e cosa stiamo facendo noi di Liberties per proteggerlo qui.

I governi antidemocratici non amano le ONG

In una democrazia ben funzionante, associazioni e organizzazioni non governative (ONG) indipendenti esistono per controllare se il governo sta abusando del denaro dei cittadini, abusando dei suoi poteri o infrangendo le leggi, e per portarli in tribunale se necessario. Le ONG ci aiutano anche a organizzare e comunicare le nostre opinioni e preoccupazioni ai nostri rappresentanti eletti attraverso petizioni, proteste pacifiche e coinvolgendoci nei processi legislativi e politici. Sono uno strumento importante che possiamo usare per dare voce alle nostre opinioni, esercitare il nostro diritto di protesta e ottenere giustizia quando i nostri diritti vengono violati.

Come abbiamo già spiegato qui, il fatto che le ONG siano così importanti per la democrazia è la ragione stessa per cui i governi antidemocratici non le amano. Per anni, le ONG e gli attivisti pro-democrazia, per i diritti civili, contro la corruzione e per l'ambiente, anche nell'UE, sono stati presi di mira da quei governi che vogliono mettere a tacere i critici che denunciano le loro malefatte e la corruzione.

La legge del 2017 sui finanziamenti esteri in Ungheria, che è stata rovesciata dalla Corte di giustizia dell'UE un anno fa dopo una causa della Commissione UE, che Liberties aveva fortemente sostenuto, è un fatto esemplare di come un governo autoritario può cercare di mettere a tacere le ONG. La legge fa parte di una lunga serie di misure prese dal governo di Orban per reprimere coloro che criticano la grave corruzione del governo, gli attacchi alle libertà individuali, la presa di potere di istituzioni indipendenti come i media e i tribunali, e l'incitamento contro gruppi minoritari come i migranti e le persone LGBTQI+. Sulla base della falsa affermazione che le ONG pro-democrazia erano pagate da donatori stranieri per attaccare gli interessi nazionali, la legge ha illegalmente limitato le donazioni alle ONG e ha imposto requisiti di reporting stigmatizzanti per screditare pubblicamente loro e i loro donatori.

Rimani aggiornato.

La sentenza della Corte di giustizia dell'UE è stata innovativa. Tuttavia, le cose non sono realmente migliorate. Ci sono voluti quasi un anno e una nuova azione legale da parte della Commissione UE perché il governo abrogasse la legge del 2017, e solo poche settimane per presentare una nuova legge restrittiva che sta già causando disordini. Un'altra legge restrittiva del 2018, che impone una tassa punitiva alle ONG che lavorano sulla migrazione, è ancora in vigore. Nel frattempo, in un altro paese dell'UE gestito da un governo autoritario, la Polonia, il partito al potere ha ignorato la sentenza della Corte e ha tentato di approvare una legge simile a quella ungherese sui finanziamenti esteri per prosciugare ulteriormente le risorse delle ONG che non condividono la sua agenda ultraconservatrice.

Le tattiche comuni usate dai governi antidemocratici per indebolire le ONG indipendenti includono i tentativi di distruggere la reputazione pubblica delle ONG accusandole di essere antipatriottiche e di lavorare contro i valori e gli interessi del paese. I crescenti attacchi a gruppi e attivisti che lavorano per i diritti delle donne o i diritti delle persone LGBTQI+ in Ungheria e Polonia sono un esempio eloquente. In Slovenia, gestita da un governo con tendenze sempre più autoritarie, il primo ministro ha cercato a lungo di mettere l'opinione pubblica contro i gruppi critici per i diritti civili, dipingendoli come uno spreco di fondi pubblici che dovrebbero andare a beneficio dei cittadini, mentre i media filogovernativi danneggiano la reputazione delle associazioni con feroci campagne diffamatorie.

In tutti questi paesi, c'è anche un aumento documentato di attacchi contro le ONG e gli attivisti attraverso azioni legali abusive guidate da politici e corporazioni filogovernative.

Anche altrove, il gioco si fa più duro

Come mostra un recente rapporto di Liberties, anche i governi di democrazie tradizionalmente forti stanno infliggendo danni al lavoro delle ONG indipendenti.

Tra i problemi più grandi ci sono i quadri normativi sfavorevoli, come in Irlanda, dove le regole arbitrarie sulle campagne politiche ostacolano la difesa delle ONG; o in Germania, dove i gruppi per i diritti civili lavorano sotto la minaccia di perdere il loro status non profit perché le leggi deboli e superate sono sfruttate da politici e lobbisti commerciali per colpire i critici - come sottolineato in un rapporto speciale di Liberties. Anche i tentativi di limitare l'indipendenza delle ONG sono comuni: in Francia, per esempio, una recente legge che richiede alle associazioni di firmare un "contratto di impegno con la repubblica" è stata pesantemente criticata per essere divisiva e contraria alla libertà di associazione e di espressione. La dispersione violenta delle proteste da parte della polizia è regolarmente riportata in paesi come il Belgio, la Spagna e la Svezia, dove le organizzazioni non governative hanno recentemente documentato diversi episodi di eccessiva violenza della polizia nella repressione delle manifestazioni. I governi usano anche leggi punitive per limitare le attività di alcune ONG, come la fornitura di aiuti umanitari ai migranti in Grecia, Malta o Italia. I governi di tutta l'UE non riescono ad affrontare le minacce e gli attacchi contro le ONG e gli attivisti, compreso il crescente fenomeno delle SLAPP, cause legali abusive contro coloro che parlano nell'interesse pubblico.

Aiutaci a combattere per i tuoi diritti Fai una donazione
Se il restringimento dello spazio della società civile è un fenomeno che è stato osservato per diversi anni, la nostra ricerca sull'impatto di COVID-19 mostra come le tendenze preoccupanti si siano accelerate durante la pandemia. Finanziamenti ridotti, restrizioni arbitrarie alla libertà di espressione e al diritto di protesta, e l'applicazione di leggi di emergenza senza spazio per la consultazione hanno ostacolato il lavoro delle organizzazioni non governative - rendendo più difficile trovare un percorso attraverso la crisi che sia il migliore per tutti.

La pressione cresce, ma con essa cresce anche la resilienza

In un contesto di crescente pressione, le ONG stanno unendo le loro forze e costruendo una capacità di resistenza contro gli attacchi.

La lotta per le ONG libere e indipendenti è stata un'area centrale del lavoro di Liberties fin dall'inizio, e ora stiamo investendo sempre più risorse ed energie per sostenere questi sforzi. Quest'anno, l'UE ha creato un nuovo fondo per fornire sostegno finanziario ai gruppi per i diritti e la democrazia, originariamente proposto da Liberties. In futuro, continueremo a sostenere le ONG nelle seguenti aree:

  • Monitoraggio e segnalazione delle minacce alle ONG per aiutare a mobilitare il sostegno pubblico e fare pressione sui governi nazionali e sull'UE per proteggere il nostro diritto a organizzarci attraverso l'associazione;
  • Rafforzare la nostra rete di membri nazionali per sostenere il loro lavoro sul campo, aiutando a unire le forze e imparare gli uni dagli altri;
  • Usare la nostra esperienza per sostenere le persone che lavorano nelle istituzioni dell'UE per le cose che possono fare per sostenere i diritti delle ONG, tra cui intraprendere azioni più decisive contro i governi, colmare le lacune legislative e incanalare meglio i finanziamenti;
  • Formazione e coaching di nostri membri e altre ONG su come parlare del loro lavoro in un modo che sia facile da capire e che risuoni con le persone. Una nuova guida di Liberties sullo spazio civico sarà rilasciata presto per consigliare le ONG su come aumentare la consapevolezza del loro ruolo chiave e modellare efficacemente le loro risposte alla diffamazione e agli attacchi.

Resta sintonizzato, seguici e aiutaci a proteggere i nostri protettori.