Technologie e Diritti

#StopSLAPPs - Le organizzazioni per i diritti umani hanno bisogno di leggi dell'UE che le proteggano da abusi legali

I politici corrotti e le aziende potenti usano le molestie legali per mettere a tacere le voci critiche minacciando i valori europei e lo stato di diritto. Abbiamo lanciato una proposta alla Commissione per proteggere i giornalisti e le ONG dalle SLAPP.

di Linda Ravo
#opslapps

I politici corrotti e le potenti aziende di tutta Europa usano sempre più spesso le nostre leggi e i nostri tribunali per molestare, rovinare e intimidire giornalisti e attivisti fino a farli tacere, avviando denunce abusive che sono diventate note come SLAPP. In un momento in cui la Commissione europea sta per pubblicare il suo Piano d'azione dell'UE sulla democrazia, Liberties e altre 60 ONG in tutta l'UE hanno appena pubblicato una proposta di legge europea anti-SLAPP per mostrare ai responsabili politici dell'UE che le regole per proteggere guardiani dei diritti da questi processi bavaglio sono a portata di mano e sono più che mai necessarie.

All'inizio di quest'anno, Liberties si è unita a un gruppo di ONG di tutta l'UE per sostenere i loro sforzi nel sollecitare i responsabili politici ad agire e porre fine ai processi bavaglio, noti come SLAPP, che le persone potenti usano per molestare i guardiani dei diritti civili pubblici come i giornalisti investigativi, gli attivisti e i difensori dei diritti in Europa. Il risultato del nostro impegno è una proposta di legge europea anti-SLAPP per sollecitare i legislatori europei a presentare presto delle regole forti per proteggere i guardiani dei diritti civili pubblici e le nostre democrazie da questo abuso.

Cosa sono le SLAPP e perché sono un problema?

Quando Daphne Caruana Galizia è stata assassinata per rappresaglia al suo giornalismo investigativo, erano già in corso più di 40 procedimenti giudiziari abusivi contro la giornalista maltese, molti dei quali sono ancora in corso contro il suo vedovo e i suoi tre figli. Dal 2015, il secondo quotidiano polacco, Gazeta Wyborcza, ha ricevuto oltre 55 minacce e cause legali da parte di diversi attori, tra cui il partito al governo polacco. L'uomo d'affari francese Vincent Bolloré e le società affiliate al Gruppo Bollore hanno sommerso giornalisti e ONG di cause per diffamazione per impedire loro di riferire sui loro interessi commerciali in Africa. In Spagna, il produttore di carne Coren chiede un milione di euro di danni a un attivista ambientale per aver criticato le sue pratiche di gestione dei rifiuti, avendo in precedenza minacciato attivisti e scienziati che stavano facendo ricerche sui livelli di nitrati nelle acque locali. I casi SLAPP contro giornalisti e attivisti sono costantemente riportati in tutto il continente.

"SLAPP" sta per “causa strategica contro la partecipazione pubblica”. Le SLAPP non mirano a vincere la causa in tribunale, ma ad avviare costosi procedimenti legali per trascinarli per anni con l'intento di prosciugare le risorse, danneggiare la reputazione e distruggere la vita privata dei giornalisti e degli attivisti a cui si rivolgono. Le SLAPP sono una forma efficace di censura usata da attori potenti per mettere a tacere le voci critiche e proteggersi da un controllo pubblico indesiderato. In realtà, la minaccia delle SLAPP spaventa la maggior parte degli altri giornalisti e delle organizzazioni anche solo per tentare di indagare e sensibilizzare sulle pratiche dannose delle società e dei politici corrotti.

Giornalisti, attivisti e difensori dei diritti umani contribuiscono al corretto funzionamento della democrazia e dello stato di diritto. Attraverso il loro lavoro, essi svelano i comportamenti scorretti e la corruzione, permettono ai cittadini di formarsi delle opinioni ben informate e di influenzare le decisioni di coloro che sono al potere su questioni che riguardano la loro vita e la società in cui vivono. I cittadini dovrebbero avere voce in capitolo nelle loro democrazie. Tollerare le SLAPP significa permettere alle imprese sospette e ai politici corrotti di abusare delle nostre leggi e dei nostri tribunali per interrompere il lavoro di quei guardiani dei diritti civili pubblici su cui i cittadini fanno affidamento per chiedere conto ai potenti. Significa permettere ai cittadini di essere esclusi dalle loro democrazie. Eppure, nessun paese dell'UE ha regole adeguate per fermare questo abuso.

Le regole dell'UE possono cambiare le carte in tavola

Le SLAPP rappresentano una minaccia per i valori europei e per l'ordinamento giuridico dell'UE.

Mettono a repentaglio la democrazia mettendo a tacere le stesse persone che permettono ai cittadini di prendere coscienza di avere voce in capitolo su questioni di interesse pubblico e di vedere cosa fanno i potenti. Esse minano le libertà civili ostacolando l'esercizio di diritti e libertà come la libertà di espressione, il diritto di manifestare o il diritto a un effettivo ricorso legale. Minacciano lo stato di diritto impedendo che la cattiva condotta e la corruzione siano immediatamente denunciate e perseguitate. Abusando e deformando la legge e i tribunali, le SLAPP sovraccaricano anche i nostri sistemi giudiziari e rappresentano una minaccia alla fiducia reciproca e alla cooperazione tra i tribunali dei paesi dell'UE. Inoltre, impediscono ai potenziali obiettivi di svolgere liberamente il loro lavoro nei paesi dell'UE in cui il rischio rappresentato dalle SLAPP è più elevato, compromettendo così la libera circolazione.

La consapevolezza di questo problema sta crescendo tra i responsabili politici dell'UE. Il vicepresidente della Commissione europea, Věra Jourová, ha promesso di "esaminare tutte le opzioni possibili" per contrastare la minaccia rappresentata dalle SLAPP. Il Piano d'azione dell'UE per la democrazia, che la Commissione europea dovrebbe presentare domani, dovrebbe annunciare le iniziative che la CE intende presentare nel 2021 per affrontare questo problema.

Siamo convinti che le SLAPP siano un problema dell'UE che necessita di soluzioni comunitarie. Una soluzione importante è rappresentata dalla legislazione europea. Una forte legislazione UE anti-SLAPP garantirebbe un livello elevato e uniforme di protezione contro le SLAPP in tutti i paesi dell'UE e fungerebbe da modello per i paesi dell'Europa allargata e non solo.

La nostra proposta di direttiva anti-SLAPP dell'UE

A sostegno dell'appello ad un'azione collettiva delle ONG di tutta l'UE ai responsabili politici dell'UE, Liberties e altre ONG hanno cercato di esplorare come potrebbe e dovrebbe essere una possibile legge europea anti-SLAPP. Oggi pubblichiamo il risultato di questo lavoro: una proposta per una direttiva europea anti-SLAPP, scritto da uno degli esperti di advocacy di Liberties con la partecipazione di una vasta gamma di accademici, avvocati, professionisti e vittime della SLAPP di tutta Europa e non solo. La proposta di legge europea propone un insieme di regole che, una volta in vigore, garantirebbe che in ogni paese dell'UE, come in altre parti del mondo:

  • Le domande SLAPP vengono archiviate in una fase iniziale del procedimento per evitare che si trascinino per anni, prevenendo così i loro effetti dannosi
  • coloro che intentano azioni SLAPP pagano per aver abusato della legge e dei tribunali e vengono esposti al pubblico per averlo fatto
  • le persone potenti sono scoraggiate dal lanciare SLAPP all'interno e all'esterno dell'UE contro gli organi di controllo dei diritti umani con sede nell'UE
  • Le vittime di SLAPP ricevono aiuto per difendersi in tribunale e per proteggere e sostenere meglio le persone più vulnerabili a questo abuso

Poiché la democrazia e lo stato di diritto sono sempre più sotto pressione in tutta l'UE, ci auguriamo che questo possa ispirare i legislatori europei a proporre con urgenza regole europee anti-SLAPP per proteggere le istituzioni pubbliche di controllo che aiutano a far sì che coloro che sono al potere rendano conto del proprio operato e mantengano vivo il dibattito democratico.

Scarica qui la proposta anti-SLAPP completa:

Report


#policypapers

#policypaper

#StopSLAPPs