Democrazia e Giustizia

Che cos'è la libertà di informazione? Funzione principale, significato, legge sull’accesso alle informazioni

La libertà di informazione è un diritto fondamentale riconosciuto dalle Nazioni Unite che impone allo Stato di condividere con i cittadini le informazioni di interesse pubblico. Migliora la trasparenza e la responsabilità e rafforza l'impegno civico.

di Eleanor Brooks

Cosa significa "libertà di informazione"?

La libertà di informazione è il diritto dei cittadini di accedere a informazioni di interesse pubblico quando sono in possesso dello Stato. È riconosciuto dalle Nazioni Unite come un diritto umano fondamentale ed è tutelato costituzionalmente in molti Paesi.

Il diritto di accesso alle informazioni si compone di due elementi. Il primo elemento obbliga gli enti pubblici a pubblicare informazioni sulle loro attività, politiche e bilanci. Ciò significa che lo Stato dovrebbe rendere disponibili in modo proattivo le informazioni, in modo che i cittadini possano capire più facilmente come funzionano le istituzioni pubbliche e quanto siano efficienti.

Il secondo elemento è di tipo reattivo e obbliga gli enti pubblici a rispondere alle richieste di informazioni e documenti da parte dei cittadini, anche senza fornire motivazioni. In teoria, tutte le informazioni rilevanti dovrebbero essere disponibili, ma sono ammesse eccezioni se la divulgazione mette a rischio altri valori come la privacy, la sicurezza nazionale o gli interessi commerciali.

Sosteniamo la democrazia tenendoti informato. Sostienici Fai una donazione

Qual è la funzione principale della libertà di informazione?

I governi hanno il dovere di agire nell'interesse dei cittadini. Se vogliamo responsabilizzare i politici, dobbiamo sapere in modo chiaro e dettagliato di cosa sono responsabili, cosa fanno e come funziona il sistema politico.

È più facile dirlo che farlo. Per la maggior parte di noi, che guardiamo il sistema solo dall'esterno, è praticamente impossibile capire nei minimi dettagli come funziona il nostro apparato statale. Probabilmente possiamo spiegare vagamente come funziona una moderna democrazia rappresentativa, ma in pratica si tratta di un sistema contorto composto da molte parti in movimento. Con innumerevoli ministeri ed enti pubblici, ognuno con le proprie regole, responsabilità e leggi, è impossibile per il profano medio capire il funzionamento interno dello Stato.

Inoltre, la maggior parte di noi è impegnata nella propria vita e non ha né il tempo né la voglia di fare ricerche approfondite.


L'ignoranza è il terreno ideale per la corruzione, la cattiva gestione e la discriminazione, ed è proprio su questo che fanno leva politici e aziende senza scrupoli. L'informazione è un antidoto perché smaschera gli illeciti e crea una cultura della responsabilità. L'accesso all'informazione è quindi uno dei requisiti fondamentali per una democrazia sana, perché consente al pubblico di informarsi, di impegnarsi e incoraggia un impegno civico significativo.

Il principio della libertà di informazione è stato stabilito per rafforzare la trasparenza, garantire la responsabilità del governo, migliorare la conoscenza pubblica e agire come deterrente contro la cattiva gestione e la corruzione. Per questo motivo, le Nazioni Unite ritengono essenziale sostenere lo Stato di diritto.

Richiedere ai politici di essere trasparenti sulle loro azioni, ad esempio su come spendono il denaro pubblico, riduce la probabilità che abusino del loro potere e aumenta l'integrità della loro carica. Questo a sua volta rafforza la fiducia nel governo e contribuisce a una democrazia stabile e resistente.

Il diritto alla libertà di informazione è alla base del principio del "diritto di sapere" ed è ampiamente utilizzato dai "cani da guardia" della società, come giornalisti, organizzazioni della società civile e accademici, per monitorare e valutare il comportamento del governo.

Dal punto di vista della protezione dei dati, è importante che i cittadini abbiano il diritto di chiedere l'accesso alle informazioni che il governo detiene su di loro.

Nel mondo: quanto è libero il flusso di informazioni nei vari Stati?

Il libero accesso alle informazioni non è ancora possibile ovunque nel mondo, ma la tendenza verso una maggiore apertura e trasparenza va nella giusta direzione.

La Svezia è considerata il Paese con le leggi sulla libertà di informazione più antiche del mondo, in quanto la legge sulla libertà di stampa (Act) è stata approvata nel 1766. La legge segnò la fine della censura e stabilì il diritto del pubblico di ispezionare i documenti ufficiali delle istituzioni pubbliche svedesi.

Da questi umili inizi, l'accesso alle informazioni è migliorato a passi da gigante in tutto il mondo, soprattutto negli ultimi 15 anni. Se nel 1990 solo 13 Paesi avevano una legge sul diritto all'informazione, oggi sono 118, che coprono quasi il 90% della popolazione mondiale. Questi cambiamenti si riflettono non solo nelle leggi, ma anche in un cambiamento di mentalità verso una forma di democrazia più aperta e trasparente. Grazie al diritto di accesso alle informazioni, i cittadini possono esercitare i propri diritti e assicurarsi che gli enti pubblici tutelino i loro interessi in conformità con la legge.

Ma c'è ancora molto da fare. Il rapporto sullo Stato di diritto di Liberties ha dimostrato che in Europa manca ancora un reale impegno per la trasparenza, come dimostrano gli attacchi alle voci critiche dei media e delle organizzazioni della società civile e la mancanza di trasparenza nel sistema giudiziario. In particolare, il rapporto di Liberties è stato in grado di mostrare in che misura un atteggiamento ostile nei confronti dei media porti a maggiori restrizioni nell'accesso alle informazioni di interesse pubblico. L'accesso alle informazioni sensibili è stato limitato in diversi Paesi, compresi quelli con una forte democrazia: Belgio, Irlanda, Italia, Ungheria, Paesi Bassi, Polonia, Slovenia e Spagna. Questo rende molto più difficile il lavoro di attivisti, giornalisti, difensori dei diritti civili e cani da guardia.


Che cos'è la Legge sulla libertà di informazione?

La Legge sulla libertà di informazione è la base giuridica del diritto all'informazione che il pubblico può invocare per accedere alle informazioni in possesso delle autorità pubbliche.

La legge dà a qualsiasi membro del pubblico il diritto di richiedere determinati documenti, come ad esempio una copia di qualsiasi documento in archivio che riporti il suo nome.

Come già detto, la Legge sulla libertà di informazione si compone di due parti:

  • gli enti pubblici hanno l'obbligo di pubblicare informazioni sulle loro attività
  • il pubblico ha il diritto di richiedere informazioni agli enti pubblici.
Anche se le leggi sulla libertà di informazione sono leggi nazionali, cioè si applicano a livello nazionale, i cittadini dell'Unione europea hanno il diritto di accedere alle informazioni in possesso delle istituzioni dell'UE ai sensi dell'articolo 15 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea. Ciò significa che i cittadini possono ottenere documenti dal Parlamento europeo, dal Consiglio e dalla Commissione europea, come informazioni sulla legislazione, documenti ufficiali o verbali di riunioni.


Legge sulla libertà di informazione: come si fa una richiesta?

La procedura per presentare una richiesta di informazioni ai sensi della legge sulla libertà di informazione è descritta nella legislazione nazionale pertinente, ma di solito segue una formula semplice.

La persona o l'organizzazione che richiede le informazioni deve presentare la richiesta per iscritto, fornendo i propri dati personali (nome e indirizzo di posta elettronica) e specificando quali informazioni richiede e in quale formato. Di norma, il diritto si estende solo alle informazioni registrate, ossia alle informazioni memorizzate nei computer, nelle e-mail, nei documenti stampati o scritti a mano, nonché alle immagini, alle registrazioni video e audio.

Altri articoli/video/audio su questo argomento:

The Legacy Of Daphne Caruana Galizia & What The EU Should Do To Protect Journalists, NGOs

Cos'è il giornalismo watchdog: definizione, esempi, impatto sulla democrazia?

5 motivi per cui la libertà di espressione è importante in una democrazia