Democrazia e Giustizia

Cos'è lo spazio civico, perché è una pietra miliare per ogni società democratica e come lo proteggiamo?

Cosa significa spazio civico e perché è una pietra miliare di ogni democrazia? Anche se ci sono differenze nel mondo, lo spazio civico è una parte centrale della democrazia e tutti noi possiamo contribuire a proteggerlo.

di Jonathan Day

Cos'è lo spazio civico?

Un elemento essenziale di ogni vera democrazia è la libertà delle persone di esercitare alcuni diritti fondamentali senza impedimenti da parte del governo. Questi diritti includono la libertà di espressione, la libertà di associazione e la libertà di riunione. Lo "spazio" che permette alle persone di esercitare liberamente questi diritti - di dire ciò che pensano e scambiare idee con altri, di protestare contro cose che non sono nel loro interesse, di unirsi in gruppi e organizzazioni di cittadini - è chiamato "spazio civico".


Perché lo spazio della società civile è una pietra miliare di ogni società democratica?

Ogni democrazia ha bisogno dello spazio civico perché dà alle persone l'opportunità di esercitare i loro diritti fondamentali e dà ai cittadini e alle organizzazioni della società civile la libertà di organizzarsi in gruppi, di protestare contro le minacce alle loro libertà e alla democrazia, e di discutere i loro problemi con il governo.

Le organizzazioni della società civile hanno un ruolo di primo piano nello spazio civico. Fanno funzionare la democrazia dando alle persone un modo per comunicare con i loro rappresentanti eletti. Tengono la gente informata su come i politici usano le risorse e i poteri che gli vengono dati. E assicurano che i governi non infrangano la legge e violino i diritti umani. Più un governo è responsabile nei confronti del popolo, e più il popolo è coinvolto nel governo, più è probabile che i politici agiscano nell'interesse del popolo piuttosto che nei propri interessi.

Quali sono gli elementi di base dello spazio civico?

Lo spazio civico permette l'esercizio di tre diritti fondamentali che sono centrali per ogni democrazia: libertà di espressione, libertà di associazione e libertà di riunione. Questi tre diritti sono la base perché le persone interagiscano non solo tra di loro - per scambiare idee e discutere di politiche, leggi o altre questioni importanti - ma anche con il governo, in modo che le persone abbiano un canale per raggiungere i politici (per esempio attraverso le organizzazioni della società civile) e possano esprimere le loro preoccupazioni senza paura di rappresaglie.

La libertà di espressione, chiamata anche libertà di parola, è il nostro diritto di poterci esprimere come vogliamo in qualsiasi momento, a patto che i diritti degli altri non vengano violati nel processo. Questo significa che le persone hanno il diritto di essere critiche nei confronti del loro governo o delle sue politiche, sia che parlino solo per se stessi o in gruppo. Condividere qualcosa sui social media, scrivere un blog, partecipare a proteste pacifiche o anche scrivere una lettera al tuo politico locale - questi sono tutti esempi di libertà di parola e devono essere protetti.

Il diritto delle persone di unirsi o formare gruppi e il diritto di questi gruppi di fare campagne per i loro scopi legittimi si chiama libertà di associazione. Dà alle persone il diritto di identificarsi con altre persone che la pensano come loro e di sostenere le cause in cui credono. Quando uniamo le nostre voci in gruppi, il nostro messaggio ha più peso e aumenta la probabilità che i politici ascoltino le nostre richieste e le prendano sul serio.

Questi gruppi, che siano gruppi di cittadini, organizzazioni per i diritti umani o enti di beneficenza che aiutano, per esempio, gli anziani o i senzatetto, sono chiamati collettivamente società civile. È la parte della nostra società che non è associata a politici o partiti politici, ma è comunque coinvolta in questioni politiche e sociali. Le organizzazioni della società civile sono anche attori importanti nella protezione dello spazio civico. Anche nell'Unione Europea ci sono governi autoritari che non rispettano i diritti fondamentali e lo spazio civico, ma vedono queste cose come una minaccia. I gruppi della società civile fanno crescere la consapevolezza quando i nostri diritti sono minacciati e lavorano per respingere le minacce e preservare lo spazio civico.

Sostieni il nostro lavoro per fermare lo smantellamento dello spazio civico Fai una donazione

La libertà di riunione è il nostro diritto di riunirci pacificamente per esprimere le nostre opinioni su questioni che riteniamo di interesse pubblico. Il più delle volte questo prende la forma di proteste e le proteste pacifiche sono effettivamente un segno di una sana democrazia. Quando le persone possono esprimere le loro preoccupazioni liberamente e senza ostacoli in pubblico, ciò aiuta a informare gli altri cittadini su questioni di cui potrebbero non essere consapevoli e aiuta il governo a capire quali questioni o problemi sono importanti per le persone.

Perché e come lo spazio civico è diverso nel mondo?

In un mondo ideale, lo spazio civico sarebbe lo stesso in ogni paese - esistente, forte e non ostacolato dal governo. In realtà, però, non è così. In molti paesi, anche quelli con forti tradizioni democratiche come l'UE, ci sono limiti allo spazio civico. Questo accade quando la democrazia stessa non è forte, poiché i governi che non devono temere di perdere il potere (come in Ungheria) sono poco incentivati ad agire nell'interesse pubblico.

Ci sono alcune organizzazioni che lavorano per migliorare la forza dello spazio civico nel mondo. Un buon esempio è il CIVICUS Monitor, che valuta i paesi su quanto bene sostengono i diritti fondamentali e proteggono lo spazio civico. Secondo questo gruppo, meno del 4% della popolazione mondiale vive in un paese con uno spazio civico "aperto", mentre quasi il 70% vive in paesi dove l'organizzazione descrive lo spazio civico come "represso" o "chiuso".

Quali sono le maggiori minacce allo spazio civico?

Lo spazio civico affronta una miriade di minacce, anche in paesi che consideriamo vere democrazie. Fattori aggiuntivi, come la pandemia di coronavirus, possono esacerbare queste minacce. Per esempio, anche paesi come la Germania e la Francia hanno limitato le proteste pacifiche e altri diritti durante la pandemia - a volte giustificati dalla necessità di proteggere la salute pubblica, ma spesso no.

In generale, tuttavia, ci sono alcune minacce allo spazio civico che sono comuni a molti paesi, indipendentemente dalle questioni del giorno. Queste includono:

  • Attacchi contro i difensori dei diritti umani e le organizzazioni della società civile, specialmente quelle che lavorano per i diritti delle persone LGBTQI, delle donne e delle minoranze.
  • Molestie, intimidazioni e sorveglianza degli attivisti
  • Interferenza con il diritto di protestare pacificamente, spesso includendo l'arresto e la persecuzione di persone che partecipano alle proteste
  • Censura online
  • Leggi che proibiscono alle organizzazioni della società civile di ricevere finanziamenti stranieri, che sono un'importante fonte di finanziamento per molti di questi gruppi, e restrizioni legali ingiustificate sul lavoro dei gruppi della società civile.
  • Ostacoli burocratici e di altro tipo concepiti per impedire ai gruppi della società civile di svolgere il loro lavoro, o addirittura per esporli a procedimenti giudiziari

Queste minacce hanno un serio impatto sullo spazio civico, restringendolo e inducendo molte persone a non partecipare a proteste o ad unirsi a gruppi per paura di rappresaglie da parte del governo.


Quali conseguenze possono esserci se lo spazio civico viene eliminato?

Se lo spazio civico viene ridotto o abolito del tutto, è anche la fine della democrazia. Questo può sembrare estremo, ma è fondamentalmente vero, perché la democrazia è molto più del semplice diritto di voto delle persone. È anche il diritto delle persone di partecipare al discorso pubblico, di esprimere le proprie opinioni, di formare gruppi e di dire la propria opinione, anche a politici, imprese o altre figure di potere e autorità.

Se non c'è uno spazio civico, le minacce alle persone che vogliono esercitare i loro diritti e impegnarsi negli affari pubblici aumentano. Possono anche essere imprigionati o perseguiti in base a leggi ingiuste approvate con l'intenzione di mettere a tacere le critiche al governo o di ostacolare il lavoro delle organizzazioni che lavorano per denunciare la corruzione o altri illeciti. Tutto questo ha un effetto raggelante sul discorso pubblico e limita il libero flusso di informazioni, idee e notizie.

Come si può rafforzare e proteggere lo spazio civico?

Proteggere lo spazio civico inizia con il rendere chiara la sua importanza alle persone. Troppe persone non capiscono perché i loro diritti fondamentali sono importanti e quanto facilmente possono essere limitati. L'importanza dello spazio civico nella protezione dei nostri diritti, sia attraverso l'esercizio individuale di tali diritti sia attraverso le organizzazioni che lavorano per promuoverli e proteggerli, deve essere meglio comunicata al pubblico.

Quando il governo promulga leggi dure e ingiuste che limitano i diritti delle persone, queste dovrebbero ovviamente essere combattute attraverso il processo legale il più possibile. Ma al di là di questo, gli attivisti e le organizzazioni della società civile devono fare appello ai nostri valori condivisi come esseri umani, a cose come la libertà personale, l'uguaglianza dei diritti e le pari opportunità, per sottolineare l'importanza dello spazio civico. L'Unione delle Libertà Civili per l'Europa sostiene questo approccio comunicativo del cosiddetto framing basato sui valori per influenzare l'opinione pubblica a favore della protezione dei nostri diritti e dello spazio civico che li rende possibili.

Come puoi partecipare allo spazio civico?

Ognuno di noi può contribuire a plasmare e rafforzare lo spazio civico. Se ci sono questioni che ti stanno a cuore o problemi che vedi, parlane, anche sui social media o in un altro modo conveniente. Oppure unisciti a un gruppo o un'associazione che lavora per un obiettivo comune, come sostenere le minoranze o proteggere le persone LGBTQI. È importante che esercitiamo i nostri diritti per proteggerli, perché più lo facciamo, più saranno sanciti e accettati, e più è probabile che i decisori prendano nota delle nostre preoccupazioni e cambino rotta.

Altri articoli su questo argomento: