Democrazia e Giustizia

5 motivi per cui la libertà di espressione è importante in una democrazia

Perché è importante la libertà di espressione? Perché è un principio fondamentale in una democrazia? In che modo viene minacciata? Come possiamo proteggerla?

di Eleanor Brooks

Cos'è la libertà di espressione?

La libertà di espressione è uno dei pilastri fondamentali che sostengono il processo democratico e proteggerla è essenziale se vogliamo vivere in una società giusta e uguale per tutti. Non farlo indebolisce la democrazia.

Ogni volta che condividi una notizia sui tuoi social media, partecipi a una protesta o scrivi al tuo politico locale su una questione che ti sta a cuore, questa è libertà di espressione in azione. Non tutti i discorsi sono considerati liberi. Per esempio, discutere a tavola se mangiare o meno le verdure non è considerata libertà di espressione.


La libertà di espressione esiste quando i cittadini possono esprimere la loro opinione - comprese le opinioni critiche nei confronti del governo - senza temere conseguenze negative, come il carcere o le minacce di violenza.

Nel 2000 la libertà di espressione è stata sancita come un diritto fondamentale nell'articolo 11 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea:

  1. Ogni individuo ha diritto alla libertà di espressione. Tale diritto include la libertà di opinione e la libertà di ricevere o di comunicare informazioni o idee senza che vi possa essere ingerenza da parte delle autorità pubbliche e senza limiti di frontiera.
  2. La libertà e il pluralismo dei media devono essere rispettati.

Tuttavia, la definizione di libertà di espressione non protegge ogni tipo di discorso. Come tutti i diritti fondamentali, il diritto alla libertà di espressione non è assoluto, il che significa che può essere soggetto a restrizioni, purché abbiano una base legale. Le restrizioni devono soddisfare due condizioni: 1) sono proporzionate - le restrizioni non sono più forti del necessario per raggiungere il loro scopo 2) sono necessarie e realisticamente soddisfano obiettivi di interesse generale o sono necessarie per proteggere i diritti e le libertà degli altri.

Quindi, qualcuno che si impegna in forme criminali di espressione, come discorsi di odio, contenuto terroristico o pornografia infantile, non può difendersi invocando il suo diritto alla libertà di espressione.

Perché la libertà di espressione è importante in una democrazia? Perché è un principio fondamentale?

L'obiettivo della democrazia è di avere una società pluralista e tollerante. Affinché questo abbia successo, i cittadini dovrebbero essere in grado di parlare liberamente e apertamente di come vorrebbero essere governati e criticare chi è al potere.

Questo scambio di idee e opinioni non avviene solo una tantum nel giorno delle elezioni, ma è una comunicazione bidirezionale continua che ha luogo durante tutto il mandato di un governo.
Sostieni il nostro lavoro proteggendo la tua libertà di espressione Fai una donazione

1. Permette di lottare per la verità

Per permettere ai cittadini di prendere decisioni significative su come vogliono che la società funzioni, hanno bisogno di accedere a informazioni veritiere e accurate su una vasta gamma di argomenti. Questo può accadere solo quando le persone si sentono sicure di discutere le questioni che riguardano le loro comunità.

Proteggere la libertà di espressione incoraggia le persone a parlare, il che rende più facile affrontare i problemi sistemici dall'interno. Questo dissuade le persone dall'abusare del loro potere, il che aiuta tutti a lungo periodo.

2. Rende tutti più responsabili

Quando si tratta di elezioni, i cittadini hanno l'opportunità di chiedere conto ai loro politici. Per decidere chi votare, hanno bisogno di capire quanto bene si è comportato un partito politico quando era al potere e se ha mantenuto o meno le sue promesse elettorali.

Riportando le questioni sociali più urgenti della società, i media e le organizzazioni della società civile (OSC) contribuiscono alla percezione pubblica di quanto bene stia facendo il governo. Tuttavia, questo è utile solo se sono liberi di coprire in modo veritiero storie che sono critiche nei confronti dello stato.

3. Permette partecipazione attiva dei cittadini

Le elezioni e i referendum sono una buona opportunità per i cittadini di plasmare la direzione della società, ma si svolgono solo ogni due anni.

La libertà di espressione rafforza altri diritti fondamentali come la libertà di riunione, che i cittadini usano per influenzare il processo decisionale pubblico assistendo a proteste, manifestazioni o partecipando a campagne.

Questo permette loro di protestare contro una decisione impopolare, come il divieto di aborto in Polonia, o mostrare al governo che vogliono un'azione politica più forte su una questione importante. Quando i manifestanti in Germania hanno riempito le strade a centinaia di migliaia per protestare contro la guerra in Ucraina, questo ha inviato un forte segnale al governo che la gente sosteneva dure sanzioni contro la Russia.


4. Promuove il giusto trattamento delle minoranze

In una società democratica, tutti dovrebbero essere trattati in modo uguale e giusto. Tuttavia, i gruppi minoritari che sono sottorappresentati nel governo sono spesso messi da parte, e le loro opinioni vengono trascurate a favore di quelle appartenenti al gruppo sociale dominante.

Facendo campagne e parlando apertamente dei problemi che riguardano le loro comunità, le persone emarginate possono ottenere un ampio sostegno pubblico per la loro causa. Questo aumenta la loro capacità di influenzare l'agenda pubblica e porre fine agli abusi dei diritti umani.

5. È essenziale per il cambiamento e l'innovazione

Tutti vogliamo che la società diventi migliore per tutti, ma perché questo accada la società ha bisogno di incoraggiare e sostenere la libertà di espressione. I governi autoritari che sopprimono le critiche e trattengono le informazioni di interesse pubblico negano ai cittadini il diritto di prendere decisioni informate o di agire su importanti questioni sociali.

Trattenere informazioni vitali fa sì che i problemi si inaspriscano e peggiorino. Questo ostacola il progresso e rende molto più difficile trovare una soluzione quando il problema viene finalmente alla luce.

In Cina, per esempio, un medico che ha cercato di avvertire la comunità medica di un virus mortale - Covid-19 - è stato invitato a "smettere di fare commenti falsi" ed è stato indagato per "diffusione di voci". Questo ha avuto l'effetto devastante di ritardare l'introduzione di misure per contenere il Covid-19, che ha provocato una pandemia globale e milioni di morti.

Quali sono le minacce alla libertà di espressione?

1. Governo

I governi autoritari, il cui obiettivo principale è quello di rimanere al potere, vogliono assicurarsi che qualsiasi copertura mediatica sia favorevole. Per controllare la narrazione pubblica, nominano rappresentanti politici alle autorità dei media ed esercitano il controllo finanziario ed editoriale sui principali media. Come riportato dalla nostra organizzazione membro nel nostro 2022 Media Freedom Act, un esempio lampante è l'Ungheria, dove oltre l'80% del mercato dei media è controllato direttamente o indirettamente dal governo ungherese.

2. Legge

I governi usano riforme legali restrittive, il controllo della folla da parte della polizia o misure eccezionali di emergenza per limitare la libertà di espressione.

In risposta all’emergenza durante la pandemia Covid-19, paesi come Belgio, Bulgaria, Germania, Slovenia e Spagna hanno limitato in modo sproporzionato l'esercizio del diritto di protestare nell'interesse della salute pubblica attraverso la brutalità della polizia e gli arresti degli attivisti.

Altri strumenti legali usati dallo stato per controllare il flusso di informazioni includono la criminalizzazione della diffusione di informazioni false o la negazione dell'accesso alle informazioni.

In Russia, l'invasione dell'Ucraina è definita da Putin come una "operazione militare" e i russi sanno che usare la parola "guerra" li esporrà alla legge sulle "fake news", che comporta una pena detentiva fino a 15 anni. Come risultato, molti russi che si oppongono alla guerra sono messi a tacere, mentre altri non sono a conoscenza della verità di ciò che sta accadendo.

3. Attacchi a giornalisti, OSC e whistleblowers

I politici e le figure influenti che temono che i giornalisti espongano il loro comportamento corrotto ricorrono a tattiche sporche ed extra-legali per metterli a tacere. Strategie comuni includono molestie legali attraverso SLAPP (cause legali strategiche) o campagne diffamatorie volte a screditare le OSC critiche.

I whistleblower hanno subito conseguenze personali devastanti per aver fatto luce su attività contrarie all'interesse pubblico, come la corruzione, le attività illegali o le frodi.

Anche i giornalisti e i difensori dei diritti civili sono sempre più esposti a violenze verbali o fisiche, anche da parte della polizia.


4. Online

I discorsi di odio o il trolling online possono creare un ambiente digitale ostile che scoraggia le donne e le persone emarginate dal partecipare ai dibattiti sociali online.

Tuttavia, gli sforzi ben intenzionati per affrontare questo problema possono inavvertitamente creare gli stessi effetti di silenziamento.

L'Unione europea sta attualmente spingendo attraverso il Digital Services Act, volto a rendere internet un luogo più sicuro e a proteggere la libertà di espressione online. Tuttavia, la soluzione proposta per eliminare la disinformazione potrebbe avere l’effetto opposto. Nella nostra lettera agli eurodeputati, abbiamo sconsigliato l'uso obbligatorio di filtri di caricamento per rimuovere i contenuti online dannosi, poiché non sono abbastanza sofisticati per distinguere l’umorismo dall’abuso. Se usati, potrebbero limitare la libertà di espressione online.

5. Autocensura

Quando la libertà di espressione è sotto attacco, si manda il messaggio che dire la verità potrebbe mettere in pericolo. L'ambiguità che esiste intorno a ciò che è accettabile e ciò che non lo è fa sì che le persone agiscano con cautela, quindi iniziano ad autocensurarsi. Il nostro 2022 Media Freedom Report ha rivelato che i giornalisti in Bulgaria, Germania, Ungheria, Italia, Slovenia e Svezia si sono autocensurati a causa di attacchi o molestie online.

Come proteggere la libertà di espressione?

Per proteggere la libertà di espressione, ci dovrebbero essere leggi per proteggere gli individui e le organizzazioni che sono minacciate per aver denunciato la corruzione o il comportamento non etico. I giornalisti, i cani da guardia, gli attivisti e i whistleblower dovrebbero ricevere una solida protezione legale che permetta loro di svolgere il proprio lavoro in sicurezza e li protegga dalle ritorsioni di coloro che vogliono metterli a tacere.

Questo è il motivo per cui Liberties sta lavorando duramente per fare una campagna a favore di leggi migliori per proteggere la libertà dei media. Il Media Freedom Act (MFA) attualmente in fase di elaborazione da parte della Commissione europea potrebbe fare una vera differenza. Abbiamo inviato alla Commissione il nostro Media Freedom Report che ha verificato lo stato della libertà dei media in 15 paesi dell'UE, così come un documento politico che delinea le raccomandazioni che crediamo il MFA dovrebbe affrontare. Dovrebbe includere misure per aumentare la trasparenza sulla proprietà dei media e sviluppare regole su come rendere più sicuro il lavoro dei giornalisti.