Democrazia e Giustizia

Festa dell'Europa: un momento per ricordare che l'UE deve prendersi cura dei guardiani della democrazia

La Giornata dell'Europa dovrebbe ricordarci che i valori che condividiamo possono prosperare solo quando sono coltivati, e che l'UE deve proteggere coloro che si prendono cura delle nostre democrazie.

di Israel Butler & Linda Ravo

La Giornata dell'Europa è un'occasione per ricordare che ciò che ci unisce è più importante di ciò che ci divide. L'UE offre la possibilità di unirsi attraverso le differenze nazionali, culturali e religiose per promuovere valori che tutti condividiamo, come la democrazia, lo stato di diritto e i diritti fondamentali. I politici populisti autoritari fanno del loro meglio per dividerci sulla base della nostra provenienza, di chi amiamo o di chi preghiamo.

Ma in realtà, la maggior parte della gente vuole le stesse cose: leader che si impegnano, che lavorano per il bene dei cittadini, e governi che forniscono pari opportunità a tutte le persone. Nella Giornata dell'Europa dovremmo ricordare le organizzazioni della società civile che, insieme ai giornalisti e altri guardiani dei diritti umani, lavorano per rendere questi valori una realtà e per assicurare che le nostre società siano libere e giuste.

Eppure questi difensori della democrazia sono sempre più sotto attacco, e non solo dai soliti sospetti autoritari. Campagne diffamatorie orchestrate dal governo, restrizioni di finanziamento e limitazioni ingiuste al loro lavoro minacciano la loro esistenza e, con essa, i nostri diritti e la nostra democrazia.

I governi cambiano le carte in tavola

Anche nei paesi con forti democrazie, le organizzazioni della società civile (OSC) affrontano notevoli pressioni. In Francia, una nuova legge permette al governo di rimuovere o negare il finanziamento pubblico alle organizzazioni il cui lavoro ritiene non essere in linea con i "valori nazionali". Quest'ultimo, tuttavia, è stato lasciato indefinito, forse intenzionalmente. Il recente scioglimento di due gruppi, il Collettivo contro l'islamofobia in Francia e il Coordinamento contro il razzismo e l'islamofobia, mostra che il governo userà questo potere.

Recentemente, i governi di Croazia, Estonia, Francia, Germania, Ungheria e Slovenia hanno reso la vita difficile alle OSC. In Germania, per esempio, i politici di centro-destra, sotto la pressione delle lobby imprenditoriali, hanno approfittato di una legislazione obsoleta per far ritirare l'esenzione fiscale alle OSC che sostengono cause che interferiscono con i loro interessi, come la protezione ambientale.

La situazione è molto peggiore nei paesi che stanno perseguendo una strategia deliberata per distruggere la democrazia. Dopo che la Corte di giustizia ha stabilito che la legge ungherese contro le ONG violava il diritto comunitario, il governo l'ha semplicemente sostituita con un'altra legge problematica. Il governo polacco, che in passato ha orchestrato campagne diffamatorie contro le organizzazioni della società civile che sostengono l'uguaglianza per le persone LGBTIQ e l'accesso all'aborto, ora molesta le organizzazioni che aiutano le persone che cercano di fuggire in Polonia dalla Bielorussia.

Logorare l'attivismo attraverso false accuse

Oltre alle campagne diffamatorie e alle leggi restrittive, alcuni politici e imprese ricorrono a false accuse per impedire alle organizzazioni della società civile e ai giornalisti di denunciare comportamenti illegali e corrotti. Queste sono chiamate le SLAPP: cause strategiche contro la partecipazione pubblica. I trasgressori iniziano le SLAPP senza la pretesa di vincere; il loro scopo è quello di usare le loro risorse per sottoporre i guardiani dei diritti umani a battaglie giudiziarie senza fine che prosciugano i loro fondi e logorano la resistenza di attivisti e giornalisti. L'obiettivo finale è quello di dissuadere le organizzazioni della società civile e i media dall'esporre qualsiasi pratica illegale o immorale o manipolare l'opinione pubblica.

Per esempio, nel marzo 2022, Greenpeace Spagna e altre organizzazioni sono state citate in giudizio per diffamazione dall'agribusiness Valle de Odieta, dopo aver denunciato l'inquinamento dell'acqua e del suolo da un gigantesco allevamento industriale di mucche di proprietà della società. In Slovenia, il procuratore di stato ha condannato uno dei leader delle proteste ciclistiche del venerdì a pagare più di 50.000 euro di multe, presumibilmente per coprire i costi di polizia delle proteste antigovernative.


Segni positivi che alimentano la speranza di cambiamento

La Commissione europea ha riconosciuto che le SLAPP sono un problema per la democrazia. Il mese scorso ha presentato una proposta di legge per cercare di frenare le SLAPP. Ha anche intensificato il sostegno alle organizzazioni della società civile aumentando le opportunità di finanziamento (nell'ambito del nuovo programma Cittadini, uguaglianza, diritti e valori), e ha promesso di studiare lo stato dello spazio civico in un rapporto atteso entro l'anno.

Anche in altri settori c'è motivo di speranza per il futuro della democrazia. La Commissione ha finalmente usato nuovi poteri per fermare l'invio di fondi UE all'Ungheria. Il governo ungherese stava usando i soldi dell'UE per riempire le tasche dei suoi alleati commerciali, che a loro volta lo aiutavano a rimanere al potere. E i risultati delle elezioni in Francia e in Slovenia mostrano che gli elettori stanno resistendo alla disinformazione e alla divisione diffusa dall'estrema destra.

Ma nonostante queste ragioni di speranza, questa Festa dell'Europa dovrebbe ricordarci che i valori che condividiamo possono prosperare solo se vengono coltivati, e che l'UE deve proteggere meglio coloro che si prendano cura delle nostre democrazie. Ecco perché, se vuole seriamente far funzionare la democrazia per tutti noi, deve incoraggiare il sostegno pubblico al lavoro delle organizzazioni della società civile, proteggere gli attivisti dagli attacchi, creare un quadro che permetta loro di svolgere il loro lavoro e facilitare il loro accesso ai finanziamenti.

Questo articolo è stato precedentemente pubblicato su EUobserver.

Leggi di più su questo argomento: