Democrazia e Giustizia

Le misure di emergenza pandemica sono state "normalizzate" in alcuni paesi dell'UE. Comunicato stampa: audit di riferimento sullo stato di diritto

Berlino, 15 febbraio 2022

by LibertiesEU
Rol press-18

In diversi paesi dell'UE, le organizzazioni per i diritti umani sono preoccupati che le misure di emergenza pandemica si siano normalizzate, mentre regimi sempre più autoritari hanno ulteriormente eroso gli standard democratici tra le persistenti sfide portate dalla pandemia, secondo un’ampia annalisi annuale dello stato di diritto in Europa, pubblicata oggi.

L'Europa ha continuato il preoccupante allontanamento dalle libertà civili nel 2021

Due anni dopo lo scoppio del Covid-19, i governi sembrano incapaci o non disposti a rinunciare ai poteri restrittivi della pandemia o a sottoporli ai normali controlli democratici, secondo il rapporto di 486 pagine della Civil Liberties Union For Europe (Liberties), un'organizzazione per i diritti civili con sede a Berlino e 19 membri in tutta Europa. Poiché i controlli sui governi sono già indeboliti in diversi paesi da inefficaci meccanismi di revisione costituzionale, accesso limitato alla revisione giudiziaria, scarsa consultazione pubblica e assenza di organi di controllo indipendenti ed efficaci, le organizzazioni per i diritti umani sono preoccupati che questo possa portare a una progressiva riduzione a lungo termine del controllo parlamentare e della società civile sul ramo esecutivo.

Il rapporto sullo stato di diritto 2022 di Liberties, Liberties Rule of Law Report 2022, è l’analisi più completa dello stato delle libertà civili e dei media, della giustizia, della lotta alla corruzione e dei controlli sul potere in Europa. Raccoglie gli aggiornamenti di 32 organizzazioni per le libertà civili in 17 paesi: Belgio, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Estonia, Francia, Germania, Ungheria, Irlanda, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna e Svezia.

Le pressioni sui media e le libertà civili per mettere a tacere le critiche sono aumentate


I risultati del rapporto e le raccomandazioni saranno usati dalla Commissione europea nel suo meccanismo di monitoraggio e nel suo rapporto annuale sullo stato di diritto, che vedrà i funzionari fare il giro d'Europa nei prossimi mesi.

Altri risultati importanti del rapporto sono:

  • L'Ungheria e la Polonia hanno continuato a scivolare nell'autoritarismo, accelerando lo smantellamento degli standard democratici con l'acquisizione di un ulteriore controllo del sistema giudiziario, della società civile e dei media, mentre limitavano i diritti umani fondamentali e alimentavano le divisioni usando come capro espiatorio i migranti e altri gruppi minoritari. La Slovenia, profondamente polarizzata, soffre di un clima di ostilità e sfiducia, con figure di spicco responsabili di aver defiscalizzato i media, intentato cause legali abusive e minacciato le voci critiche, tra gli altri problemi.
  • La libertà dei media e la società civile hanno subito ulteriori pressioni in molti paesi, con i giornalisti che hanno dovuto affrontare un ambiente di lavoro sempre più insicuro, con più violenza verbale e fisica rispetto agli anni precedenti, anche da parte della polizia, nonché discorsi di odio online e molestie legali.
  • Nel complesso, il rapporto trova pochi segni di progresso sullo stato di diritto. La maggior parte dei governi ha permesso la stagnazione dei problemi esistenti. I livelli di corruzione sono generalmente rimasti gli stessi o sono aumentati, e in vari paesi vengono segnalati problemi di corruzione nella gestione della pandemia e nell'uso (scorretto) dei fondi di recupero dell'UE. Le organizzazioni della società civile e i difensori dei diritti continuano a subire attacchi verbali e fisici, molestie legali e campagne diffamatorie, soprattutto quelli che lavorano sui temi sensibili come i diritti delle minoranze religiose ed etniche, le persone LGBTQI+, la protezione ambientale e la violenza contro la polizia. In molti paesi, le leggi limitano ancora in modo sproporzionato la legittima libertà di espressione. In un certo numero di paesi c'è stato un forte declino nell'uguaglianza per le donne e le persone LGBTQI+ , e in tutta l'UE persistono la discriminazione strutturale e il razzismo. Ciò include il profiling razziale e la brutalità della polizia, nonché diffuse violazioni dei diritti dei migranti, tra cui respingimenti violenti e maltrattamenti.

Negli sviluppi positivi, Liberties e i suoi membri hanno notato modesti miglioramenti nel settore della giustizia in alcuni stati membri. Inoltre, l'Estonia è stata lodata per aver sostenuto le organizzazioni della società civile durante la pandemia, allentando le regole amministrative. Le riforme sulla giustizia e la lotta alla corruzione progrediscono in Slovacchia, mentre l'Italia sta facendo sforzi reali per ridurre l'arretrato dei tribunali e la lunghezza dei processi e per migliorare il suo sistema penitenziario. Anche il governo croato ha ricevuto un pollice in su per aver preso misure per regolare e promuovere standard professionali ed etici per i media online.

Il direttore esecutivo di Liberties, Balazs Denes, ha detto: "Questo rapporto rivisita le linee pericolosamente sfocate intorno alle misure di emergenza pandemica e mette in guardia sull'accelerazione dell'allontanamento dallo stato di diritto in alcuni paesi dell'UE. La Commissione europea dovrebbe intensificare i suoi sforzi per correggere queste macchie sulla democrazia, per il bene dell'Unione e del crescente numero di guardiani dei diritti umani e di cittadini che vengono emarginati, molestati e truffati. Era giusto impedire che gli euro dei contribuenti finissero nelle tasche di spregevoli regimi autoritari in Ungheria e Polonia e ora dovrebbe andare oltre, avviando procedure strategiche di infrazione e, se del caso, attivare il meccanismo di condizionalità dello stato di diritto".

Il 16 febbraio, la Corte di giustizia europea dovrebbe confermare il potere della Commissione europea di ritirare i finanziamenti ai paesi a causa di violazioni dello stato di diritto. La Commissione sta attualmente trattenendo miliardi di euro di fondi per il recupero dalla pandemia per l'Ungheria e la Polonia.

Il rapporto 2022 è disponibile qui.

Contatti

Valentin Toth

Responsabile della comunicazione

valentin.toth (at) liberties.eu

+4915734590281

A proposito di Liberties

L'Unione Europea per le Libertà Civili (Liberties) è un'organizzazione non governativa con sede a Berlino e con 19 organizzazioni membri in tutta Europa che proteggono e promuovono le libertà civili di tutte le persone nell'Unione Europea (UE).

Le organizzazioni membri Liberties

Associazione Antigone (Italia)

Belgian League of Human Rights

Helsinki Committee (Bulgaria)

Centre for Peace Studies (Croazia)

Civil Rights Defenders (Svezia)

Estonian Human Rights Centre

Human Rights Monitoring Institute (Lituania)

Hungarian Civil Liberties Union

Italian Coalition for Civil Liberties and Rights

Nederlands Juristen Comité voor de Mensenrechten

Polish Helsinki Foundation for Human Rights

Rights International Spain

Gesellschaft für Freiheitsrechte (Germania)

Helsinki Committee (Romania)

The Irish Council for Civil Liberties

The Mirovni Institute (Slovenia)

VIA IURIS (Slovacchia)

VoxPublic (Francia)

Donate to liberties

Together we’re making the difference

When the many put our resources together, we defeat the few who think they hold all the power. Join us to bring rights to life for all of us.

Be a part of protecting our freedoms

We have

  • Created the largest fund for democracy groups in the EU
  • 
Got new powers to cut off EU funding to autocrats

  • Written new EU rules to protect journalists & campaigners from bogus lawsuits

  • Trained over 400 rights defenders to supercharge the campaigns you care for

More milestones


Together we’re making the difference

When the many put our resources together, we defeat the few who think they hold all the power. Join us to bring rights to life for all of us.

Subscribe to stay in
the loop

Why should I?
  • » You'll know about the latest human rights developments
  • You can follow what we are doing for your right!
  • » You'll hear what Liberties is working on, eg. free speech, privacy, digital rights - before anyone else

Show me a sample!