Democrazia e Giustizia

SLAPP in Europa: come l'UE può proteggere contro le cause abusive

Liberties e altre organizzazioni per le libertà civili spiegano come le cause legali abusive (SLAPP) contro organizzazioni per i diritti umani e giornalisti minacciano le democrazie in Europa e cosa i governi e l'UE dovrebbero fare al riguardo.

di Linda Ravo

La Commissione europea presenterà presto la sua proposta per un’azione a livello europeo contro le SLAPP. In un nuovo documento politico pubblicato oggi, Liberties e altri gruppi per i diritti umani e la libertà di stampa uniti nella Coalizione contro le SLAPP in Europa (CASE), spiegano cosa sono le SLAPP, la portata della minaccia che rappresentano per le organizzazioni per i diritti umani in Europa, e propongono soluzioni ai governi e all'UE per affrontare il problema.

Censura per contenzioso

I cittadini dovrebbero essere responsabili delle loro democrazie. I guardiani dei diritti umani, come i giornalisti, i difensori dei diritti umani e le organizzazioni di attivisti, sono fondamentali per permettere ai cittadini di informarsi, formare le proprie opinioni e controllare coloro che sono al potere per assicurarsi che stiano agendo nell’interesse di tutte le persone.

Come spieghiamo qui, le SLAPP (un acronimo che sta per "causa legale strategica contro la pubblica partecipazione"), sono una forma di abuso della legge e della giustizia sempre più utilizzata da politici corrotti e potenti aziende in tutta Europa per molestare, rovinare e intimidire giornalisti, attivisti e altri guardiani dei diritti umani fino al silenzio. Aiutati da studi legali costosi e senza scrupoli, presentano denuncie con affermazioni infondate e abusive per chiudere tutte le forme di partecipazione pubblica, tra cui il giornalismo d’interesse pubblico, le proteste pacifiche o i boicottaggi, la difesa di vari diritti, le denunce o semplicemente il mettere in evidenza gli abusi di potere.


Lo scopo di queste azioni legali abusive non è quello di far valere un diritto, ma di prosciugare le risorse, danneggiare la reputazione e distruggere le vite personali di coloro che vengono presi di mira. Come Matthew Caruana Galizia, il figlio della giornalista maltese assassinata Daphne Caruana Galizia, ha detto a Liberties, gli SLAPP possono rendere la vita "assolutamente impossibile". Quando Daphne è stata assassinata aveva 47 cause di diffamazione pendenti contro di lei, molte delle quali sono state trascinate anche dopo la sua morte contro la sua famiglia.

L'impatto dannoso delle SLAPP non si limita solo ai diritti individuali di coloro che vengono presi di mira. Le SLAPP indeboliscono la democrazia e lo stato di diritto ostacolando l'esercizio dei diritti fondamentali come la libertà di espressione, di protesta e di associazione, e pervertendo il sistema giudiziario. Distorcendo le leggi e impedendo agli organi di controllo pubblici di fare il loro lavoro, le SLAPP ostacolano l'applicazione della legge, comprese le regole dell'UE. Questo rappresenta una minaccia per la società nel suo insieme perché, per evitare di essere presi di mira, altri si asterranno dall'indagare e dal denunciare gli illeciti e dal parlare pubblicamente su questioni di interesse pubblico. Di conseguenza, le SLAPP hanno un effetto raggelante sul dibattito democratico.

Sostieni il nostro lavoro di salvaguardia contro le cause SLAPP Fai una donazione

SLAPP in aumento in tutta l'UE

Come altrove nel mondo, l'uso delle cause SLAPP per intimidire e mettere a tacere gli organismi di monitoraggio dei diritti è in aumento nell'UE.

La mancanza di consapevolezza della questione ha impedito un monitoraggio regolare e completo delle SLAPP e dei loro effetti in tutta l'UE. Tuttavia, negli ultimi anni un numero crescente di processi SLAPP o di minacce di esse è stato portato alla luce da organizzazioni della società civile, tra cui Liberties. Per colmare il vuoto informativo, tra il 2019 e il 2021, CASE ha raccolto informazioni dai suoi membri e da altre organizzazioni della società civile sulle potenziali cause SLAPP presentate tra il 2010 e il 2021. Mentre un rapporto completo sta per essere pubblicato, i risultati principali di questo lavoro di mappatura, guidato dalla Fondazione Daphne Caruana Galizia, sono presentati nel documento politico pubblicato oggi.

Principali risultati preliminari

  • 539 casi SLAPP verificati in tutta Europa, con Malta, Slovenia, Croazia e Irlanda in cima alla lista e più di un caso registrato su dieci è transfrontaliero
  • La mappatura mostra un forte aumento dei casi presentati negli ultimi quattro anni, in particolare in Croazia, Italia e Polonia
  • I dati indicano che la legge sulla diffamazione è il rimedio più comune per gli SLAPP, ma dimostrano anche che che si può abusare di altre leggi, tra cui la protezione dei dati UE e le norme sulla proprietà intellettuale
  • Più della metà dei casi registrati ha preso di mira giornalisti e media, seguiti da attivisti e ONG, e dai guardiani dei diritti umani che indagano sul crimine, l’ambiente e la corruzione
  • I contendenti SLAPP più comuni sono aziende e imprenditori (più di un caso su tre), seguiti da politici o persone con incarichi pubblici (quasi un caso su quattro)

L’analisi CASE di cui sopra rappresenta, ad oggi, il lavoro più completo per mappare le SLAPP in Europa. Tuttavia, è importante notare che questo lavoro è intrinsecamente limitato dall'effetto deterrente di tali cause, poiché molte vittime SLAPP preferiscono non attirare l'attenzione sulla loro denuncia per paura di ulteriori ritorsioni o danni alla loro reputazione. Inoltre, le SLAPP che finiscono in tribunale non riflettono modelli più ampi e insidiosi di intimidazione giudiziaria, come l'uso di minacce legali aggressive. Per quanto preoccupanti, le informazioni raccolte rappresentano solo la "punta dell'iceberg".

Sono necessarie risposte ambiziose e l'UE ha un ruolo chiave da svolgere

Poiché sono obbligati dalle loro costituzioni nazionali e dagli strumenti internazionali e regionali sui diritti umani (inclusi i trattati dell'UE) a rispettare e proteggere i diritti umani, la democrazia e lo stato di diritto, i governi hanno il dovere di proteggere attivamente gli organismi di monitoraggio dei diritti umani dalle SLAPP. Eppure nessun paese dell'UE ha regole sensate per prevenire questo abuso. Data la portata e la natura del problema, l'UE ha la responsabilità di agire ed è in una posizione chiave per assicurare che i governi di tutta l'UE prendano azioni concrete per fermare e contrastare le SLAPP.

Nel nostro documento politico, chiediamo un'azione ambiziosa sia a livello nazionale che europeo per assicurare una protezione efficace contro la vasta gamma di tattiche multiple dei querelanti SLAPP, tra cui:

  • Salvaguardie procedurali e di altro tipo incorporate nei sistemi procedurali nazionali che forniscono agli imputati gli strumenti per impedire che tali cause si trascinino per anni, così come misure per sostenerli quando si trovano di fronte a tale minaccia. Le salvaguardie dovrebbero applicarsi, sia a livello nazionale che transfrontaliero, alle cause intentate che prendono di mira qualsiasi forma di partecipazione pubblica (dalla protesta pacifica, all'attivismo, al whistleblowing o al giornalismo).
  • Una direttiva anti-SLAPP dell'UE che stabilisca garanzie minime, la cui portata dovrebbe essere la più ampia possibile. Se il legislatore europeo dovesse concludere che il suo intervento legislativo può essere limitato solo ai casi SLAPP con implicazioni transfrontaliere, la proposta di direttiva europea anti-SLAPP dovrebbe essere basata su un'interpretazione ampia della nozione di "coinvolgimento transfrontaliero".
  • Ulteriori misure per prevenire le cause SLAPP e sostenere le vittime, da promuovere e monitorare con una raccomandazione dell'UE, tra cui:

○ misure per allineare le leggi che criminalizzano il discorso, come inguria, diffamazione e la calunnia, in linea con gli standard internazionali sui diritti umani

○ riflessioni su come affrontare il problema attraverso l'etica legale e gli standard professionali

○ iniziative di sensibilizzazione e formazione

○ sostegno agli attori che possono fornire assistenza alle vittime dei processi SLAPP.

Liberties ha lavorato con la coalizione CASE per aumentare la consapevolezza delle cause SLAPP e per sostenere e difendere misure complete di protezione contro questa minaccia in Europa. In seguito all'annuncio della Commissione europea della sua intenzione di adottare un'iniziativa anti-SLAPP, Liberties e i suoi partner di CASE hanno sostenuto, tra le altre proposte, l'adozione di una legge modello europea anti-SLAPP, che il pubblico può sostenere firmando una petizione online in corso. Le nostre varie iniziative e petizioni sono state recentemente sostenute da una risoluzione del Parlamento europeo.

Il documento politico pubblicato oggi, inviato anche alla Commissione europea in risposta alla loro consultazione pubblica, è un ulteriore passo di Liberties e dei suoi partner CASE per contribuire ulteriormente all’iniziativa della Commissione attesa nei prossimi mesi.

Se vuoi seguire gli ulteriori sviluppi sulle SLAPP e le campagne correlate, ti invitiamo a iscriverti alla nostra newsletter. Se vuoi aiutarci a continuare la campagna per la libertà di stampa e i diritti degli attivisti, sentiti libero di contribuire al nostro fondo per le campagne sulla nostra pagina delle donazioni sicure.

Scarica qui il documento politico.