Democrazia e Giustizia

La disobbedienza civile e le sue ripercussioni nella storia recente attraverso 12 esempi

Che cosa significa disobbedienza civile? Quali sono i tipi di disobbedienza civile e perché viene praticata? Quali sono le conseguenze? Una presentazione basata su 12 esempi provenienti da due secoli e quattro continenti.

by Jascha Galaski

Che cosa significa disobbedienza civile: definizione

Vernice versata su un quadro di Van Gogh? Purè di patate su Monet? Ci si può chiedere come queste azioni estreme possano aiutare a combattere il riscaldamento globale, ma fanno parte di una lunga tradizione di protesta che ha avuto un ruolo importante nella storia del movimento per i diritti civili.

La disobbedienza civile è la deliberata violazione della legge per un obiettivo sociale. L'obiettivo è solitamente quello di cambiare le leggi o le politiche governative. Il filosofo americano John Rawls ha definito la disobbedienza civile come "un atto pubblico, non violento, coscienzioso e comunque politico che viola la legge e di solito mira a ottenere un cambiamento nella legge o nella politica del governo".

Il diritto di protestare è sotto attacco. Sostieni il nostro lavoro per proteggere la libertà di riunione Donate

Con il termine "pubblico", Rawls intendeva dire che i manifestanti dovevano identificarsi e assumersi la responsabilità delle loro azioni. Accettando le conseguenze personali, dimostrano il loro impegno per la causa sociale. Questo, a sua volta, rende più probabile che l'opinione pubblica sostenga le loro azioni. Tuttavia, si può anche sostenere che l'anonimato può essere indispensabile per proteggere gli attivisti da ritorsioni sproporzionate.

L'aspetto della non violenza è controverso. Alcuni teorici, tra cui Rawls, sostengono che gli atti di disobbedienza civile possono essere solo non violenti. Sebbene gli atti di violenza gratuiti possano minare la causa, alcuni sostengono che certe forme di violenza possono essere giustificate, soprattutto quando non c'è altra scelta.

Gli atti di disobbedienza civile non dovrebbero servire esclusivamente all'interesse personale di una persona, altrimenti la legittimità potrebbe essere messa in discussione. Sebbene si possa sostenere che nessun atto sia disinteressato - anche i manifestanti trarranno beneficio dal raggiungimento di una maggiore giustizia - la maggior parte dei teorici concorda sul fatto che infrangere la legge è giustificato solo se lo scopo non è esclusivamente egocentrico.

Tuttavia, la disobbedienza civile è una forma di protesta controversa perché può sconvolgere la vita quotidiana della nostra società. I sit-in degli attivisti ambientalisti sulle autostrade non sono popolari tra le persone che si recano al lavoro. I critici sosterranno che i manifestanti non hanno il diritto di porsi al di sopra della legge, indipendentemente dal loro motivo. Tuttavia, quando si mette in discussione la legittimità della disobbedienza civile, è importante ricordare che gli organizzatori hanno solitamente provato - ed esaurito - tutte le altre forme di protesta. Da anni gli ambientalisti sottolineano la necessità di un'azione più incisiva per prevenire i cambiamenti climatici, ma la maggior parte di essi non è stata ascoltata. Quando i politici ignorano le forme di protesta più silenziose, gli organizzatori sono costretti a escogitare modi più creativi per far passare l'urgenza del loro messaggio.


Il filosofo tedesco Jürgen Habermas ha sostenuto che la disobbedienza civile è una componente importante di una democrazia matura. In effetti, il modo in cui uno Stato tratta i suoi cittadini quando infrangono la legge per uno scopo sociale dice molto sulla sua cultura politica.

In una democrazia ben funzionante, i cittadini che si impegnano nella disobbedienza civile sono spesso trattati con clemenza. Le sentenze sono meno severe se le azioni sono state non violente, proporzionate, altruistiche e basate su valori comunemente accettati. I tribunali spesso impongono pene insignificanti o addirittura respingono del tutto le accuse. In una dittatura, invece, gli attivisti possono essere imprigionati, torturati o addirittura uccisi.

Quali sono le principali forme di disobbedienza civile?

Esistono diversi modi per distinguere le forme di disobbedienza civile. Ad esempio, si potrebbe esaminare la differenza tra azioni dirette e indirette di disobbedienza civile. La disobbedienza civile diretta è quando i cittadini violano direttamente la legge contro cui protestano. Ad esempio, quando l'Antigone di Sofocle seppellisce il fratello Polineo, sfidando direttamente gli ordini dello zio, il re Creonte. La disobbedienza civile indiretta, invece, si ha quando si infrange una legge lecita per protestare contro una legge ingiusta. Questo accade di solito quando è più difficile o addirittura impossibile infrangere la legge. Per esempio, quando gli attivisti di Friday for Future ignorano l'istruzione obbligatoria - una legge perfettamente giusta - per scendere in piazza per la giustizia climatica.

Ignorare una legge per lottare per il progresso e gli obiettivi sociali può assumere forme diverse. Gli attivisti possono ricorrere a diverse tattiche per inserire la loro causa nell'agenda politica. Questi includono:

  • Diffusione di documenti sensibili: chi ha accesso a informazioni sensibili, ad esempio su violazioni dei diritti umani, può decidere di diffonderle alla stampa. Questo tipo di denuncia viola almeno gli accordi di non divulgazione legalmente vincolanti e, in casi estremi, le leggi sullo spionaggio.
  • Manifestazioni non autorizzate: nella maggior parte dei Paesi, gli organizzatori di manifestazioni, marce o raduni devono informare le autorità. Ci sono buone ragioni per questo: le autorità devono assicurarsi che il raduno sia sicuro e che l'evento non causi inutili disordini. A volte, però, le autorità non permettono affatto le manifestazioni o le assemblee. Questo accade solitamente nei regimi illiberali e autocratici. Qui i cittadini non hanno altra scelta che organizzare manifestazioni "illegali".
  • Sit-in e blocchi stradali: questa tattica viene utilizzata per provocare il caos e attirare l'attenzione su un problema specifico. Viene spesso utilizzato dagli attivisti per il clima. I blocchi stradali possono essere utilizzati anche per ostacolare l'accesso alle infrastrutture critiche.
  • Occupazioni: i cittadini possono utilizzare le occupazioni di protesta come strategia per ottenere un cambiamento sociale. Occupano edifici, università, stazioni ferroviarie, parchi e altri luoghi pubblici per attirare l'attenzione sulle loro preoccupazioni. Questo tipo di disobbedienza civile è spesso dichiarato illegale se i manifestanti occupano lo spazio per un periodo di tempo prolungato.

Esempi di disobbedienza civile e il loro impatto

Nel corso della storia, i cittadini hanno infranto le leggi per ottenere un cambiamento sociale. Alcuni sono riusciti a rovesciare regimi oppressivi, altri hanno ottenuto un cambiamento politico. Dal movimento a favore della democrazia a quello per la giustizia climatica, gli attivisti hanno corso molti rischi per cambiare in meglio la società. Liberties ha selezionato 12 esempi di disobbedienza civile che hanno avuto un impatto sulla nostra società. Esse variano in termini di metodi utilizzati, localizzazione geografica, periodo di tempo e ragioni delle azioni. L'elenco che segue è in ordine cronologico.

Henry David Thoreau

Henry David Thoreau è stato uno scrittore e filosofo americano del XIX secolo. Una delle sue opere più famose è il saggio "Disobbedienza civile", in cui sostiene che gli individui hanno il dovere morale di opporsi alle leggi ingiuste. Lo stesso Thoreau era un forte sostenitore dell'abolizione della schiavitù. Condannò anche lo sterminio dei nativi americani e la guerra americana contro il Messico (1846-1848). Per protestare contro queste ingiustizie, Thoreau si rifiutò di pagare le tasse. Svolse anche un ruolo attivo nella Underground Railroad, una rete di vie di fuga segrete per gli afroamericani ridotti in schiavitù.

La Marcia del Sale del Mahatma Gandhi

Uno degli atti di disobbedienza civile più famosi ed efficaci è sicuramente la Marcia del Sale del Mahatma Gandhi. Gandhi era un avvocato indiano che si batteva per l'indipendenza dal dominio coloniale britannico. Fu un sostenitore della resistenza non violenta, per la quale scelse il termine satyagraha. La Marcia del Sale fu un'azione simbolica di protesta contro la tassa imposta dal dominio britannico sul sale indiano e contro il Salt Act, che proibiva agli indiani di produrre il proprio sale. Invece, dovevano acquistare il sale britannico, che era una delle principali fonti di reddito per l'Impero britannico. Gandhi iniziò la sua marcia il 12 marzo 1930 con 78 volontari impegnati. Per 385 chilometri fino al mare, sempre più persone provenienti da villaggi e città si sono unite alla marcia. Accompagnati dalla stampa internazionale, hanno raggiunto la loro destinazione dopo 24 giorni. L'ultimo giorno, Gandhi fece un bagno in mare e raccolse sale per dimostrare agli indiani che potevano ottenere il sale gratuitamente. Milioni di persone lo seguirono e misero delle ciotole di acqua salata al sole, in modo che l'acqua evaporasse e loro potessero raccogliere il sale gratuito. Gandhi e migliaia di suoi seguaci furono arrestati. La Marcia del Sale non ebbe un impatto immediato, ma portò a ulteriori azioni di disobbedienza civile e costituì la base del movimento per l'indipendenza indiana.

Il movimento delle suffragette britanniche

Il movimento delle suffragette è iniziato in epoca vittoriana. All'epoca ci si aspettava che le donne dedicassero la loro vita alla casa e alla famiglia. Una volta sposata, la donna diventava proprietà del marito. I diritti delle donne nella società erano estremamente limitati. Nel 1903, l'attivista Emmeline Pankhurst e altre fondarono la Women's Social and Political Union (WSPU), un movimento politico per sole donne. I membri del WSPU erano determinati a ottenere il diritto di voto. Frustrati dallo scarso effetto delle tattiche pacifiche, iniziarono azioni più militanti. Nel settembre 1908, le donne leader del WSPU organizzarono un assalto al Parlamento. Hanno distribuito volantini per incoraggiare il pubblico a unirsi a loro. Nonostante l'arresto della Pankhurst e di altri leader, il 13 ottobre 1908 si riunirono 60.000 persone per prendere d'assalto il Parlamento, ma nessuno riuscì a sfondare il cordone di polizia. Il WSPU continuò le sue azioni militanti. Hanno organizzato manifestazioni, attaccato proprietà e dato fuoco a edifici pubblici. Hanno anche attuato scioperi della fame nelle carceri e l'alimentazione forzata a cui sono stati sottoposti ha acquisito una triste notorietà. Con queste tattiche, gli attivisti hanno ottenuto molta attenzione. Dopo la prima guerra mondiale, il sistema elettorale fu riformato in modo da concedere il diritto di voto alle donne che avevano più di 30 anni e soddisfacevano determinati requisiti di proprietà. Ci sono voluti altri dieci anni perché le donne ottenessero la parità di diritti alle elezioni.

Rosa Parks e il boicottaggio degli autobus di Montgomery

Rosa Parks è stata un'attivista afroamericana per i diritti civili che si è battuta contro le cosiddette leggi Jim Crow e quindi contro la segregazione razziale. Il 1° dicembre 1955, Parks si rifiutò di cedere il suo posto su un autobus urbano a un passeggero bianco a Montgomery, in Alabama. Parks fu arrestata ma rilasciata su cauzione lo stesso giorno da Edgar Nixon, allora presidente della National Association for the Advancement of Colored People (NAACP), un'organizzazione per i diritti civili che sostiene la giustizia sociale per gli afroamericani. La resistenza di Park ispirò la campagna Montgomery Bus Boycott, in cui gli afroamericani si rifiutarono di prendere gli autobus a Montgomery. La protesta portò a Browder v. Gayle, in cui un tribunale distrettuale stabilì che la segregazione razziale sugli autobus era incostituzionale. Lo Stato e la città hanno fatto ricorso, ma la Corte Suprema degli Stati Uniti ha poi confermato la decisione.

La lotta di Nelson Mandela contro l'apartheid

Nelson Mandela è stato un avvocato sudafricano e il più famoso attivista anti-apartheid del XX secolo. Dopo la laurea, si è unito al partito sudafricano anti-apartheid African National Congress (ANC). Il coinvolgimento e la leadership di Mandela nelle proteste e nelle campagne di disobbedienza civile lo resero una minaccia per il partito al potere. Nel 1961, quando le proteste non violente non portarono a nulla, co-fondò l'ala paramilitare dell'ANC e condusse una campagna di sabotaggio contro il governo. Tra le altre cose, ha bombardato installazioni militari e centrali elettriche. Mandela giustificò le sue azioni dicendo che questo tipo di sabotaggio era la forma meno dannosa di disobbedienza civile violenta, perché nessuno veniva ucciso. Il 12 giugno 1964, Mandela fu condannato all'ergastolo. Ha trascorso 27 anni in prigione, di cui i primi 17 a Robben Island. Mandela fu finalmente rilasciato nel 1990 e iniziò una campagna pacifica per la fine dell'apartheid. Ha condotto con successo i negoziati con il governo per l'abolizione dell'apartheid ed è stato eletto Presidente del Sudafrica nel 1994.

Il rifiuto del servizio di leva da parte di Muhammad Ali

Muhammad Ali, uno dei più grandi pugili di tutti i tempi, è stato anche un influente attivista contro la guerra e per la giustizia razziale. Nel 1966 rifiuta di essere arruolato nell'esercito e di combattere nella guerra del Vietnam. Ali, che in precedenza si era convertito all'Islam, ha dichiarato che la guerra andava contro le sue convinzioni religiose e la sua etica personale. Fu arrestato nel 1967 e riconosciuto colpevole di evasione della leva. È stato condannato a cinque anni di carcere, la sua licenza di pugilato è stata sospesa e ha perso i suoi titoli pugilistici. Ali fece appello alla sentenza e la Corte Suprema degli Stati Uniti annullò la sua condanna quattro anni dopo. Durante questo periodo, Ali è rimasto libero su cauzione. Il suo rifiuto di essere arruolato nell'esercito e le sue parole esplicite contro la guerra e il razzismo lo hanno reso un'icona del movimento per i diritti civili.

Occupy Wall Street

Occupy Wall Street è un movimento di protesta nato a New York nel 2011. La prima protesta è iniziata con un appello della rivista canadese anticonsumistica Adbusters. L'idea era quella di organizzare una protesta pacifica contro la disuguaglianza sociale e l'influenza delle grandi aziende sulla politica. Il fatto che i responsabili della crisi finanziaria del 2007-2008 non siano stati chiamati a risponderne ha fatto arrabbiare molti. Il 17 settembre 2011, migliaia di occupanti si sono riuniti a Zuccotti Park, a New York. Hanno piantato tende, costruito barricate, organizzato marce e attirato l'attenzione dei media di tutto il mondo. Due mesi dopo, il 15 novembre, la polizia in tenuta antisommossa ha iniziato a sgomberare i manifestanti e ha arrestato circa 200 persone. A quel punto, però, il movimento era cresciuto ben oltre Zuccotti e aveva scatenato proteste in tutto il mondo. Dall'America Latina all'Europa, al Medio Oriente e all'Asia, il movimento Occupy ha coinvolto i cittadini e ha posto la questione della disuguaglianza economica nell'agenda politica.


Le Pussy Riot contro Putin e l'oppressione della Chiesa ortodossa

Le Pussy Riot sono un collettivo di artisti punk russi che si battono per i diritti umani e le libertà civili. Nel 2012, cinque dei suoi membri sono entrati nella Cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca e hanno eseguito una canzone contro il regime del presidente Vladimir Putin e la Chiesa ortodossa. Il gruppo è stato successivamente perseguito e alcuni dei suoi membri sono finiti in prigione, il che ha portato il gruppo alla fama mondiale. Le loro azioni di guerriglia, come l'invasione di campo alla Coppa del Mondo 2018, hanno reso le Pussy Riot un fenomeno mondiale. Dai politici agli artisti alle organizzazioni per i diritti umani, il gruppo gode di un enorme sostegno internazionale. Le Pussy Riot sono particolarmente impegnate per i diritti delle donne e degli LGBTQI+. In generale, rifiutano l'autoritarismo e sostengono il cambiamento socio-politico. Le azioni delle Pussy Riot non hanno portato a politiche del governo russo più favorevoli ai diritti umani, ma il gruppo è riuscito a sensibilizzare il mondo sull'ingiustizia sociale e a ispirare le persone ad alzarsi in piedi e a lottare contro l'oppressione.

Edward Snowden

I whistelblower svolgono un ruolo cruciale nel denunciare attività illegali o non etiche. Uno dei più noti whistleblower è Edward Snowden, che ha lavorato per la National Security Agency (NSA) statunitense. Nel 2013 ha reso pubbliche informazioni classificate che rivelavano i programmi di sorveglianza globale della NSA. La NSA non ha spiato solo i propri cittadini, ma ha anche raccolto dati su aziende e politici stranieri, tra cui il cancelliere tedesco Angela Merkel. La fuga di notizie ha scatenato un dibattito mondiale sulla sorveglianza governativa e sul diritto alla privacy. L'industria tecnologica ha sviluppato nuovi prodotti per risolvere i problemi di privacy. Rischiando di essere accusato nel suo Paese, Snowden ha lasciato gli Stati Uniti e si è trasferito in Russia.

Occupazione della foresta di Hambach 2012-2020

Gli attivisti per il clima ricorrono regolarmente ad atti di disobbedienza civile per attirare l'attenzione sulla loro causa. In Germania, gli ambientalisti hanno bloccato le infrastrutture del carbone per proteggere gli alberi secolari. Hanno occupato la foresta di Hambach, che la RWE AG voleva disboscare per le sue operazioni di estrazione del carbone. L'occupazione è iniziata nel 2012 ed è durata, con alcune interruzioni, fino al 2020, quando la polizia ha sgomberato l'area e arrestato gli attivisti. Diversi manifestanti sono stati condannati a brevi pene detentive per aver violato le leggi sullo sconfinamento. In molti casi, la polizia è stata accusata di aver usato la forza in modo illegale contro manifestanti pacifici. Un giornalista è caduto da una casa sull'albero ed è morto quando la polizia ha costretto gli attivisti a sgomberare l'area. Nel 2020, il governo tedesco ha finalmente accettato di preservare la foresta.

La rivoluzione popolare: Sudan 2019

La rivoluzione sudanese è iniziata nel dicembre 2018 in risposta all'aumento del costo della vita e alla crescente povertà. In diverse città del Paese sono scoppiate proteste per chiedere le dimissioni del presidente Omar al-Bashir. I manifestanti erano pacifici e ben organizzati. La partecipazione delle donne, particolarmente oppresse durante il regime di al-Bashir, è stata elevata. Al-Bashir è stato infine rovesciato con un colpo di Stato militare l'11 aprile e sostituito dal Consiglio militare di transizione (TMC). Tuttavia, la popolazione ha chiesto un governo civile e le proteste sono continuate. Le tensioni sono aumentate e alla fine sono culminate nel massacro di Khartoum, dove l'esercito sudanese ha ucciso, violentato e ferito centinaia di manifestanti. Questa tragedia ha portato a campagne di disobbedienza civile in tutto il Paese. I sindacati e le organizzazioni della società civile hanno invitato alla resistenza non violenta. Le infrastrutture chiave sono state bloccate in tutto il Paese. I trasporti pubblici, i centri medici, le scuole e le banche sono stati chiusi. L'elettricità, il riscaldamento e le stazioni di gas e petrolio sono state paralizzate. I successivi negoziati tra le forze politiche militari e civili hanno portato alla firma di un documento costituzionale nell'agosto 2019. Questo prevedeva un periodo di transizione durante il quale il Sudan sarebbe tornato a una democrazia civile. Tuttavia, un altro colpo di Stato militare nell'ottobre 2021 ha distrutto le speranze di un futuro democratico. Da allora, la resistenza civile al governo militare è continuata.

Iran "Mahsa Amini" proteste 2022

Le proteste del 2022 in Iran sono iniziate con la morte della 22enne Mahsa Amini. È stata arrestata dalla polizia morale iraniana il 13 settembre 2022 per aver violato la legge sull'hijab. È stata presa in custodia, picchiata brutalmente ed è morta in ospedale tre giorni dopo. Dopo la sua morte, sono scoppiate proteste in tutto il Paese. La gente ha chiesto giustizia per Amini e la fine dell'hijab obbligatorio. Le proteste sono state guidate principalmente dalle donne. Hanno sfidato le leggi del Paese bruciando il loro hijab in pubblico e tagliandosi i capelli. Le immagini delle donne iraniane che ballano per le strade si sono rapidamente diffuse su Internet, nonostante il governo abbia chiuso la rete. Dal 2017 sono in corso in Iran proteste di massa contro il governo e le sue politiche economiche. Tuttavia, a differenza delle precedenti, la protesta di Mahsa Amini ha coinvolto persone di ogni estrazione sociale, chiedendo la fine del regime teocratico della Guida Suprema Ali Khamenei. Il governo ha risposto con la violenza alle marce e ai blocchi stradali organizzati dagli attivisti. Le forze di polizia hanno represso i manifestanti, picchiando e arrestando migliaia di cittadini e uccidendone centinaia. I governi di tutto il mondo hanno condannato la brutalità della polizia, ma finora non hanno fatto altro che imporre sanzioni alla polizia morale e alle organizzazioni di sicurezza iraniane. L'esito delle proteste è ancora incerto.

Leggi anche:

Cos'è la libertà di riunione: definizione, importanza, limiti

Cos'è lo spazio civico, perché è una pietra miliare per ogni società democratica e come lo proteggiamo?

Libertà civili: perché dovremmo valorizzarli

Crediti d'immagine:

Patricio Ignacio Valenzuela Muñoz - Flickr

Alicejack2002 - Flickr

Matteo Fastigi - Flickr

Marco Oliveira -Flickr

Photo of Emmeline Pankhurst - Wikipedia



Donate to liberties

Together we’re making the difference

When the many put our resources together, we defeat the few who think they hold all the power. Join us to bring rights to life for all of us.

Be a part of protecting our freedoms

We have

  • Created the largest fund for democracy groups in the EU
  • 
Got new powers to cut off EU funding to autocrats

  • Written new EU rules to protect journalists & campaigners from bogus lawsuits

  • Trained over 400 rights defenders to supercharge the campaigns you care for

More milestones


Together we’re making the difference

When the many put our resources together, we defeat the few who think they hold all the power. Join us to bring rights to life for all of us.

Subscribe to stay in
the loop

Why should I?
  • » You'll know about the latest human rights developments
  • You can follow what we are doing for your right!
  • » You'll hear what Liberties is working on, eg. free speech, privacy, digital rights - before anyone else

Show me a sample!