Democrazia e Giustizia

Il verbale del primo ministro sloveno Janša mostra che non è interessato alla libertà di espressione

Visti i suoi attacchi ai giornalisti e agli attivisti, la pretesa del premier sloveno di difendere la libertà di espressione durante la presidenza dell'UE è ridicola. Ecco cosa ci aspetteremmo se lo prendessimo sul serio.

di Linda Ravo

L'assunzione della presidenza di turno dell'UE da parte della Slovenia ha spinto Janez Janša, il primo ministro del paese, a dire che la protezione dei valori dell'Unione, compresi i diritti umani - e la libertà di espressione in particolare - sarà tra le priorità principali della presidenza. Una dichiarazione che consideriamo con un ampio margine di scetticismo, visti i suoi attacchi alla libertà di espressione in Slovenia.

Tempi duri per la libertà di espressione

Sulla base dei dati del nostro rapporto sullo stato della democrazia nell’UE, pubblicato all'inizio di quest'anno, abbiamo già sottolineato come la libertà di espressione abbia sofferto in tutta l'UE nel 2020. Tra le tendenze preoccupanti ci sono la crescente pressione e gli attacchi ai media e ai giornalisti, così come le leggi restrittive, le molestie legali e le campagne diffamatorie volte a impedire ai gruppi e agli attivisti dei diritti civili e della democrazia, di esprimersi liberamente.

E le restrizioni alla libertà di espressione di cui è responsabile il primo ministro Janša sono tra le più severe e deliberate. Come mostra il rapporto del membro di Liberties sulla Slovenia, il governo nazionalista di Janša, guidato dall'SDS di estrema destra, ha intensificato i suoi attacchi contro i giornalisti critici, i media e i gruppi civici sotto il pretesto del COVID-19, parte di uno schema più ampio di misure concertate per mettere a tacere l'opposizione e indebolire la democrazia.

Rimani aggiornato.

Un rapido deterioramento della libertà dei media è tra le principali preoccupazioni: il crescente controllo del governo sui media, le minacce all'indipendenza dell’Ufficio di sorveglianza e la pressione del governo sull'agenzia nazionale della stampa attraverso campagne diffamatorie, tagli ai finanziamenti (cancellati sotto la pressione della Commissione europea) e modifiche al quadro normativo stanno indebolendo sempre più l'indipendenza e il pluralismo dei media del paese. I continui attacchi contro i media indipendenti e i giornalisti da parte dei funzionari governativi e dei media filogovernativi hanno alimentato gli abusi online contro i giornalisti e creato un clima di paura, avvelenando il panorama dei media.

Le donne giornaliste sono spesso attaccate con l'epiteto misogino di "presstitute" e hanno risposto con l'autocensura per la loro sicurezza e salute mentale. I media indipendenti affrontano le SLAPP - azioni legali bavaglio che abusano della legge e dei tribunali al fine di escludere coloro che parlano nell'interesse pubblico. Questi attacchi ai media hanno sollevato preoccupazioni nella Commissione europea e sono stati oggetto di accesi dibattiti nel Parlamento europeo, con gruppi per la libertà di stampa che hanno chiesto alle istituzioni europee di prendere misure più serie per contrastare queste regressioni.

Allo stesso tempo, l'intimidazione di gruppi e attivisti critici per i diritti civili da parte delle autorità e dei media filogovernativi è in aumento. Questo include i tentativi di mettere l'opinione pubblica contro le ONG, dipingendole come uno spreco di fondi pubblici che dovrebbero andare a beneficio dei cittadini, l'aumento delle restrizioni sulla partecipazione al processo decisionale, i tentativi di tagliare i finanziamenti e le molestie amministrative, mentre i media filogovernativi si impegnano in feroci campagne diffamatorie per danneggiare la reputazione delle ONG. Anche i diritti dei cittadini a protestare sono stati indebitamente limitati, e molti manifestanti sono stati perseguiti e multati nell'ultimo anno, anche quando hanno rispettato le regole sul distanziamento fisico imposte per contenere la diffusione del COVID-19.

Pronto per il dialogo? Le nostre 3 raccomandazioni principali per la presidenza slovena

Se la nuova presidenza slovena del Consiglio fosse seriamente impegnata a proteggere la libertà di espressione nell'UE, ecco cosa ci aspetteremo da essa:

1) Difendere i valori dell'UE e smettere di sostenere i governi che attaccano deliberatamente la democrazia

Gli attacchi sistematici alla libertà di espressione sono un'arma nelle mani dei governi autoritari per mettere a tacere il dissenso e indebolire sempre più i controlli e gli equilibri democratici per mantenere la loro presa sul potere. Questo è un modello chiaro che vediamo in Ungheria e in Polonia. Se la presidenza slovena è seria riguardo alla libertà di espressione, dovrebbe prendere una posizione forte per proteggere i valori dell'UE, anche facendo progressi nelle procedure dell'articolo 7 in corso contro l'Ungheria e la Polonia e promuovendo una revisione equa e trasparente tra pari dei governi sullo stato dello stato di diritto nell'UE.

Aiutaci a combattere per i tuoi diritti Fai una donazione
2) Aprire la strada verso una forte risposta dell'UE agli attacchi contro i rappresentanti dei media e i gruppi per i diritti umani

Non c'è libertà di espressione senza media, giornalisti, attivisti e difensori dei diritti umani. Attraverso il loro lavoro, denunciano le infrazioni e la corruzione e attirano la nostra attenzione su questioni che riguardano le nostre vite e la società in cui viviamo. Ci permettono di formare opinioni ben informate e ci aiutano a far sentire la nostra voce. Per proteggere la libertà di espressione, dobbiamo proteggere coloro che la fanno vivere. Regole armonizzate dell'UE contro le SLAPP e una regolamentazione globale dei media dell'UE per proteggere e promuovere la libertà e il pluralismo dei media possono invertire la tendenza.

Questo dovrebbe essere accompagnato da un'azione legale tempestiva per far rispettare le regole dell'UE relative ai media contro le leggi e le pratiche nazionali restrittive, così come una regolamentazione favorevole ai diritti fondamentali dell'ecosistema digitale attraverso la Legge sui servizi digitali e la Legge sui mercati digitali. Mentre l'UE si prepara a rafforzare la sua azione in questo settore, la presidenza slovena dovrebbe promuovere un dibattito costruttivo tra i governi dell'UE per aumentare il sostegno a una forte risposta dell'UE agli attacchi subiti dagli attori dei media e dai gruppi per i diritti umani in tutta l'UE.

In particolare, la presidenza dovrebbe lavorare per assicurare che i governi dell'UE riconoscano fortemente il ruolo dei media come attori chiave in una società democratica, per esempio attraverso le pertinenti conclusioni del Consiglio, e per assicurare che i governi lavorino per rafforzare gli strumenti dell'UE per proteggere la libertà di espressione, la libertà dei media e il pluralismo, in linea con gli impegni del piano d'azione dell'UE per la democrazia.

3) Lavorare con e sostenere i gruppi per i diritti umani e la democrazia

In una democrazia ben funzionante, le organizzazioni non governative, e specialmente i gruppi per i diritti civili e la democrazia, hanno un ruolo nel monitorare ciò che i politici stanno facendo per aiutare i cittadini a organizzare e dare voce alle loro opinioni e preoccupazioni attraverso petizioni, proteste pacifiche e partecipazione ai processi legislativi e politici. Sono uno strumento importante che possiamo usare per esercitare la libertà di espressione. Insieme ad altre reti e organizzazioni ombrello a livello europeo, Liberties sta lavorando per monitorare le sfide affrontate dai gruppi per i diritti e la democrazia a livello nazionale, al fine di sostenere risposte appropriate e rafforzare la resilienza del settore. La presidenza slovena dovrebbe impegnarsi sinceramente con i gruppi per i diritti e la democrazia a livello UE e nazionale e informare l'UE delle misure per sostenerli, anche nel contesto del ciclo di revisione dello stato di diritto, l'attuazione del programma di finanziamento "Cittadini, uguaglianza, diritti e valori" e la Conferenza sul futuro dell'Europa.