Democrazia e Giustizia

Che cos'è il razzismo, qual è la situazione in Germania e come possiamo risolverlo?

Il razzismo è un problema della società nel suo complesso che colpisce milioni di persone in tutto il mondo in modi diversi. È radicato e perpetuato attraverso i sistemi sociali e a livello individuale. Che cosa dobbiamo fare?

by Franziska Otto

Che cos'è il razzismo?

In generale, le definizioni di razzismo possono essere suddivise in due approcci principali: biologico e formale. L'approccio biologico presuppone (erroneamente) che l'umanità possa essere divisa in diverse "razze". Queste "razze" avrebbero tratti fisici, intellettuali e caratteriali tipici. Poiché alcune razze sarebbero superiori ad altre, la "mescolanza" con razze inferiori dovrebbe essere evitata. La definizione formale, invece, è caratterizzata dalla segregazione e dall'esclusione tra la propria comunità conosciuta e tutto ciò che è estraneo. Questo può riferirsi al colore della pelle, ma anche alle differenze culturali.

La Convenzione delle Nazioni Unite contro il razzismo definisce il razzismo come "qualsiasi distinzione, esclusione, restrizione o preferenza basata sulla razza, il colore, l'ascendenza o l'origine nazionale o etnica che abbia lo scopo o l'effetto di annullare o compromettere il riconoscimento, il godimento o l'esercizio, su base di uguaglianza, dei diritti umani e delle libertà fondamentali in campo politico, economico, sociale, culturale o in qualsiasi altro campo della vita pubblica".

Gli autoritari usano il razzismo per dividere e conquistare. Aiutaci a fermarli Donate

Il razzismo e la discriminazione basati sull'etnia di una persona sono un ostacolo alla partecipazione paritaria di tutte le persone nella società. Alle persone che non appartengono al gruppo dominante della società viene spesso negato l'accesso alle stesse opportunità. Il razzismo può portare alla violenza psicologica e fisica. In casi estremi, può persino servire come giustificazione per il genocidio.

Perché e come è stato creato artificialmente il razzismo?

Esempi di razzismo si trovano già nell'antichità classica. La società greca dell'epoca distingueva tra elleni, nella sfera di influenza greca, e barbari, cioè tutti gli altri. Aristotele, ad esempio, sosteneva che i barbari erano nati servi, cioè schiavi. L'ascesa del cristianesimo nei Paesi europei durante il Medioevo ha dato origine a correnti antimusulmane e antisemite.

L'idea che le persone possano essere divise in "razze" diverse, che ha plasmato la nostra comprensione del razzismo oggi, risale al colonialismo. Persone provenienti da Stati prevalentemente occidentali, alla ricerca di nuove materie prime, hanno sottomesso altri territori ricchi di risorse in tutto il mondo, privando le popolazioni locali dei loro diritti, schiavizzandole e uccidendole.


Per giustificare questi interventi, si sosteneva che le popolazioni indigene erano particolarmente sottosviluppate e dovevano essere educate al progresso e alla civiltà (almeno come la intendeva l'Occidente) con la forza, se necessario. Per far sentire anche gli abitanti del loro Paese superiori a "questi selvaggi", molti Stati mantenevano zoo umani. Nella capitale belga, Bruxelles, un villaggio congolese - compresi i suoi abitanti - è stato ricreato nel 1958 durante l'Esposizione Universale.

Il razzismo è anche spesso usato per creare un capro espiatorio in tempi di crisi. La pandemia di Covid-19, ad esempio, ha alimentato il razzismo anti-asiatico in tutto il mondo. Dal primo focolaio del virus in Cina, la pandemia è stata erroneamente attribuita a tutte le persone di aspetto asiatico. Di conseguenza, gli attacchi razzisti contro di loro sono aumentati e molti sono stati accusati di essere infetti e di trasmettere il virus.

Quali sono i segni del razzismo nella vita quotidiana?

Il razzismo può manifestarsi in molti modi nella vita quotidiana. Ad esempio, può essere espresso in complimenti apparentemente benintenzionati, come quando una persona di colore (PoC, un'autodefinizione per le persone non bianche che subiscono il razzismo) viene complimentata perché parla molto bene il tedesco, senza sapere se questa persona è forse nata in Germania. Oppure nell'ambiente di lavoro, quando un collega non bianco viene sempre incluso nelle foto in cui l'azienda vuole presentarsi come particolarmente diversificata. Tali azioni sono chiamate anche microaggressioni, perché sono razziste, ma rimangono al di sotto della soglia delle dichiarazioni razziste dirette o della violenza.

Ma molte persone sperimentano il razzismo anche quando si tratta di trovare un lavoro o un appartamento. Le persone con un nome non tedesco, ad esempio, hanno dimostrato di avere molte più difficoltà a trovare un posto dove vivere.

Che cos'è il razzismo sistemico?

Esistono due forme di razzismo sistemico: il razzismo istituzionale e il razzismo strutturale.

Il razzismo istituzionale si riferisce a forme di discriminazione, esclusione e trattamento sprezzante provenienti dalle istituzioni della società, come la polizia, le autorità o le scuole. Non si riferisce, ad esempio, a un insegnante che fa commenti razzisti, ma all'interpretazione di regole, regolamenti, norme, routine e pratiche consolidate.

Il razzismo strutturale, invece, non può essere attribuito a una singola istituzione. Al contrario, si riferisce a condizioni profondamente radicate nelle strutture, nei discorsi o nelle immagini di una determinata società. Ciò implica anche che alcuni gruppi di popolazione non sono adeguatamente rappresentati in posizioni importanti della politica, dell'amministrazione o dell'economia. Nell'attuale parlamento tedesco, ad esempio, l'11,3% dei deputati ha un passato da migrante, mentre la stessa cifra per la popolazione tedesca è del 26%. Sono quindi sottorappresentati.

Questa sottorappresentazione di persone non bianche in posizioni importanti si verifica in molti settori e può avere un forte impatto sulle nostre vite. Il software di riconoscimento facciale, ad esempio, utilizzato in Germania, tra l'altro, per individuare i criminali tra la folla, ha più difficoltà a distinguere e riconoscere le persone di colore o asiatiche rispetto ai bianchi. Il tasso di errore è fino a 100 volte superiore a quello dei bianchi. Questo può portare a persone innocenti accusate ingiustamente di un reato. Gli errori non sono dovuti al fatto che il software è razzista. Piuttosto, il software è stato preparato principalmente con foto di persone bianche, per cui ha meno difficoltà a riconoscerle.

Che cos'è il razzismo individuale?

Il termine "razzismo individuale" si riferisce al livello interpersonale, cioè quando una persona o un gruppo attacca un'altra persona o un gruppo a causa della sua presunta origine o religione. È diversa dalla discriminazione sistemica incorporata nelle istituzioni e nelle strutture sociali.

Razzismo in Germania: qual è la situazione attuale?

Il razzismo è ancora un problema importante in Germania. In un sondaggio condotto dal Ministero federale per la famiglia, gli anziani, le donne e i giovani, più di un quinto degli intervistati ha dichiarato di aver subito episodi di razzismo. Un totale di due terzi della popolazione è entrato in contatto con il razzismo, sia direttamente, perché colpito in prima persona, sia indirettamente, ad esempio perché ha osservato un atto razzista.

Tra il 2017 e il 2020, più di 5.300 persone hanno contattato i consulenti dell'Agenzia federale antidiscriminazione perché sono state discriminate per motivi razzisti o a causa della loro origine etnica. Le persone interessate hanno dichiarato, ad esempio, di essere state controllate dalla polizia a causa del colore della pelle o del loro aspetto ("racial profiling").

In Germania, tuttavia, il razzismo non si esprime solo attraverso insulti e discriminazioni. I razzisti spesso feriscono o uccidono le persone. Il 19 febbraio 2020, un razzista ha ucciso dieci persone e ne ha ferite altre sei in un attacco a Hanau. Nei video che ha pubblicato su Internet, ha fatto commenti sprezzanti sui musulmani e dichiarazioni antisemite. Anche le azioni della cosiddetta "National Socialist Underground" (NSU) sono state ampiamente riportate dai media. Questo gruppo terroristico ha ucciso dieci persone per motivi razzisti, in un periodo di oltre 13 anni. Otto delle vittime erano di origine turca e una di origine greca. Il fatto che la serie di omicidi sia stata conosciuta per molto tempo come "omicidi del Doner" dimostra chiaramente che il razzismo in Germania è tutt'altro che un ricordo del passato.


Cosa possiamo fare contro il razzismo e come possiamo combatterlo?

Il passo più importante per combattere il razzismo è identificarlo nelle sue forme strutturali, quotidiane e violente e prenderlo sul serio. Questo implica, in parte, ammettere che tutti noi abbiamo dei pregiudizi, in qualche misura, legati all'etnia delle persone. Ma più importante del fatto che abbiamo questi pregiudizi è la misura in cui essi dettano le nostre azioni. Combattere il razzismo significa anche riconoscere che non sono solo le azioni violente o gli insulti diretti a essere razzisti. Spesso i bianchi non si rendono conto che un'espressione sarà percepita come razzista dall'altra persona. Pertanto, quando ci viene rivolta, non dobbiamo reagire sulla difensiva o con disprezzo, ma riflettere sul nostro comportamento e imparare.

Cosa possiamo fare contro il razzismo a scuola?

A scuola i bambini non imparano solo la matematica e la chimica, ma anche la correttezza e la tolleranza. Pertanto, la lotta alla discriminazione dovrebbe essere considerata un obiettivo educativo in tutte le scuole.

La rete "Schule ohne Rassismus - Schule mit Courage" (Scuola senza razzismo - Scuola con coraggio) è un buon esempio di come questo obiettivo possa essere messo in pratica. Questa associazione di scuole tedesche lavora consapevolmente contro il razzismo e la discriminazione. Gli alunni imparano a conoscere i diversi tipi di discriminazione e ad essere più sensibili ad essi.

Questo lavoro di prevenzione a scuola può anche contribuire ad abbattere le visioni del mondo che i bambini acquisiscono a casa o nel loro ambiente. Offrono un contrappeso ai pregiudizi razzisti che i genitori inculcano ai bambini.

Cosa possiamo fare contro il razzismo sul posto di lavoro?

Anche sul lavoro, molte persone sono esposte al razzismo, per mano dei loro colleghi o dei loro superiori. In questo contesto, è importante mostrare alla vittima che non è sola. Ad esempio, si possono respingere le affermazioni razziste o offrire sostegno se si intende denunciare il comportamento scorretto al proprio capo. È necessario creare in azienda strutture che consentano una comunicazione aperta, senza dover temere che la segnalazione possa portare a conseguenze negative.

Allo stesso tempo, deve esserci una consapevolezza della discriminazione e del razzismo. Questo obiettivo può essere raggiunto, ad esempio, attraverso la formazione. Devono esistere strategie per garantire l'attuazione delle pari opportunità, ad esempio nelle promozioni future.

Esiste anche il razzismo contro i bianchi e cosa dobbiamo sapere al riguardo?

La questione se possa esistere un razzismo anche nei confronti dei bianchi non è incontestabile. Naturalmente può capitare che i bianchi vengano insultati o trattati in modo diverso a causa del colore della loro pelle o della loro origine. Ma questa è discriminazione, non razzismo. Il razzismo nasce da uno squilibrio di potere tra due gruppi sociali diversi, anche quando è perpetrato da un individuo contro un altro.

Il razzismo sistemico o istituzionale contro i bianchi non esiste. Non devono compilare più domande di lavoro perché la loro foto è diversa o il loro nome non suona tedesco. Anche in contesti medici o di ricerca, le persone con la pelle bianca sono spesso viste come "la norma", ad esempio nei libri di testo che mostrano immagini di tumori della pelle in soggetti di pelle bianca. Tuttavia, la pelle più scura può avere un aspetto molto diverso e quindi ritardare la diagnosi.

Tuttavia, ciò non implica che anche i bianchi non soffrano di discriminazione strutturale. Le cause possono essere, ad esempio, il livello di istruzione o il fatto che la persona viva in condizioni di povertà. Tuttavia, una persona di colore che vive esattamente nelle stesse condizioni continuerà ad avere un ulteriore svantaggio razzista legato alla sua origine o al colore della pelle.

Ulteriori letture consigliate:

Cosa significa "emarginare": definizione, esempi, caratteristiche del fenomeno?

Cos'è il populismo: definizione, caratteristiche, esempi

Gli algoritmi decisionali sono sempre corretti, equi e affidabili oppure NO?

Donate to liberties

Together we’re making the difference

When the many put our resources together, we defeat the few who think they hold all the power. Join us to bring rights to life for all of us.

Be a part of protecting our freedoms

We have

  • Created the largest fund for democracy groups in the EU
  • 
Got new powers to cut off EU funding to autocrats

  • Written new EU rules to protect journalists & campaigners from bogus lawsuits

  • Trained over 400 rights defenders to supercharge the campaigns you care for

More milestones


Together we’re making the difference

When the many put our resources together, we defeat the few who think they hold all the power. Join us to bring rights to life for all of us.

Subscribe to stay in
the loop

Why should I?
  • » You'll know about the latest human rights developments
  • You can follow what we are doing for your right!
  • » You'll hear what Liberties is working on, eg. free speech, privacy, digital rights - before anyone else

Show me a sample!