Il #Vote4Values tracker sulle elezioni europee 2019

Abbiamo creato un tracker sulle elezioni europee per mostrarti in quale proporzione i deputati sono euroscettici, a quali gruppi politici appartengono e come si prevede che vadano alle elezioni.


Benvenuto nel #Vote4Values tracker sulle elezioni europee 2019. Le elezioni del Parlamento europeo sono dietro l'angolo. I partiti che hanno incontrato problemi con l'UE per non aver rispettato i valori fondamentali possono essere trovati in tutti e quattro i maggiori gruppi politici del Parlamento europeo. Il nostro tracker mostra che i partiti euroscettici all'interno dell'EPP, S&D, ALDE e ECR aumenteranno la loro forza e influenza all'interno di questi gruppi. Se questi partiti euroscettici rimangono al centro del potere politico, allora sarà improbabile che l'UE continuerà a difendere i nostri valori fondamentali. In quanto percentuale complessiva del Parlamento europeo, i deputati euroscettici probabilmente non avranno più di una quota del 29%. Ma non hanno bisogno di raggiungere una maggioranza per bloccare gli sforzi dell'UE di proteggere i nostri valori fondamentali se possono influenzare i principali gruppi politici dall'interno. Questo è il motivo per cui è importante per i gruppi politici centristi espellere i loro partiti euroscettici e lavorare insieme seguendo le linee guida del partito.

Abbiamo creato un tracker per mostrarti in quale proporzione i deputati sono euroscettici, a quali gruppi politici appartengono e come si prevede che vadano alle elezioni. Il tracker ti mostrerà anche quali coalizioni europeiste sono possibili se i gruppi politici sono disposti a cacciare i loro euroscettici. E infine, puoi anche vedere le coalizioni euroscettiche che potrebbero essere formate se i principali gruppi politici decidessero di collaborare con gruppi e partiti politici euroscettici.

Il tracker si basa sui periodici sondaggi pubblicati da Poll of Polls sulle elezioni europee del Politico che verrà aggiornato regolarmente.

Se ve la siete persa, leggete la nostra introduzione al tracker e la nostra guida che spiega come funziona il Parlamento Europeo.

Aggiornamento di maggio

Se ci stai visitando solo per dare un'occhiata di quanto siano cambiate le cose da quando abbiamo lanciato il nostro tracker sulle elezioni europee, ecco quello che vediamo in poche parole, basato sulle cifre con cui abbiamo lavorato il 4 febbraio e il 4 marzo, il 29 marzo, il 23 aprile e il 13 maggio. Si prevede che i partiti euroscettici all'interno del PPE, S&D, ALDE e ECR continuano ad aumentare la loro forza relativa rispetto al numero di seggi che hanno nell'attuale Parlamento europeo. Ci sono ancora tre possibili coalizioni europeiste che potrebbero formare una maggioranza se i gruppi politici decidessero di cacciare i loro membri euroscettici. In teoria, resta possibile che una coalizione euroscettica possa formare una maggioranza, e il loro margine non è davvero cambiato. Ma in un dibattito televisivo in aprile, Manfred Weber, candidato del PPE alla presidenza della Commissione, ha escluso la possibilità che il PPE formi un'alleanza con l'estrema destra.

Da quando abbiamo lanciato il tracker sulle elezioni europee a febbraio i sondaggi non hanno oscillato molto. Cioè, negli ultimi mesi, il numero di seggi che i gruppi politici hanno previsto di vincere è rimasto più o meno lo stesso. Ma ci sono stati alcuni grandi cambiamenti nel panorama politico. Innanzitutto, ora sembra che il Regno Unito parteciperà alle elezioni del Parlamento europeo. Continueremo a concentrarci su come sarà il Parlamento europeo senza il Regno Unito perché, anche se elegge nuovi deputati, probabilmente non resteranno a lungo. Tuttavia, ci aspettiamo che i lettori saranno curiosi di sapere come la partecipazione del Regno Unito alle elezioni potrebbe influenzare i numeri. Quindi vi forniremo una panoramica di come la presenza di eurodeputati britannici potrebbe avere un impatto sulle possibili coalizioni europeiste ed euroscettiche attraverso un separato tracker non-Brexit sulle elezioni europee.


In secondo luogo, i due gruppi politici euroscettici, l'ENF e l'EFDD, sono scomparsi. L'italiano Salvini sta formando un nuovo gruppo, l'Alleanza europea dei popoli e delle nazioni (EAPN). Si prevede che questo gruppo assorba la maggior parte dei membri dell'ENF, alcuni membri dell'EFDD e forse alcuni membri dell'ECR. Puoi leggere ulteriori informazioni su questi due cambiamenti qui di seguito o nella nostra metodologia.

In terzo luogo, i più grandi gruppi politici hanno iniziato a riconoscere apertamente che ci sono mele marcie nelle loro fila e che devono fare qualcosa al riguardo. Abbiamo visto una discussione all'interno del PPE sull'appartenenza di Fidesz e il partito è stato sospeso a marzo in attesa di un'indagine interna. Ma rimane parte del gruppo. La necessità di un'indagine indipendente è discutibile, dato che non mancano prove oggettive da parte di vari organismi indipendenti europei e delle Nazioni Unite e dallo stesso Parlamento europeo che documenta l'entità delle violazioni commesse dal governo di Fidesz. Il gruppo S&D ha anche annunciato che sta "congelando" i rapporti con il suo membro rumeno in attesa di una decisione formale a giugno. Allo stesso modo, il gruppo ALDE ha raccomandato l'espulsione del suo membro rumeno, che sarà votato a giugno.

Ciò significa che le discussioni su tutte queste potenziali espulsioni di partiti euroscettici avverranno solo dopo i risultati delle elezioni. Ciò suggerisce che i gruppi politici sono preoccupati di più per le loro dimensioni che di come sostenere i valori fondamentali. Ritardare queste decisioni fino a quando i risultati sono noti consente a ciascun gruppo di valutare quanto un'espulsione possa costare in termini di numero di seggi che il membro prenderà con sé e quanto questo indebolirà il gruppo verso altre fazioni. Inoltre, non sembra che il gruppo S&D stia parlando di prendere misure disciplinari nei confronti di suoi membri maltesi o slovacchi, né che ALDE intenda agire sul suo membro ceco. La Brexit presenterebbe un'opportunità potenzialmente utile per continuare le discussioni sui membri problematici. I gruppi politici potrebbero utilizzare il periodo tra le elezioni e la Brexit per espellere i loro partiti euroscettici prima che il Parlamento europeo scenda a 705 posti.

L’attuale disposizione dei seggi al Parlamento Europeo

Iniziamo con la situazione attuale. Il primo grafico mostra come appare il Parlamento europeo nel 2019 in vista delle elezioni. È composto da 751 posti e comprende tutti i deputati del Regno Unito. Il grafico mostra il modo in cui i deputati al Parlamento europeo sono disposti, seduti da sinistra a destra a seconda delle loro inclinazioni politiche. Puoi controllare la tabella sotto il grafico per vedere il numero esatto di deputati di ciascun gruppo. I numeri che abbiamo fornito per ciascun gruppo mostrano quanti deputati al Parlamento Europeo si trovano nel gruppo stesso a partire dalla fine di gennaio 2019.

You can copy an image to the translation by dragging and dropping it in the body field

Per accedere a questo contenuto, devi accettare cookies esterni.


Dove stanno i deputati euroscettici nell'attuale Parlamento Europeo?

In questo secondo grafico abbiamo preso il Parlamento europeo come è adesso, e abbiamo evidenziato in nero i deputati euroscettici.

Per saperne di più

Quindi EFDD e ENF sono entrambi evidenziati in nero all'estrema destra. Ma poi vedrai anche i punti neri distribuiti tra gli altri gruppi politici. Da sinistra verso destra sul grafico, questi sono:

  • Nel gruppo S&D di centro-sinistra, 3 deputati del Partito Luburista (PL) di Malta, 10 deputati dal Partidul Social Democrat (PSD) rumeno, 4 deputati dal partito SMER slovacco.
  • Nel gruppo centrista ALDE, 2 deputati del partito ANO della Repubblica Ceca e 2 deputati del partito ALDE della Romania (che è il nuovo partner della coalizione Partidul Social Democrat di centro-sinistra)
  • Nell'EPP di centro-destra, 11 deputati del partito ungherese Fidesz.
  • Nella destra, l’euroscettico ECR, 14 deputati dal partito PiS (Law and Justice) polacco.

Per accedere a questo contenuto, devi accettare cookies esterni.


Se desideri sapere a quali gruppi politici appartengono i partiti del tuo paese, consulta questo link. Puoi scorrere i partiti nazionali di tutta l'UE o inserire il nome di un partito e ti dirà a quale gruppo politico appartiene nel Parlamento europeo.

Per saperne di più

Il grafico di cui sopra offre un'idea più chiara del fatto che nessuno dei quattro maggiori gruppi politici del Parlamento europeo è scevro da partiti nazionali che sono stati contestati o condannati dall'UE per aver violato i valori fondamentali. Se un gruppo politico contiene partiti euroscettici, ciò può essere un problema. Perché i gruppi politici hanno la tendenza a serrare le fila e proteggere i loro membri dalle critiche. Anche quando si tratta del rispetto di valori fondamentali che il Parlamento europeo è legalmente obbligato a proteggere.

Per fare un esempio il PPE, per lealtà nei confronti del suo partito membro, ha contribuito per vari anni a proteggere nel Parlamento europeo l’ungherese Fidesz dalle critiche, annacquando risoluzioni e bloccando precedenti tentativi di attivare l'articolo 7. La procedura dell'articolo 7 mette il paese all'ordine del giorno dei ministri nazionali in seno al Consiglio e potrebbe portare a sanzioni. Allo stesso modo, c'è stata una recente votazione che condanna la corruzione del primo ministro della Repubblica ceca, Andrej Babiš. Ma la maggioranza dei deputati del gruppo ALDE (liberali) del Parlamento europeo ha votato contro la risoluzione per cercare di proteggere il loro partito membro ceco ANO, che Babiš guida. Il gruppo S&D di centro-sinistra ha avuto un comportamento più vario. Ha votato in modo schiacciante per proteggere i valori fondamentali e condannare i loro partiti membri in Romania e Slovacchia, ma rispetto a Malta si sono in gran parte astenuti. Poi, in un unico voto su Malta e la Slovacchia alla fine di marzo 2019, il gruppo si è ampiamente impegnato a criticare i loro governi.

La pressione internazionale, specialmente quando proviene dall'UE, può essere molto efficace nel persuadere un governo a migliorare il suo comportamento. Quindi, se un gruppo politico protegge un governo che sta violando i valori fondamentali, permette a quel governo di continuare, e con più rapidità, a smontare garanzie fondamentali che lo rendono una moderna democrazia europea. E ciò non danneggia solo chi vive in quel paese, poiché altri leader e partiti sono incoraggiati a infrangere le regole in quanto sanno che possono farla franca. E così il problema si diffonde in altri paesi dell'UE.

L'unico modo in cui il Parlamento Europeo può proteggere efficacemente i valori fondamentali è che ogni gruppo politico sia disposto a confrontarsi, disciplinarsi e, se necessario, espellere le sue mele marce. Come abbiamo notato nell'aggiornamento, ci sono stati alcuni passi in questa direzione nei gruppi EPP, S&D e ADLE.


Come sarà la situazione dopo le elezioni?

Il grafico seguente mostra come apparirà il prossimo Parlamento Europeo secondo gli attuali sondaggi di opinione. Come si può notare il nuovo parlamento ha meno seggi - la Brexit li ha diminuiti da 751 a 705. Abbiamo deciso di limitarci a mostrarti come sarà il Parlamento europeo senza il Regno Unito. Questo perché, anche se il Regno Unito probabilmente prenderà parte alle elezioni, sembra probabile che lascerà presto l'UE nella vita del parlamento. E quando ciò accadrà, anche i deputati britannici se ne andranno e il Parlamento europeo tornerà a 705 deputati. Detto questo, nel caso in cui sei curioso di vedere come le cose apparirebbero diversamente se il Regno Unito partecipasse alle elezioni, abbiamo qui sotto alcune analisi separate. Vuoi sapere dove abbiamo preso i nostri dati? Clicca qui per maggiori informazioni.

Per accedere a questo contenuto, devi accettare cookies esterni.


Chi scende, chi sale, chi è pari?

Per saperne di più

Chi scende? Paragonando la nuova situazione a quella attuale, si vede che sia il gruppo EPP di centro destra che il gruppo S&D di centro-sinistra rischiano di perdere molti seggi, anche se continueranno a essere i due gruppi più grandi. Anche Verdi dovrebbero perdere seggi.

Chi è pari? Pare che il gruppo GUE-NGL di estrema sinistra rimarrà uguale. L'euroscettico ECR di destra potrebbe sembrare che stia calando. Ma bisogna considerare che la Brexit costa al Gruppo 21 deputati dal Regno Unito. L'ECR ha annunciato che accoglierà due nuovi partiti: Debout la France (dalla Francia) e Forum for Democracy (dai Paesi Bassi). Quindi, rispetto alla sua dimensione post-Brexit, l'ECR sembra destinata a rimanere uguale o a crescere un po'.

Chi sale? Si prevede che i Liberali (ALDE) crescano - in gran parte grazie al fatto che il partito di Macron (La République en Marche) dovrebbe unirsi a loro, e forse cambino il nome del gruppo, ma non sappiamo come. L'ENF è stato sostituito da un nuovo gruppo avviato dall'italiano Salvini, l'EAPN. È probabile che quel gruppo inghiottisca i membri esistenti dell'ENF insieme ad alcuni deputati dell'EFDD, che è scomparso.

Il gruppo dei 'non-iscritti'. L'EFDD scomparirà come gruppo politico. Ci si aspetta che alcuni dei suoi membri aderiscano all'EAPN, che ha sostituito l'ENF. Il gruppo italiano Movimento 5 Stelle intende formare un nuovo gruppo politico, ma al momento non dispone di un numero sufficiente di deputati provenienti da un numero sufficiente di paesi dell'UE per soddisfare i requisiti minimi necessari per creare un nuovo gruppo. Quindi, abbiamo classificato questi deputati nello stesso gruppo con il nome "nuovi" e "non inscritti", non essendo ancora associati a nessun gruppo politico.

Uno sguardo più attento a cosa comporteranno le elezioni per i deputati euroscettici

Affinché si possa avere un'idea di quel che si prevede per i partiti e i gruppi euroscettici, nel grafico qui sotto li abbiamo contrassegnati in nero. Volete maggiori dettagli?

Per saperne di più

Da sinistra a destra, ecco cosa possiamo vedere:

  • Nel gruppo S&D di centro-sinistra, 4 deputati (in crescita dai 3 precedenti) del Partito Luburista (PL) di Malta, 9 deputati (in calo dai 10 precedenti) dal Partidul Social Democrat (PSD) rumeno, 3 deputati (in calo dai 4 precedenti) dal partito SMER slovacco.
  • Nel gruppo centrista ALDE, 6 deputati (in crescita dai 2 precedenti) del partito ANO della Repubblica Ceca e 4 deputati (in crescita dai 2 precedenti) dal partito ALDE rumeno.
  • Nell'EPP di centro-destra, 13 deputati (in crescita dai 12 precedenti) del partito ungherese Fidesz.
  • Nella destra, l’euroscettico ECR, 23 deputati (in crescita dai 14 precedenti) dal partito PiS (Law and Justice) polacco.
  • Si vede anche il nuovo gruppo EAPN avviato da Salvini con 71 eurodeputati. Questo gruppo sostituisce sostanzialmente l'ENF (che tiene 36 deputati nel attuale Parlamento europeo). L'EFDD è scomparso del tutto. Alcuni dei suoi deputati hanno affermato che aderiranno all'EAPN. Abbiamo raggruppato il resto nel gruppo "Non-iscritti-nuovi-Movimento 5 stelle". Questo non è un gruppo politico, sebbene alcuni di questi eurodeputati cerchino probabilmente di formare un gruppo politico in futuro.

Per accedere a questo contenuto, devi accettare cookies esterni.


Si prevede che i deputati euroscettici dopo le elezioni, una volta il Regno Unito abbia lasciato l'UE, saranno 133, in crescita rispetto ai 124 attuali. Si tratta di più del 17,5% dei 705 seggi. Detto questo, il numero sarà più alto nella realtà. Esistono tre gruppi di deputati che non abbiamo incluso.

Si tratta dei "non-iscritti", dei nuovi partiti e della nuova iniziativa del gruppo italiano Movimento 5 stelle, che prima facevano parte del gruppo EFDD.

Per saperne di più

Deputati "non iscritti" i cui partiti non hanno aderito a nessun gruppo politico. Qui trovi un loro elenco i nell'attuale Parlamento Europeo. Alcuni appartengono a partiti che possono probabilmente essere considerati euroscettici. Ad esempio, la Golden Dawn greco, il Jobbik ungherese e il NPD tedesco.

Ci sono alcuni nuovi partiti politici che partecipano alle elezioni per la prima volta, che non hanno annunciato alcun accordo per unirsi a un gruppo politico. Almeno alcuni di essi potrebbero essere considerati euroscettici, come il Vox spagnolo.

Infine, il gruppo italiano Movimento 5 Stelle sta tentando di formare un nuovo gruppo politico. Il Movimento 5 stelle apparteneva in precedenza al gruppo EFDD, che abbiamo classificato come "euroscettico", basato su analisi accademiche (controlla qui la nostra metodologia). In questa fase è difficile dire se anche questo nuovo gruppo potrebbe essere classificato come euroscettico dagli esperti.

I sondaggi attualmente prevedono che ci saranno complessivamente 72 nuovi deputati nel gruppo "non-iscritti-nuovi-movimento 5 stelle". Ma anche se tutti questi seggi dovessero appartenere ai partiti euroscettici, la percentuale totale di deputati euroscettici raggiungerebbe soltanto intorno al 29%. E ciò è improbabile, visto che ci sono alcuni partiti senza inclinazioni euroscettiche che sono in questo gruppo.

Cosa accadrebbe se i deputati euroscettici dovessero staccarsi e formare un nuovo gruppo o super gruppo?

I prossimi due grafici danno un colpo d’occhio della situazione nel caso in cui i partiti euroscettici decidessero di lavorare insieme. Li chiamiamo "esuli euroscettici".

La seguente tabella mostra come sarebbe il Parlamento Europeo se tutti i deputati euroscettici di EPP, S & D, Liberali (ALDE) e ECR lasciassero i loro gruppi e ne formassero uno nuovo.

Per saperne di più

Per essere chiari, questo gruppo di 'esuli euroscettici' è una nostra invenzione - non siamo a conoscenza di alcun progetto di creare davvero un tale gruppo. Vogliamo solo mostrare come sarebbe la situazione se ciò dovesse accadere, visto che è comunque una possibilità. Accanto a loro c'è l'EAPN che, in effetti, ha sostituito l'ENF. Entrambi gruppi sono in nero, ma puoi passare con il mouse sulle etichette sotto il grafico per evidenziare il singolo gruppo.

Per accedere a questo contenuto, devi accettare cookies esterni.

E il grafico seguente mostra come sarebbe il Parlamento Europeo se gli 'esuli euroscettici' dovessero unirsi con EAPN per formare un supergruppo euroscettico. Di nuovo, questo è un gruppo ipotetico - non siamo a conoscenza di alcun progetto di realizzarlo.

Per accedere a questo contenuto, devi accettare cookies esterni.



Quali coalizioni europeiste sono possibili?

Come detto, se i gruppi politici dovessero rimanere tali e quali, quindi a prescindere dalle coalizioni che formano, saranno comunque trattenuti nel proteggere i valori di base. Ciò a cui siamo interessati, dunque, è guardare alla possibilità di coalizioni in grado di proteggere i nostri valori fondamentali. Per questo motivo, esamineremo quali coalizioni europeiste i gruppi politici potrebbero formare se espellessero i loro eurodeputati euroscettici.

Per saperne di più

Quindi, per chiarire, a parte un'eccezione qui sotto, le coalizioni che vi mostreremo sono basate sui vari gruppi politici previsti meno i loro eurodeputati euroscettici. Daremo anche un'occhiata alla possibilità o meno di formare una coalizione euroscettica. Avviso spoiler: i numeri dicono che ciò potrebbe accadere.

Per avere una maggioranza in un parlamento di 705 (dopo che il Regno Unito lascia l'UE), servono 353 seggi. Ciò darebbe la maggioranza di uno. Appena oltre la metà. Sappiamo che i gruppi PPE e S & D insieme non riusciranno più a superare questa linea di mezzo come fanno oggi. Il grafico seguente mostra che, se dovessero espellere i loro eurodeputati euroscettici, sarebbero ancora più lontani da una maggioranza.

Per accedere a questo contenuto, devi accettare cookies esterni.


Secondo i sondaggi, se i gruppi S&D e PPE espellessero i loro deputati euroscettici sarebbero in grado di formare una maggioranza solo se lavorassero con uno o più altri gruppi politici. Ma non tutti gli altri gruppi sarebbero abbastanza grandi da portarli oltre la linea di metà campo. Queste tre combinazioni non creerebbero una coalizione di maggioranza:

EPP, S & D e Greens-EFA

EPP, S & D e GUE-NGL di estrema sinistra

PPE, S & D e l'euroscettico ECR di destra (senza i suoi eurodeputati)

Se tutti i gruppi espellessero i loro eurodeputati euroscettici, l'unica coalizione europeista a tre gruppi che avrebbe la maggioranza è PPE, S & D e Liberali (ALDE). Sarebbero circa 371 deputati, quindi una maggioranza europeista di circa 18 deputati. Lo vediamo nel grafico seguente.

.

Per accedere a questo contenuto, devi accettare cookies esterni.


Il grafico seguente mostra un'altra possibile coalizione europeista che coinvolge PPE, S&D, Verdi e GUE-NGL di estrema sinistra, la quale avrebbe 381 eurodeputati, quindi una maggioranza di circa 28.

Per accedere a questo contenuto, devi accettare cookies esterni.


Il seguente grafico mostra che la maggioranza europeista sarebbe ancora più grande se anche i Verdi-EFA si unissero a EPP, S&D e ALDE. Ciò porterebbe a un totale di 421 deputati, con una maggioranza di coalizione di appena più di 68 deputati.

Per accedere a questo contenuto, devi accettare cookies esterni.


E’ piuttosto chiaro che sarà impossibile formare una coalizione europeista che abbia la maggioranza dei deputati europei senza l'EPP.

Per saperne di più

Ad esempio, una coalizione europeista con GUE-NGL, S&D, Verdi-EFA e ALDE (meno i suoi deputati euroscettici) non è sufficiente a raggiungere 300 deputati.

Per accedere a questo contenuto, devi accettare cookies esterni.



Una coalizione Verde Liberale di sinistra con S&D, Verdi-EFA eGUE-NGL è ancora più lontana dalla maggioranza.

Quali coalizioni di partiti euroscettici sono possibili?

Anche se i parlamentari e i gruppi politici euroscettici non formano la maggioranza da soli, è comunque possibile che altri gruppi politici possano scegliere di lavorare con loro.

Per saperne di più

Lo abbiamo visto accadere a livello nazionale. Ad esempio, l'ÖVP di centro-destra austriaco è in coalizione con l'FPÖ dell'estrema destra. Nel Parlamento europeo, l'ÖVP fa parte del gruppo PPE di centro-destra, mentre l'FPÖ fa parte del gruppo euroscettico dell'ENF. Se questo dovesse essere replicato al livello del Parlamento europeo, è possibile che potremmo vedere una coalizione euroscettica.{{/hidden-9}}

L'opzione di una coalizione euroscettica è improbabile dal momento che Manfred Weber, il candidato del PPE alla presidenza della Commissione, l'ha recentemente escluso durante un dibattito televisivo. Comunque, ti mostreremo due possibilità. In primo luogo, se EPP ed ECR collaborassero con il nuovo l'EAPN, ipotizziamo che i deputati euroscettici del PPE e dell'ECR non vengano espulsi. Se questi tre gruppi dovessero collaborare, non riuscirebbero a raggiungere la maggioranza. Gli attuali sondaggi li danno a 302 eurodeputati, vale a dire a meno 51 deputati dalla maggioranza.

Per saperne di più

Un ulteriore problema per una tale coalizione sarebbe che i gruppi EPP ed ECR contengono gli avversari politici polacchi. L'attuale partito di governo polacco siede nell'ECR, mentre il partito di opposizione polacco siede nel PPE. Questi partiti sono stati duramente contrapposti nel Parlamento Europeo. Se il PPE e l'ECR dovessero formare una coalizione, molto probabilmente rischiano che il partito di opposizione della Polonia lasci il gruppo PPE (che secondo i sondaggi prenderà circa 20 seggi con loro).

. Per accedere a questo contenuto, devi accettare cookies esterni.



Nel grafico seguente vi mostriamo cosa succede se a EPP, ECR e EAPN si uniscono i deputati euroscettici di ALDE e del gruppo S&D. Il numero totale di eurodeputati arriverebbe a 328, ancora 25 in meno per avere la maggioranza.

Per accedere a questo contenuto, devi accettare cookies esterni.


Ci sono alcuni fattori dietro a queste cifre che influenzano la fattibilità di questa coalizione nella pratica.

Per saperne di più

Si potrebbe obiettare che è improbabile che i 16 deputati euroscettici del S&D di centro-sinistra entrino a far parte di una coalizione composta da partiti di centro, centro destra ed estrema destra. E che il partito polacco di opposizione esca dal PPE per cooperare con i suoi rivali politici nell'ECR, cosa che potrebbe portare una coalizione conservatrice euroscettica a 292 deputati. Dall'altra parte, sarebbe probabilmente possibile ampliare tale numero e raggiungere una maggioranza attirando deputati euroscettici "non-iscritti", da nuovi partiti e dal nuovo gruppo politico formato dal Movimento 5 stelle. Perciò, se il PPE cambia l'idea di collaborare con i partiti euroscettici, una coalizione conservatrice euroscettica avrebbe ancora la possibilità di raggiungere una maggioranza.

Anche se una coalizione conservatrice-anti-valori sembra improbabile, ciò non significa che i nostri valori siano sicuri. Come discusso sopra, il problema più grande è che i gruppi politici non espellono i loro partiti euroscettici. E poiché questi partiti stanno diventando più forti all'interno dei loro gruppi, potrebbero influenzare il loro gruppo per collaborare con l'EAPN e qualsiasi nuovo gruppo formato dal Movimento 5 stelle per bloccare voti specifici che tentano di proteggere i valori fondamentali.

Per saperne di più

Il Parlamento Europeo prende decisioni in base alla maggioranza dei voti effettivamente espressi. Ciò significa che è possibile vincere o bloccare votazioni con meno di 353 voti se alcuni deputati non vengono a votare o si astengono. Non è difficile immaginare, per esempio, che i partiti euroscettici in ALDE, S&D o PPE possano persuadere il loro intero gruppo a votare contro misure volte a proteggere i valori fondamentali. E se dovessero essere raggiunti dall'EAPN e da qualsiasi nuovo gruppo formato dal Movimento 5 stelle, potrebbero raggiungere una maggioranza bloccante. A meno che altri gruppi politici non formassero un fronte unito e disciplinato. Che non è facile nel Parlamento europeo. Come abbiamo notato in precedenza, la forza dei partiti euroscettici nel PPE e nel S&D aumenterà, perché il numero di seggi che questi partiti avranno rimarrà stabile o si ingrandirà, mentre diminuirà la dimensione del gruppo nel suo complesso. Quando si tratta di ALDE, sebbene ci si aspetti che il gruppo cresca, anche il numero di deputati euroscettici nel gruppo crescerà e formerà una proporzione maggiore di quanto lo faccia ora.


Verdetto

Se il Parlamento Europeo si atterrà al suo obbligo di proteggere i nostri valori fondamentali, i deputati dovranno smettere di ragionare secondo le tradizionali linee di partito. Ma ciò dipenderà da te, l'elettore.

Per saperne di più

Il rispetto dello stato di diritto, del pluralismo democratico e dei diritti fondamentali è un obbligo basilare di ogni paese membro dell'UE e di ogni istituzione dell'UE. Questi obblighi trascendono la politica. Vi abbiamo mostrato che è possibile per i gruppi politici cooperare tra loro al fine di proteggere tali valori. Ma essi posso anche scegliere di ignorare il problema o di formare coalizioni che minacciano questi valori. Speriamo che, come elettore, tu abbia adesso un'idea più chiara di dove si colloca il partito che stai pensando di votare. Ricorda, puoi verificarlo qui.

Se hai domande su dove abbiamo preso i nostri dati, come abbiamo deciso quali partiti o gruppi sono euroscettici o altre domande, consulta la nostra #Vote4Values: metodologia.

Scopri di più:

Che cosa fa esattamente il Parlamento Europeo e perché è così importante? Leggi questo.

Cosa intendiamo per essere "euroscettico" e da dove prendiamo i nostri dati? Ecco la nostra metodologia.

Questa potrebbe essere in assoluto la più importante elezione del Parlamento Europeo. Perché? Guarda questo.

Fai il nostro quiz per capire perché dovresti votare alle elezioni del Parlamento Europeo.