#Vote4Values: Metodologia

Cosa si intende con posizioni ‘euroscettiche’ e da dove raccogliamo dati? Ecco la metodologia dietro il nostro #Vote4Values tracker sulle elezioni europee 2019

Cosa intendiamo per posizioni ‘euroscettiche’?

Tutti i paesi che intendono entrare nell'UE devono dimostrare di avere una stampa libera, di rispettare i diritti di libertà, avere associazioni democratiche e tribunali indipendenti. I governi devono anche dimostrare che siano in vigore leggi che assicurino i valori fondamentali: una costituzione che garantisca libertà di espressione, e il diritto a un equo trattamento. Questi standard, ritenuti valori comuni che i paesi europei condividono e sui quali l’UE è fondata sono elencati nell'Articolo 2 del Trattato sull'UE.

Quando ci si riferisce ai partiti o gruppi politici euroscettici, parliamo di partiti che hanno un agenda o una pratica che pregiudica i valori fondamentali dello Stato di diritto, della democrazia e/o dei diritti fondamentali. Lo Stato di diritto fa riferimento a situazioni nelle quali i tribunali sono indipendenti e liberi dall’influenza e dal controllo della politica, dove i tribunali hanno il potere di proteggere realmente e rapidamente le libertà civili, e dove i politici e le pubbliche autorità non siano corrotti.

Il pluralismo democratico fa riferimento all’esistenza di elezioni libere e giuste, così come all’esistenza di una stampa libera e indipendente e alla capacità delle persone di associarsi e/o protestare pacificamente. I diritti fondamentali fanno riferimento a libertà di base come la libertà di parola, il diritto al dissenso, alla privacy, o a un equo trattamento delle minoranze e dei gruppi storicamente marginalizzati.

Come abbiamo deciso chi è ‘euroscettico’?

Per decidere se uno specifico partito nazionale rispetta i valori fondamentali, si è verificato se e come il Parlamento Europeo abbia approvato una risoluzione sull’argomento riguardante il governo o la leadership di uno specifico Paese. Nella legislatura corrente (2014-19) tali risoluzioni hanno riguardato le leadership di Repubblica Ceca, Ungheria, Malta, Polonia, Romania e Slovacchia.

Per saperne di più

Abbiamo anche valutato se un particolare gruppo politico viene considerato dagli esperti euroscettico o meno. Come tali, abbiamo classificato ad esempio l’ENF e l’EFDD. Questi gruppi sono classificati da esperti come “sovranisti”, “radicali” e “autoritari” perché si oppongono alla democrazia pluralista, alla protezione delle minoranze, all’uguaglianza e sostengono un approccio di “ordine pubblico” alla governance che richiede ingiustificata limitazione dei diritti fondamentali. Vedi ad esempio,qui e qui.

Da metà aprile sembra che i due gruppi politici di estrema destra, l'ENF e l'EFDD, cesseranno di esistere. Matteo Salvini, con il suo partito Lega che faceva parte dell'ENF, sta ora cercando di formare un nuovo gruppo politico composto da partiti populisti di estrema destra: l'Alleanza Europea dei Popoli e delle Nazioni (EAPN). Questo nuovo gruppo sta ancora raccogliendo membri, ma alla fine probabilmente includerà la maggior parte dei membri esistenti dell'ENF, alcuni membri dell'EFDD e alcuni partiti che si trovano - o avevano detto di aderire - al gruppo ECR. Poiché l'EAPN succederà l'ENF e porterà dentro i partiti con le simili convinzioni, abbiamo continuato a classificare il gruppo come euroscettico.

Il partito italiano Movimento 5 stelle vuole creare un nuovo gruppo politico, ma non ha ancora il numero minimo di eurodeputati dal numero minimo di paesi richiesto. Attualmente fa parte del gruppo EFDD insieme al partito Brexit di Nigel Farage. Quindi, sembra che anche l'EFDD cesserà di esistere. Per questo motivo, abbiamo raggruppato i resti dell'EFDD, compreso il Movimento 5 stelle, insieme ai deputati "nuovi" e "non inscritti". Non abbiamo classificato questi "nuovi / non-inscritti / 5 stelle" come euroscettici e non è un tale gruppo politico. Contiene partiti che non hanno (ancora) aderito ad un gruppo politico. Tenete presente, tuttavia, che questa categoria di deputati europei avrà partiti che potrebbero essere considerati "euroscettici".

Quindi, per darti l’elenco completo dei gruppi e partiti politici euroscettici:

  • Un gruppo politico per il Parlamento europeo 2019 - 2024: l'Alleanza europea dei Popoli e delle Nazioni (EAPN). Due gruppi politici per il Parlamento europeo 2014 - 2019: il Europe of Nations group and Freedom e il Europe of Freedom and Direct Democracy group
  • Nel gruppo S&D di centrosinistra abbiamo: il Partito Laburista (PL) di Malta, il Partidul Social Democrat della Romania e il SMER partito della Slovacchia.
  • Nel gruppo centrista di Liberal (ALDE), abbiamo il partito ANO della Repubblica Ceca e il partito ALDE della Romania (che è il nuovo partner della coalizione Partidul Social Democrat di centro-sinistra)
  • Nel gruppo EPP di centro-destra abbiamo il partito ungherese Fidesz
  • Nel gruppo di destra, euroscettico ECR, abbiamo il partito PiS (Legge e Giustizia) della Polonia

In alcuni punti ci riferiamo ad altri partiti nazionali che possono essere considerati euroscettici. Sono Golden Dawn (dalla Grecia), Jobbik (dall’Ungheria), NPD (dalla Germania) e Vox (dalla Spagna). Questi partiti sono considerati dagli esperti come “radicali” o di “estrema” destra, il che significa che tendono anche ad essere “sovranisti” e “autoritari”. Vedi, per esempio, qui, qui e qui.

Dove abbiamo preso i nostri dati e che dire di Brexit?

Per capire l’attuale dimensione di ciascuno dei gruppi politici e il numero di membri dei partiti euroscettici in ogni gruppo, abbiamo utilizzato il sito web del Parlamento europeo. Per calcolare le dimensioni previste di ciascun gruppo politico dopo le elezioni, abbiamo utilizzato i periodici sondaggi pubblicati da Poll of Polls sulle elezioni europee del Politico che monitora in maniera costante la situazione continentale.

Per saperne di più

Dall'11 aprile, il poll of polls del Politico ha incluso dati che consentono di vedere come sarà il Parlamento europeo se il Regno Unito parteciperà alle elezioni. Se il Regno Unito parteciperà alle elezioni, il numero totale di seggi nel prossimo Parlamento europeo sarà di 751 anziché di 705.

Abbiamo mantenuto il nostro obiettivo principale su come sarà il Parlamento europeo una volta che il Regno Unito lascerà l'UE. Questo perché anche se il Regno Unito elegge i deputati al Parlamento europeo, è probabile che lascerà l'UE nelle prime fasi della vita del prossimo parlamento e quindi il numero di deputati arriverà a 705. Quindi è probabile che la partecipazione del Regno Unito alle elezioni farà la differenza solo per un periodo molto breve.

Perché 705?

Ci sono 73 deputati del Regno Unito. Ogni paese riceve un certo numero di deputati al PE a seconda delle dimensioni della sua popolazione. L'intenzione è che quando il Regno Unito se ne andrà, alcuni dei suoi 73 seggi saranno redistribuiti in altri Paesi sulla base dell’aumento delle dimensioni della popolazione negli ultimi anni.

Il Poll of Polls sulle elezioni europee del Politico non fa la disaggregazione dei deputati di diversi partiti nazionali che possono tutti aderire allo stesso gruppo politico a livello UE, ma che possono o meno essere affiliati ad un partito nazionale euroscettico. Questo è il caso dei membri rumeni del gruppo S&D e del gruppo ALDE, dei membri polacchi del gruppo ECR e dei membri cechi del gruppo ALDE. In questi casi, per mancanza di dati più dettagliati, abbiamo seguito i dati Poll of Polls sulle elezioni europee del Politico per le elezioni 2019 nella consapevolezza che questi possano includere membri di partiti che, in realtà, non hanno un'agenda euroscettica. Se vuoi saperne di più su come il team di Poll of Polls del Politico abbia raccolto i suoi sondaggi, leggi la loro metodologia sul loro sito web.

Come sappiamo quali partiti nazionali si uniranno a quali gruppi politici?

Ci basiamo sul presupposto che la composizione dei gruppi politici rimarrà più o meno la stessa che c’è ora. Abbiamo anche riflettuto sui gruppi laddove hanno già annunciato di voler accogliere un nuovo membro. Questo perché il nostro tracker sulle elezioni europee si basa sui dati di Poll of Polls del Politico che incorporano tali sviluppi. Esempi di tali cambiamenti includono il gruppo ECR (che ha accolto un partito francese, Debout la France) e il gruppo ALDE (che dovrebbe accogliere il gruppo di Macron La Republique En Marche). Il tracker riflette attualmente la composizione dei gruppi politici come presentati dai dati di Poll of Polls sulle elezioni europee del Politico del 23 aprile 2019.

Per saperne di più

Naturalmente, è possibile che ci saranno nuovi sviluppi in diversi paesi e la lealtà potrebbe cambiare. Ad esempio, se il PPE di centro-destra dovesse formare una coalizione che includa l'ECR, potremmo vedere gli eurodeputati polacchi del PPE uscire da quel gruppo. Questo perché il gruppo ECR contiene il partito di governo della Polonia, mentre il gruppo PPE contiene il partito di opposizione polacco. Le due parti si oppongono aspramente l'una all'altra ed è improbabile che i due desiderino lavorare insieme a livello europeo.

Un'altra cosa che è difficile sapere in anticipo è cosa potrebbero fare i nuovi partiti o i deputati "non iscritti" / "indipendenti". Ad esempio, se dovesse esserci una coalizione conservatrice euroscettica, è possibile che alcuni eurodeputati euroscettici potrebbero voler unirsi alla coalizione o a uno dei gruppi politici che ne fanno parte. Allo stesso modo, potrebbero esserci nuovi partiti con programmi euroscettici, come il Vox spagnolo, che deciderà di unirsi a un gruppo politico esistente dopo le elezioni. Abbiamo menzionato questi problemi dove pensiamo che queste possibilità siano rilevanti.

Scopri di più:

Cosa fa esattamente il Parlamento europeo, e perché è così importante? Leggi qui

Questa potrebbe essere una delle più importanti elezioni del Parlamento Europeo in assoluto. Perché? Vedi qui.

Fai il nostro quiz per capire perché dovresti votare alle elezioni del Parlamento Europeo.

Se sei pronto per partire, tuffati nel nostro #Vote4Values Tracker.