Technologie e Diritti

Ungheria: la pubblicità politica personalizzata accelera lo smantellamento della democrazia

Le opzioni di targeting offerte da Meta ai partiti politici possono indebolire ulteriormente la democrazia ungherese, secondo uno studio di Liberties sulla pubblicità politica online nelle elezioni parlamentari del 2022.

di LibertiesEU

In collaborazione con l'Unione ungherese per le libertà civili, Lakmusz.hu e Who Targets Me, Liberties ha indagato su come e in che misura i partiti politici ungheresi e gli attori correlati abbiano pubblicato annunci politici personalizzati sulla piattaforma di social media Facebook gestita da Meta durante la campagna per le elezioni parlamentari dell'aprile 2022.

La ricerca analizza 28.506 impressioni pubblicitarie tratte da dati anonimi donati da 1.860 utenti ungheresi di Facebook tramite un'estensione del browser sviluppata dal gruppo Who Targets Me.


Con il controllo governativo dei media pubblici e quasi 500 pubblicazioni nelle mani di un gruppo imprenditoriale strettamente legato al partito al potere, molti ritengono che, come sottolinea il Media Freedom Report 2022 di Liberties, i social media siano l'ultimo rifugio per le voci indipendenti.

Dato che 7,34 milioni di ungheresi hanno un profilo su Facebook (su una popolazione di 9,7 milioni), la piattaforma di social media svolge un ruolo fondamentale per gli attori politici nella comunicazione con i potenziali elettori.

La pubblicità politica mirata mina la democrazia

Il rapporto descrive tutta una serie di pratiche inquietanti legate alla pubblicità politica online e spiega come queste minino la democrazia ungherese.

Sebbene non sia più possibile targettizzare le persone in base a dati altamente sensibili, come le convinzioni politiche, l'orientamento sessuale, la religione, ecc. da quando Meta ha disattivato la funzione di "Targeting dettagliato", è possibile ottenere effetti simili attraverso strategie alternative. Ad esempio, i partiti e gli attori politici ungheresi erano ancora in grado di indirizzare la pubblicità politica visualizzando gli annunci direttamente alle persone di cui possedevano già i dati (tramite l'opzione "Lista clienti"), nonché al pubblico personalizzato (ad esempio, persone che mettono "Mi piace" alla loro pagina o commentano i loro video) e al pubblico sosia.

Secondo Liberties, ci sono diversi aspetti che destano preoccupazione. In primo luogo, dal punto di vista della trasparenza, è altamente improbabile che sia stato dato il consenso necessario per utilizzare i dati degli utenti a questo scopo, il che significa che questo approccio non è compatibile con il GDPR. In secondo luogo, l'adattamento delle informazioni al rispettivo gruppo target fa sì che le vere intenzioni dei politici non siano più comprensibili, rendendo più facile la manipolazione degli elettori. Rischia inoltre di creare bolle di informazioni diverse (e forse contraddittorie) nella società, bloccando sul nascere un dibattito pubblico significativo.

Pubblicità politica rivolta a utenti di sesso maschile

Le analisi e i rapporti di diversi esperti hanno già mostrato chiaramente che ci sono molti problemi legati alle elezioni ungheresi. Ad esempio, uno dei principali punti di critica è che il governo esclude la pubblicità politica online dalle norme sulla pubblicità politica e dal calcolo delle spese per le campagne. Di conseguenza, giornalisti e cittadini devono affidarsi ai database di trasparenza di Google e Meta per scoprire quanto denaro gli attori politici spendono per le campagne pubblicitarie politiche online.

Oltre ai problemi già noti, il rapporto di Liberties ne evidenzia altri.

Ad esempio, una delle scoperte più scioccanti è che gli annunci del primo ministro Viktor Orbán sulla guerra della Russia in Ucraina sono stati trasmessi esclusivamente agli utenti maschi di Facebook. È assolutamente inaccettabile che un leader politico o un potenziale titolare di una carica nasconda messaggi di interesse generale a un particolare genere o a qualsiasi altro sottogruppo.

Riteniamo che alcuni dei problemi che indeboliscono la democrazia ungherese possano essere affrontati attraverso una regolamentazione a livello europeo. Tuttavia, l'attuale progetto di regolamento della Commissione europea per la regolamentazione della pubblicità politica è tutt'altro che inattaccabile.

Ad esempio, il divieto di utilizzare i dati sensibili per la pubblicità politica online può essere aggirato se gli interessati acconsentono al trattamento dei loro dati. Ciò mina il divieto, in quanto le piattaforme e i siti web utilizzano i cosiddetti dark pattern per indurre gli utenti a dare il consenso senza che essi siano in grado di comprenderne le implicazioni.

L'UE deve rendere più severo il regolamento proposto

Date le implicazioni per i diritti umani degli annunci politici mirati, l'interruzione di queste pratiche non dovrebbe essere lasciata agli sforzi di autoregolamentazione di Meta. Liberties invita l'UE a rafforzare la sua proposta di regolamento sulla trasparenza e il targeting della pubblicità politica per proteggere i principi fondamentali del blocco.

Liberties propone le seguenti raccomandazioni:

1. Divieto di geolocalizzazione (precisa): sulla base dei nostri risultati, abbiamo concluso che il regolamento deve proibire agli attori politici di utilizzare un targeting che vada oltre la lingua e la circoscrizione elettorale/località geografica.

2. Divieto di segmentazione in politica: gli attori politici che si candidano a ricoprire cariche pubbliche non dovrebbero essere autorizzati a segmentare i gruppi target in base al sesso, all'età o ad altre caratteristiche individuali, a meno che non vengano utilizzate per determinare se gli utenti possono partecipare alle rispettive elezioni.

3. Divieto di liste di clienti e di sosia: allo stesso modo, la pubblicità politica basata su liste di clienti, pubblico personalizzato e pubblico sosia dovrebbe essere vietata per proteggere i diritti fondamentali degli utenti e promuovere un dibattito pubblico libero e sano.

4. Più trasparenza: gli inserzionisti politici devono garantire una maggiore trasparenza finanziaria, che è fondamentale per il buon funzionamento dell'Unione europea e per la democrazia negli Stati membri.

5. Alle organizzazioni della società civile si devono applicare regole diverse: Vorremmo sottolineare che le organizzazioni della società civile non dovrebbero essere soggette alle stesse regole degli attori politici per garantire che possano svolgere il loro ruolo nel rafforzamento della democrazia. Governi autoritari come quello ungherese potrebbero cercare di abusare di questo regolamento contro le organizzazioni critiche della società civile.


Leggi il rapporto completo qui


Precedentemente su Liberties:

Speechbag Podcast E05: Privacy, Propaganda And The Future Of Online Advertising

Gli annunci politici micro-targettizzati dovrebbero essere limitati: nuovo documento politico

Meccanismo di condizionalità contro l'Ungheria: cosa ci si può aspettare?