Technologie e Diritti

Il Media Freedom Report 2022 di Liberties mostra un preoccupante declino della libertà dei media in tutta Europa

Crescente pressione politica, alta concentrazione di proprietà, diffamazione e SLAPP contro i giornalisti, mancanza di supervisione dei media del servizio pubblico: abbiamo indagato perché la libertà dei media è in declino in Europa.

by Franziska Otto

Il Media Freedom Report 2022, pubblicato il 28 marzo 2022, è il primo rapporto annuale sulla libertà dei media nell'UE prodotto dall'Unione delle Libertà Civili per l'Europa come complemento al Rule of Law Report, ed è sostenuto dal Policy Paper on Media Legislation. Il rapporto è stato scritto con l'aiuto delle organizzazioni membri e partner di Liberties in 15 paesi dell'UE e si basa su studi di casi raccolti. Il Media Freedom Report 2022 si concentra su quattro temi: libertà dei media e pluralismo, sicurezza e protezione dei giornalisti, libertà di espressione e accesso all'informazione e infine l'applicazione della legge.

I media liberi e diversificati sono importanti in ogni democrazia. Per avere un dibattito pubblico vivo e vibrante, i cittadini devono essere informati su ciò che fanno i loro rappresentanti politici. Il lavoro dei giornalisti e dei professionisti dei media lo rende possibile. Tuttavia, la libertà dei media nell'UE è in declino. Ci sono problemi in molti paesi nelle aree analizzate, e anche se l'erosione della libertà dei media in alcuni stati è stata portata all'attenzione del pubblico, la situazione generale si sta deteriorando in tutta l'Unione.


Libertà dei media e pluralismo

I cittadini hanno bisogno del giornalismo indipendente per informarsi sulle questioni e le notizie importanti e per formarsi un'opinione. La libertà dei media significa che i media possono riferire su questioni attuali indipendentemente dall'interferenza o dall'influenza dello Stato. Quando i cittadini hanno informazioni accurate e possono considerare diverse opinioni, ciò permette loro di prendere una decisione informata su come vogliono essere governati. Un modo per assicurare che il pubblico possa sentire opinioni diverse è quello di impedire che una manciata di proprietari gestisca la maggioranza delle aziende mediatiche. Tuttavia, molti stati membri dell'UE stanno lottando con una forte concentrazione della proprietà dei media, o con governi che fanno pressione sugli editori.

In Ungheria, gli uomini d'affari filogovernativi hanno comprato grandi parti del mercato dei media. Coloro che sono fedeli al governo hanno preso il controllo di influenti canali di notizie che prima erano critici nei confronti del governo. E anche nelle democrazie più stabili ci sono problemi con la pluralità dei media. L'Italia è un caso emblematico. In Italia, solo due società di media dominano il mercato dei media.

Ma anche altri fattori possono influenzare il pluralismo dei media. In tutta Europa, le case dei media stanno sentendo la pressione economica, per esempio attraverso minori entrate pubblicitarie, principalmente a causa della pandemia di Covid 19. Questo colpisce gli editori di tutte le dimensioni, ma le piccole redazioni locali sono particolarmente colpite.

I giornalisti e i lavoratori dei media non sono al sicuro

Nella maggior parte dei paesi trattati in questo rapporto, l'ambiente per i giornalisti sta diventando sempre più insicuro. Si va dagli abusi verbali alle aggressioni fisiche. Gruppi per i diritti umani in 11 paesi riportano casi preoccupanti di molestie e attacchi a giornalisti. Nei Paesi Bassi, i professionisti dei media riferiscono di un approccio sempre più violento ai media. Nel luglio 2021, questo ha raggiunto un tragico culmine quando il giornalista di cronaca nera Peter R. de Vries è stato ucciso in pieno giorno ad Amsterdam.

E gli attacchi non si limitano agli incontri reali, ma avvengono anche virtualmente. La maggior parte delle molestie che i giornalisti tedeschi affrontano avviene online, il che porta alcuni di loro ad autocensurarsi e ad evitare argomenti esplosivi come la migrazione.

Limitazione della libertà di espressione e di informazione

I nostri membri e le organizzazioni partner nell'UE riportano un numero crescente di restrizioni alla libertà di espressione e di informazione.

In Francia, la nuova legge sulla difesa dei principi della Repubblica rende più difficile per i giornalisti riferire e denunciare la violenza della polizia. In Slovenia, sono stati fatti tentativi per introdurre nuove regole sulla criminalizzazione degli insulti per includere quelli contro le figure pubbliche. In questo modo, le critiche al primo ministro e ad altri funzionari del governo devono essere punite.

L'accesso limitato alle informazioni rimane un problema. In Polonia, decine di giornalisti si sono visti negare l'accesso al confine con la Bielorussia.

È chiaro che c'è molto da fare per proteggere la libertà dei media e garantire il pluralismo dei media in Europa. La Commissione europea sta attualmente lavorando su una nuova legge, l'European Media Freedom Act, per proteggere la diversità e l'indipendenza dei media nell'UE. Includerà misure per promuovere la trasparenza tra i proprietari dei media e stabilire regole per un giornalismo più sicuro.

Raccomandiamo inoltre che la Commissione attui i seguenti punti:

  • I fondi devono essere distribuiti in modo equo e trasparente alle organizzazioni dei media.
  • L'indipendenza editoriale da qualsiasi forma di interferenza pubblica o privata deve essere sostenuta. Un'enfasi speciale deve essere posta sulla protezione delle fonti giornalistiche.
  • Adeguati meccanismi di applicazione, come l'istituzione di un organismo per la libertà dei media e il monitoraggio annuale dello stato della libertà dei media.

Se vuoi saperne di più sulla situazione attuale della stampa nell'Unione Europea e su cosa si può fare per proteggere i giornalisti e la libertà dei media, leggi il nostro rapporto qui.

Ulteriori letture su questo argomento:

How The EU Can Use A Can’t-Miss Opportunity To Protect Media Freedom

EU Must Act as Countries Copy Putin’s Playbook to Control Media

Systemic threats make media freedom decline across Europe: Report 2022


Donate to liberties

Together we’re making the difference

When the many put our resources together, we defeat the few who think they hold all the power. Join us to bring rights to life for all of us.

Be a part of protecting our freedoms

We have

  • Created the largest fund for democracy groups in the EU
  • 
Got new powers to cut off EU funding to autocrats

  • Written new EU rules to protect journalists & campaigners from bogus lawsuits

  • Trained over 400 rights defenders to supercharge the campaigns you care for

More milestones


Together we’re making the difference

When the many put our resources together, we defeat the few who think they hold all the power. Join us to bring rights to life for all of us.

Subscribe to stay in
the loop

Why should I?
  • » You'll know about the latest human rights developments
  • You can follow what we are doing for your right!
  • » You'll hear what Liberties is working on, eg. free speech, privacy, digital rights - before anyone else

Show me a sample!