Democrazia e Giustizia

La proposta dell'UE per combattere le cause abusive contro i giornalisti potrebbe essere una vera svolta

I giornalisti e i cani da guardia meritano più protezione contro la "guerra legale" da parte dei potenti. L'iniziativa anti-SLAPP dell'UE potrebbe essere una svolta nella preoccupante tendenza di usare leggi e tribunali per mettere a tacere le critiche.

by Linda Ravo & Jonathan Day

La Commissione europea ha deciso di celebrare la Giornata mondiale della libertà di stampa in anticipo, e in grande stile. La settimana scorsa ha presentato una proposta storica per frenare le cause legali abusive che cercano di mettere a tacere l'espressione critica, impedire la responsabilità e minare i diritti fondamentali. Conosciute come SLAPP (cause strategiche contro la partecipazione pubblica), queste cause sono sempre più comuni nell'UE, e sono usate sia da politici che da uomini d'affari per intimidire giornalisti, cani da guardia dei diritti umani e altri che coprono questioni di interesse pubblico.

Da anni, molti attivisti hanno lanciato l'allarme su questi casi e sugli effetti dannosi che hanno sulla democrazia, così come la loro diffusione: le SLAPP sono in aumento in quasi tutti gli stati dell'UE, anche quelli con una forte tradizione democratica. La proposta della Commissione è un passo promettente per porre fine a queste richieste abusive e per proteggere adeguatamente i giornalisti e i cani da guardia. Ma c'è ancora molta strada da fare prima che possa essere considerata una vera svolta.

Una solida base su cui costruire

L'iniziativa della Commissione ha molti aspetti positivi per coloro che nell'UE hanno a lungo sostenuto una legge anti-SLAPP dell'UE. Il pacchetto include una proposta per una direttiva UE con salvaguardie chiave e misure di protezione che dovrebbero essere incluse in qualsiasi rigoroso statuto anti-SLAPP. La portata è ampia e mostra una solida comprensione di cosa sono le SLAPP, chi c'è dietro, chi prendono di mira e perché. Le regole fornirebbero strumenti procedurali per qualsiasi cane da guardia (sia esso giornalista, ONG, attivista o accademico) per essere in grado di combattere rivendicazioni che sono manifestamente infondate o di natura abusiva, e che sono portate al solo scopo di inibire o soffocare la partecipazione pubblica. La Commissione ha sviluppato una definizione innovativa di casi transfrontalieri adattata alla natura delle SLAPP, che tiene conto del fatto che il loro impatto transnazionale si riflette anche nel fatto che i litiganti spesso mettono a tacere coloro che indagano su questioni la cui rilevanza si estende oltre i confini nazionali.

Oltre alla portata della proposta, anche la forma di protezione che offre è lodevole. Include un meccanismo per la chiusura anticipata dei casi SLAPP attraverso una procedura accelerata, dove l'onere della prova è a carico del querelante. Le vittime di SLAPP riceverebbero una garanzia finanziaria per i costi durante il processo e un risarcimento per le spese legali e i danni, compresi i danni fisici e psicologici. I promotori SLAPP potrebbero affrontare sanzioni finanziarie per aver presentato tali cause frivole. Le ONG interessate a combattere la minaccia alla partecipazione pubblica posta da una SLAPP potrebbero intervenire nel caso per sostenere la vittima. La proposta include persino delle disposizioni per proteggere gli organismi di controllo dei diritti umani dell'UE che sono vittime di una SLAPP al di fuori dell'UE, dando loro la possibilità di chiedere ai loro tribunali nazionali di bloccare il riconoscimento e l'esecuzione delle sentenze straniere e di obbligare i contendenti a pagare i danni.

Inoltre, il pacchetto della Commissione ha un approccio olistico, con la proposta legislativa accompagnata da raccomandazioni per proteggere i sistemi legali e giudiziari dagli abusi e per evitare che siano usati per mettere a tacere i cani da guardia. A tal fine, propone la sensibilizzazione e la raccolta di dati, la formazione giuridica per i professionisti legali e giudiziari, la revisione dei codici etici che regolano gli avvocati, il sostegno e l'assistenza legale gratuita per le persone colpite, e la revisione delle leggi che limitano indebitamente la libertà di espressione. Tutto questo è necessario per portare un cambiamento di mentalità contro le cause SLAPP e per educare anche i professionisti legali su questi casi.

Le carenze rimangono

Nonostante l'aspirazione della Commissione e la solidità generale della sua proposta, ci sono ancora aree da migliorare. La legge proposta include un'eccezione alla sua ampia portata per i casi relativi a "questioni amministrative", una distinzione ambigua che potrebbe dare ai querelanti SLAPP spazio di manovra per aggirare le regole. Per esempio, questa eccezione coprirebbe i casi relativi al GDPR? Ci sono anche delle lacune nella protezione. È importante notare che l'applicazione proposta del meccanismo di archiviazione anticipata solo ai casi che sono "manifestamente infondati" rischia di permettere a molti casi SLAPP di procedere con il processo.

La discrezione lasciata ai tribunali nel concedere certi rimedi potrebbe anche vanificare le protezioni delle vittime della SLAPP. Per esempio, il riconoscimento delle spese non è automatico, e la giurisdizione nazionale può richiedere alle vittime di avviare un nuovo procedimento per ottenere il risarcimento dei danni. Le disposizioni sulle sanzioni sarebbero anche migliorate da un linguaggio più chiaro, per assicurare che la natura "deterrente" delle sanzioni tenga in debito conto il potere e la ricchezza su cui si basano le SLAPP. Queste questioni devono essere risolte in modo che l'UE possa adottare la serie più forte possibile di regole contro le cause abusive.

Tutto è ancora da decidere

Anche se l'iniziativa della Commissione offre molti motivi per rallegrarsi, è solo questo: un'iniziativa. Ora inizia il duro lavoro.

L'ambizione dimostrata dalla Commissione deve essere corrisposta sia durante i negoziati della direttiva finale che nella sua eventuale attuazione da parte degli Stati membri. Il Parlamento europeo e il Consiglio dovranno lottare contro qualsiasi tentativo di annacquare la proposta durante i prossimi negoziati, che dovrebbero concentrarsi sulla chiusura delle scappatoie. Una volta che il testo è stato approvato dai legislatori europei, le autorità nazionali dovranno attuare le disposizioni in modo coerente con i loro obiettivi e la loro portata.

Fino ad allora, la Commissione dovrebbe esortare i governi a fare passi concreti per attuare le sue raccomandazioni: sostenendoli con una guida, rendendo disponibili i finanziamenti dell'UE, mobilitando le associazioni europee di giudici e avvocati, e costruendo la cooperazione con altri attori internazionali, come gli organismi delle Nazioni Unite e il Consiglio d'Europa. Un quadro di monitoraggio strutturato che coinvolga gli attori della società civile dovrebbe anche essere messo in atto per monitorare regolarmente i progressi.

Per troppo tempo, giornalisti, cani da guardia e altri che lavorano nell'interesse pubblico sono stati intimiditi o messi a tacere attraverso l'uso delle SLAPP. L'iniziativa della Commissione mette l'UE sulla strada per cambiare questa situazione. Sia le istituzioni dell'UE che le autorità nazionali dovrebbero basarsi sull'iniziativa e sviluppare misure concrete e applicabili che diano a chi lavora per il bene comune la protezione che merita.


Questa opinione è stata pubblicata su Euractiv.

Donate to liberties

Together we’re making the difference

When the many put our resources together, we defeat the few who think they hold all the power. Join us to bring rights to life for all of us.

Be a part of protecting our freedoms

We have

  • Created the largest fund for democracy groups in the EU
  • 
Got new powers to cut off EU funding to autocrats

  • Written new EU rules to protect journalists & campaigners from bogus lawsuits

  • Trained over 400 rights defenders to supercharge the campaigns you care for

More milestones


Together we’re making the difference

When the many put our resources together, we defeat the few who think they hold all the power. Join us to bring rights to life for all of us.

Subscribe to stay in
the loop

Why should I?
  • » You'll know about the latest human rights developments
  • You can follow what we are doing for your right!
  • » You'll hear what Liberties is working on, eg. free speech, privacy, digital rights - before anyone else

Show me a sample!