Democrazia e Giustizia

Guida alla disinformazione in 6 passi: non farti travolgere dalle falsità sulla guerra in Ucraina

L'invasione dell'Ucraina ha aperto le porte alla disinformazione. Segui la nostra guida in 6 passi per proteggerti ed evitare di essere travolto da notizie inaffidabili.

di Eleanor Brooks

La disinformazione sta giocando un ruolo enorme nell'invasione russa dell'Ucraina, e ci sono sempre più prove che i russi vengono deliberatamente ingannati dal loro governo e dai media controllati dallo stato. La propaganda russa è anche amplificata dai media statali all'interno dell'Unione europea, per esempio in Ungheria.

La disinformazione rappresenta una seria minaccia per le società democratiche anche in tempi di pace. Versioni contrastanti degli eventi confondono le acque, rendendo difficile per le persone conoscere la verità di ciò che sta accadendo. Senza un quadro accurato, è più difficile per i cittadini parlare e far sentire la loro voce sulle questioni che li riguardano. La disinformazione può anche distorcere il dibattito pubblico, minacciando elezioni libere ed eque.

Cos'è la disinformazione?

La disinformazione è un'informazione falsa che viene condivisa con l'intenzione di ingannare le persone. La persona che condivide la "notizia" sa che è falsa e intende ingannare il suo pubblico. A differenza della misinformazione (informazioni fuorvianti, errate o del tutto false che vengono condivise senza che la persona sappia che non sono corrette), la condivisione della disinformazione non è fatta in buona fede. Piuttosto, è un tentativo deliberato di creare divisione e diffondere la paura diffondendo consapevolmente un contenuto non corretto.


Guida in 6 passi alla disinformazione

Le teorie del complotto sono diventate più sofisticate ultimamente: per essere attenti alla disinformazione, è essenziale che tu adotti una mentalità critica verso tutti i contenuti online che consumi. Prima di condividere qualcosa, fermati e passa attraverso questa lista di controllo.

1. Conoscere l’autore

Come primo passo, dovreste considerare chi è l’autore.

L'autore è riconosciuto come affidabile? Sta semplicemente esprimendo la sua opinione o condividendo prove aneddotiche? Sii molto cauto sulle informazioni che circolano sui social media, sulle applicazioni di messaggistica e sulle bacheche.

Solo perché qualcuno ha un gran numero di follower o un account verificato sui social media non significa necessariamente che il suo contenuto sia affidabile. Diffida soprattutto degli account che si sono uniti di recente alla piattaforma.

2. Conoscere il mezzo di diffusione?

Su quale piattaforma o media hai trovato le informazioni? Controlla l'affidabilità dei media che stai usando e verifica le informazioni con altre fonti.

Se leggi qualcosa sui social media, controlla se la stessa notizia è pubblicata anche su media più grandi e consolidati. Se leggi una storia in un media politicamente estremista, ci sono altri media che pubblicano la stessa storia?

Sostieni il nostro lavoro per proteggerti dalla disinformazione Fai una donazione

3. Verificare le prove

Le accuse sono supportate da prove credibili? Osserva attentamente le prove fornite: i dettagli corrispondono alla situazione reale, ad esempio il luogo, il tempo, l'ambientazione? Fai attenzione a possibili contenuti riutilizzati da un articolo precedente o da un evento completamente diverso.

4. Controllare le immagini e i video

Se hai la sensazione che le prove fornite siano sospette, segui il tuo istinto. Ci sono molti strumenti e strategie disponibili per verificare se un'immagine o un video sono legittimi.

-Controlla se l'immagine è stata ritoccata: controllando i metadati di un'immagine si può vedere se è stata ritoccata. Usa gli strumenti Exif sul tuo smartphone, come l'app ExifWizard.

-Ricerca di immagini inverse: fai uno screenshot e cerca l'immagine con lo strumento di immagini inverse di Google, o altri strumenti simili come Tineye.com o l'estensione RevEye di Google.

- Usa uno strumento di Amnesty International che verifica i video di YouTube

5. Controllare i fatti!

Se una notizia ti sembra sospetta, ci sono molti siti web affidabili di fact-checking che sfatano teorie di cospirazione e disinformazione.

·Snopes

·FactCheck.org

·Bellingcat

·Google Fact Check Tools: elenca i recenti fact check di varie pubblicazioni online.

6. Segnalarlo!

Se individui una notizia falsa online, segnalala alla piattaforma e inviala a un sito di fact-checking. Se uno dei tuoi amici ha diffuso la storia, mandagli questa guida!


Perché è importante combattere la disinformazione?

Muniti della tua pesante cassetta degli attrezzi, ti starai chiedendo se tutto questo non sia un po' esagerato. Ma, ora più che mai, dobbiamo essere vigili, ed è per questo che Liberties è stata fortemente coinvolta nella campagna per la riforma legislativa dell'UE per combattere la disinformazione. Le crisi gemelle della pandemia di Covid-19 e l'invasione dell'Ucraina sono state un terreno fertile per le teorie della cospirazione e la disinformazione. Di conseguenza, anche le persone ben intenzionate sono state fonte di misinformazione condividendo falsità e contenuti manipolati.

La disinformazione genera sfiducia. Ma è ancora più pericolosa se la gente ci crede e la condivide. Resistendo e denunciando la disinformazione, aiuti a proteggere la democrazia. Individuala e fermala!

Leggi altri articoli su questo argomento:

L'invasione di Putin in Ucraina deve spronare i leader dell'UE a rafforzare la nostra democrazia

Siamo con l'Ucraina