Technologie e Diritti

Il voto finale del PE sul DSA decisivo per la libertà di espressione

La nuova legge europea sul DSA deve creare un ambiente online sicuro, prevedibile e affidabile, a meno che i legislatori europei non falliscano nel proteggere la libertà di espressione e la privacy delle persone sotto la pressione delle lobby di Big Tech.

by LibertiesEU

Il Digital Services Act (DSA) ha raggiunto (di nuovo) un importante pietra miliare. La prossima settimana, il Parlamento europeo terrà un voto decisivo sulla proposta, presentata per la prima volta nel dicembre 2020 dalla Commissione europea, che ha ricevuto il via libera dalla commissione dei mercati interni nel dicembre dello scorso anno.

Il DSA non è un semplice aggiornamento della direttiva sul e-commerce, adottata più di 20 anni fa. Sarà la prima direttiva mondiale di questo tipo per regolare internet. Il suo obiettivo generale è quello di rendere Internet un "ambiente virtuale sicuro, prevedibile e affidabile" in cui le persone possono esercitare liberamente i loro diritti fondamentali, "in particolare il diritto alla libertà di espressione e di informazione, il diritto alla libertà di condurre un’attività e il diritto alla non discriminazione."

Purtroppo, a causa delle risorse apparentemente illimitate di Big Tech e delle tecniche di lobbying non trasparenti che questi giganti utilizzano, gli emendamenti dell'ultimo minuto possono mettere a rischio il promettente inizio del DSA. La prossima settimana, gruppi parlamentari dell'UE o deputati "sotto l'influenza" potrebbero votare emendamenti che contraddicono decisamente l'obiettivo iniziale e i compromessi concordati della nuova legge.

Noi di Liberties abbiamo fatto per anni una campagna per nuovo regolamento internet dell'UE che asicuri che le persone vengano prima del profitto e che sia in linea con gli obiettivi politici dal DSA. Mentre molte preoccupazioni legittime sono state discusse durante lo sviluppo del progetto di proposta legislativa, abbiamo concentrato il nostro lavoro intorno alle seguenti questioni:

La pubblicità mirata dovrebbe essere eliminata gradualmente per proteggere la nostra privacy

L'industria della tecnologia pubblicitaria commercia con i nostri dati personali più sensibili, compresa la nostra posizione, le preferenze sociali e l'orientamento sessuale. Le tecniche di pubblicità mirata non solo minacciano elezioni libere ed eque, ma incoraggiano anche la diffusione della disinformazione. Esortiamo i deputati a eliminare gradualmente la pubblicità mirata e a porre fine alle tecniche di sorveglianza predefinite.

Supporta la nostra campagna DSA per proteggere la tua libertà di parola Donate

Moderazione automatica dei contenuti (filtri di caricamento): una minaccia alla libertà di espressione

Gli algoritmi utilizzati per moderare i contenuti online semplicemente non capiscono il contesto e non possono distinguere tra satira e contenuti seri. Questo significa che le tecniche di moderazione automatizzata, spinte dalle aziende Big Tech, non sono in grado di rilevare in modo affidabile i contenuti illegali. L'uso proposto di filtri per l'upload - contro cui abbiamo fatto una campagna per anni - potrebbe portare alla cancellazione di discussioni significative, informazioni utili o addirittura salvavita, limitando in definitiva la libertà di espressione nel mondo digitale. Va da sé che abbiamo invitato gli eurodeputati a respingere qualsiasi proposta che potrebbe reintrodurre i filtri di caricamento.

La rimozione dei contenuti transfrontaliera potrebbe permettere ai populisti di frenare le critiche sul nascere

Secondo le attuali proposte, i contenuti online potrebbero essere rimossi anche se pubblicati in un altro paese dell'UE. Ciò significa che uno Stato membro potrebbe effettivamente controllare ciò che tutti gli altri cittadini dell'UE sono autorizzati a vedere. Questo permetterebbe ai regimi autoritari, come quello di Orbán in Ungheria o quello di Kazcynsky in Polonia, di controllare la libertà di espressione su internet. Abbiamo invitato gli eurodeputati a votare con un clamoroso "NO" a questa possibilità.

In una lettera inviata ai membri del Parlamento europeo (PE), abbiamo chiesto loro di votare in linea con queste preoccupazioni per proteggere le persone e i loro diritti, e per soddisfare le intenzioni originali del DSA.

Dopo il voto del PE questa settimana, la presidenza francese dell'UE cercherà di negoziare un compromesso finale tra i paesi dell'UE (il Consiglio) e i legislatori dell'UE (il Parlamento).

Se vuoi seguire gli sviluppi intorno al DSA e le relative campagne per i diritti digitali, siamo felici di darti il benvenuto tra i nostri nuovi abbonati. Se vuoi aiutarci a continuare la campagna per i diritti digitali, puoi contribuire al nostro fondo per la campagna sulla nostra pagina di donazione sicura.




Donate to liberties

Together we’re making the difference

When the many put our resources together, we defeat the few who think they hold all the power. Join us to bring rights to life for all of us.

Be a part of protecting our freedoms

  • Creating the largest fund for rights & democracy groups in the EU
  • 
Getting new powers to cut off EU funding to autocrats

  • Writing new EU rules to protect journalists & campaigners from bogus lawsuits

  • Training over 400+ rights defenders to supercharge the campaigns you care for


More milestones


Together we’re making the difference

When the many put our resources together, we defeat the few who think they hold all the power. Join us to bring rights to life for all of us.

Subscribe to stay in
the loop

Why should I?
  • You will get the latest reports before everyone else!
  • You can follow what we are doing for your right!
  • You will know about our achivements!

Show me a sample!