Monitoraggio UE

Il 'Pass Verde Digitale': È sicuro e inclusivo?

Test a basso costo potrebbero essere altrettanto sicuri e più inclusivi di un "certificato di immunità". Leggi il nostro policy brief sul Digital Green Pass.

di LibertiesEU

Il 17 marzo 2021, la Commissione europea intende presentare una proposta di legge per un certificato digitale, il cosiddetto "Digital Green Pass" (Passaporto verde digitale). Il certificato europeo previsto fornirebbe le seguenti prove:

- la prova che una persona è stata vaccinata contro il COVID-19, e/o

- i risultati di test recenti per coloro che non sono stati vaccinati, e/o

- informazioni sul recupero dal COVID-19.

Secondo l'annuncio del presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen su Twitter, il Digital Green Pass rispetterà la protezione dei dati, la sicurezza e la privacy.

La proposta legislativa della Commissione mira a garantire il funzionamento del mercato unico permettendo progressivamente ai cittadini europei di muoversi in sicurezza all'interno e all'esterno dell'Unione europea. Spetterà poi agli Stati membri decidere se permettere o richiedere ulteriori utilizzi dei certificati digitali COVID-19 di immunità/risultato del test/vaccinazione.

Un passaporto vaccinale non deve portare alla creazione di una società a due livelli

"L'UE dovrebbe sostenere i singoli governi nel restituire le libertà a tutti i cittadini. Il modo migliore per farlo è quello di distribuire il vaccino nel modo più equo e veloce possibile. Dal momento che la stragrande maggioranza delle persone nell'UE non è stata nemmeno vaccinata, non è il momento giusto per mettere risorse nel difficile compito di sviluppare un passaporto che funzioni in 27 paesi, proteggendo i dati sanitari delle persone. I governi e l'UE dovrebbero invece concentrarsi sul convincere il maggior numero possibile di persone a farsi vaccinare e accelerare un’attuazione equa.

Oltre ad essere una distrazione dal compito della vaccinazione, il passaporto potrebbe finire per creare una società a due livelli. La vaccinazione non può essere l'unico modo per sbloccare ogni sorta di libertà quando ci sono persone che non possono o non vogliono vaccinarsi - spesso senza colpa. Le autorità dovrebbero continuare ad accettare la prova di un test negativo recente come alternativa, e renderlo veloce, economico e facile da ottenere. Infine, qualsiasi passaporto vaccinale dovrebbe proteggere i nostri dati sanitari sensibili in linea con le regole dell'UE sulla protezione dei dati". ha detto Israel Butler, responsabile dell'advocacy dell'Unione delle Libertà Civili per l'Europa (Liberties).


L'accesso universale alla vaccinazione è un must

L'accesso universale ed equo a un vaccino COVID-19 sicuro ed efficace è la chiave per proteggere la salute delle persone e salvare vite, proteggere gli operatori sanitari e salvaguardare il sistema sanitario pubblico, assicurare il ritorno a scuola dei bambini e permettere alle economie di riprendersi e alle famiglie di arrivare a fine mese.

Le campagne di vaccinazione COVID-19 sono iniziate in tutta l'UE. Coloro che vedono il vaccino come la soluzione che ci farà uscire dalla pandemia, criticano la lentezza della vaccinazione in alcuni paesi. Altri esprimono un profondo scetticismo sul vaccino, dovuto in parte alla rapida diffusione della disinformazione e delle fake news.

Le campagne di vaccinazione e i regolamenti sui vaccini e le certificazioni sono di esclusiva competenza e responsabilità dei governi nazionali e non possono essere imposte dall'Unione Europea. Nessuno Stato membro ha scelto di rendere obbligatoria la vaccinazione e sembra molto improbabile che qualcuno di loro cercherà di farlo nei prossimi mesi. Anche se le certificazioni di vaccinazione sono responsabilità degli Stati membri, l'Unione europea ha un chiaro interesse a sviluppare un approccio coordinato.

Agli occhi del pubblico, e di diversi governi europei, il Digital Green Pass offre una grande opportunità per tornare alla "normalità" e rivitalizzare le economie devastate dalle restrizioni legate al COVID-19.

Riconosciamo che l'introduzione di certificati digitali COVID-19 di immunità/test/vaccinazione sia allettante, ma chiediamo sia alla Commissione Europea che agli Stati membri di essere consapevoli dei rischi e dei pericoli che tali passaporti digitali comportano.

Crediamo che l'attuale visione di una proposta di legge il 17 marzo 2021 sia profondamente sbagliata su molti livelli. La Commissione e gli Stati membri non dovrebbero fare alcuna proposta di legge per questo o simili passaporti digitali prima di assicurarsi che le preoccupazioni etiche e scientifiche ben fondate siano state adeguatamente affrontate.

La Commissione europea sta attualmente preparando una nuova legislazione basata solo su ipotesi. In primo luogo, l’ipotesi che la vaccinazione sia sufficientemente efficace da ridurre la trasmissione. In secondo luogo, che il rischio di trasmissione da parte di coloro che sono già guariti dal COVID-19 sia sufficientemente basso. Queste ipotesi, tuttavia, non sono ancora state dimostrate.

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, "ci sono ancora incognite critiche sull'efficacia della vaccinazione nel ridurre la trasmissione (...). La prova della vaccinazione non dovrebbe esentare i viaggiatori internazionali dal rispettare altre misure per ridurre il rischio di viaggio". Inoltre, "l'estensione e la durata dell'immunità mediata dagli anticorpi per proteggere dalla reinfezione da SARS-CoV-2 non sono ancora scientificamente chiare".

Come organizzazione per i diritti umani, non siamo qualificati per fornire prove scientifiche a favore o contro l'efficacia dell'uso dei immunità digitale e/o dei passaporti vaccinali. Tuttavia, ricordiamo ai governi europei e alla Commissione europea che le misure che possono interferire con i diritti fondamentali devono basarsi su prove che tali misure sono necessarie ed efficaci. Al contrario, l'introduzione del Pass Verde Digitale senza prove sufficienti sembra essere una misura audace e controproducente che mette a rischio la nostra salute e le nostre vite per un guadagno politico.

Insistiamo sul fatto che, piuttosto che concentrarsi sullo sviluppo di un ambiente normativo appropriato per le applicazioni mobili attraverso le quali gli europei potrebbero certificare il loro stato di vaccinazione/ripresa, la Commissione e i governi europei dovrebbero prima assistere la comunità scientifica per arrivare a una solida comprensione di come funziona l'immunità / trasmissione della SARS-CoV-2 sia in quelle parti della popolazione che sono già guarite dal COVID-19 sia in quelle che sono state vaccinate.

Se le prove scientifiche dovessero suggerire che il rischio di trasmissione è molto basso per le persone già vaccinate e/o per quelle già guarite dal COVID-19, la Commissione e gli Stati membri dovrebbero ancora affrontare le preoccupazioni etiche e legali relative alla diffusione del previsto Digital Green Pass.

Alcuni usi del Passaporto verde digitale possono portare a disuguaglianze (e, di conseguenza, alla sfiducia nelle istituzioni europee), esacerbare ulteriormente le disuguaglianze esistenti e creare una società a due livelli in cui alcune persone godono di un pacchetto completo di libertà e diritti mentre altre rimangono escluse. Inoltre, l’introduzione del Digital Green Pass può portare a un'intrusione ingiustificata nella nostra vita privata e a un'esposizione dei nostri dati personali a un rischio irragionevole di abuso.

Libertà di movimento: ingiustizia e sfiducia

Un passaporto digitale vaccinale legato esclusivamente alla libertà di movimento all'interno (e all'esterno) dell'Unione Europea potrebbe portare all'esclusione di persone che non possono essere vaccinate per ragioni mediche, come le donne incinte o le persone con determinate precondizioni. Apparentemente, questo è il motivo per cui la Commissione vuole che il Pass Verde Digitale contenga informazioni non solo sullo stato di vaccinazione, ma anche sui risultati dei test attuali, e/o sulla storia COVID-19 dell'utente. Sosteniamo l'intento di evitare l'esclusione di certi gruppi a rischio nella società. Tuttavia, senza garantire un accesso facile e conveniente ai test, coloro che non sono vaccinati continueranno ad affrontare indebite barriere per viaggiare.

Dall'inizio di marzo 2021, la vaccinazione non è obbligatoria in nessuno Stato membro, né si prevede che lo diventi in un prossimo futuro. Inoltre, il vaccino non è ampiamente disponibile al pubblico. Non si prevede che tutti i cittadini dell'UE avranno accesso alla vaccinazione prima dell'ultimo trimestre dell'anno. Anche se l’introduzione del vaccino è stata trasparente ed equa (anche se lenta) in diversi Stati membri, questo non è necessariamente il caso per tutti i paesi. In un certo numero di paesi, la classe media ha un migliore accesso alla vaccinazione e le persone con capitale sociale e/o finanziario saltano le code.

Dare diritti supplementari a coloro che hanno ricevuto la vaccinazione, specialmente se l'introduzione è stata ingiusta, mentre si negano questi diritti a coloro che non sono ancora stati vaccinati, è ingiusto e dovrebbe essere evitato. Se la prova della vaccinazione dà diritto a viaggi relativamente facili tra gli Stati membri, la prova di un test recente negativo dovrebbe essere altrettanto valida. Inoltre, i governi dovrebbero rendere tali test il più possibile disponibili, con una rapida consegna dei risultati.

Finché l'accesso alla vaccinazione non sarà universale, crediamo che i governi che concedono la libera circolazione ai possessori di certificati di vaccinazione, dovrebbero anche fornire mezzi sufficienti e poco costosi per le persone non vaccinate per ottenere rapidamente i risultati dei test e trattare un risultato negativo recente del test come equivalente alla prova della vaccinazione.

Scarica qui il nostro policy brief.

Precedentemente su Liberties:

Tre ragioni per cui il passaporto vaccinale non è una buona idea.

Tre modi in cui l'UE può prevenire la formazione di divisioni sociali durante la distribuzione del vaccino.