Democrazia e Giustizia

Cosa sono i diritti civili: definizione, origini, movimenti, situazione attuale?

I diritti civili garantiscono l'uguaglianza di fronte alla legge, indipendentemente dalle caratteristiche di una persona. Ma nonostante questo insieme di regole sempre più inclusive, nella maggior parte dei Paesi i gruppi minoritari sono discriminati.

by Cassandra Devaney

Cosa sono i diritti civili

Un diritto civile è un diritto esigibile, che prevede un rimedio in caso di violazione. Questi diritti sono comunemente intesi come garanzia di pari opportunità e protezione sociale, indipendentemente da razza, religione, sesso o altre caratteristiche. Tra gli esempi, il diritto al voto, a un processo equo, all'istruzione e ai servizi governativi. Questi diritti sono importanti per una democrazia ed è auspicabile che i governi democratici li rispettino e li facciano rispettare.

I diritti civili si sono evoluti in modo significativo nel corso del tempo. La portata di questi diritti è aumentata in modo esponenziale e il termine "diritti civili" comprende oggi un'ampia gamma di diritti basati sulle caratteristiche personali degli individui. Molti gruppi, come la comunità LGTBQ2+, sono stati trascurati nei primi movimenti per i diritti civili, ma oggi è comune vedere campagne cittadine in tutto il mondo.

Help us fight for your rights. Donate

Sebbene i movimenti per i diritti civili esistano in tutte le parti del mondo e spesso affrontino questioni simili, è difficile stabilire uno standard internazionale per i diritti civili, poiché vengono applicati in modi diversi nei vari Paesi. È così che si differenziano dai diritti umani. Tutti nel mondo hanno diritti umani, ma i diritti civili di una persona dipendono dal Paese in cui vive. Le Nazioni Unite (ONU) hanno incluso alcuni aspetti dei diritti civili nella Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, ma le risoluzioni non sono vincolanti per gli Stati membri dell'ONU.


Quali sono stati i movimenti per i diritti civili più importanti? In che modo questi movimenti hanno dato forma ai diritti civili?

I movimenti per i diritti civili, pur essendo spesso incentrati su caratteristiche diverse dei gruppi emarginati, hanno in genere un obiettivo simile: ottenere pari opportunità e protezione dalla legge. I primi movimenti si concentravano esclusivamente sul diritto di voto o sul diritto all'istruzione pubblica, ma col tempo il significato di diritti civili si è ampliato fino a includere, tra gli altri, la parità di diritti per le minoranze razziali, le donne e le comunità LGTBQ2+. Dai primi movimenti per i diritti delle donne suffragette negli Stati Uniti negli anni '20 ai movimenti per i diritti LGBTQ2+ di oggi, ogni movimento ha ispirato il successivo e ha incoraggiato i gruppi emarginati a lottare per i propri diritti.

Movimento di resistenza in India

Il movimento per i diritti civili in India mirava alla liberazione nazionale dal dominio britannico. Il movimento per l'indipendenza, iniziato già negli anni Cinquanta del XIX secolo, ottenne un ampio sostegno e una maggiore mobilitazione sotto la guida del Mahatma Gandhi. La disobbedienza civile, le iniziative di non cooperazione e le manifestazioni pubbliche di massa furono accolte da un violento contraccolpo, con centinaia di arresti e l'incarcerazione di Gandhi. La lotta durò diversi decenni, ma alla fine l'India ottenne la piena indipendenza nel 1947.

Movimento per i diritti civili negli Stati Uniti

Il movimento per i diritti civili negli Stati Uniti d'America, spinto dalla situazione di oppressione della popolazione afroamericana, mirava a porre fine alla discriminazione nei confronti dei neri. Sebbene la schiavitù fosse stata abolita nel Paese, la popolazione afroamericana era sistematicamente emarginata e spesso soggetta a violenze estreme. Il movimento, nato negli anni Cinquanta, si è manifestato soprattutto con iniziative locali sotto forma di marce, boicottaggi e disobbedienza civile, ma il suo impatto è stato nazionale. I movimenti locali costrinsero all'approvazione del Civil Rights Act del 1964 e del Voting Rights Act del 1965, che garantirono la parità di diritti di voto e si impegnarono a porre fine alla discriminazione. Sebbene la legge sui diritti civili del 1964 abbia rappresentato una vittoria importante per questo movimento e ne abbia rappresentato la "fine" non ufficiale, la comunità nera continua a lottare per i diritti civili anche oggi. Martin Luther King, Jr. è ampiamente conosciuto come la figura più importante del movimento.

L'apartheid sudafricano

Il movimento per i diritti civili in Sudafrica ha posto fine al sistema di segregazione razziale del Paese, comunemente noto come apartheid. Il movimento, guidato da Nelson Mandela, iniziato negli anni Quaranta, ha dovuto affrontare notevoli pressioni governative che hanno portato all'incarcerazione di molti dei suoi leader. Dopo decenni di lotte, pressioni interne e della comunità internazionale, i leader imprigionati sono stati rilasciati e nel 1993 sono state approvate nuove misure per porre fine all'apartheid.

Movimento per i diritti civili dei cattolici in Irlanda del Nord

Il movimento per i diritti civili in Irlanda del Nord è iniziato negli anni Sessanta. Inizialmente, si è concentrata sulla lotta contro il gerrymandering discriminatorio che sfavorisce i cattolici e favorisce i protestanti nelle elezioni. Dopo l'incarcerazione degli attivisti cattolici, il movimento è stato caratterizzato da una campagna di disobbedienza civile e da alcune strategie più violente guidate dall'IRA (Irish Republican Army). Il violento conflitto che ne seguì è comunemente noto come “Troubles”, un periodo in cui protestanti e cattolici si affrontarono in frequenti scontri, attentati, attacchi con armi da fuoco, blocchi stradali e internamenti. Il conflitto ha provocato oltre 3.000 morti e più di 30.000 feriti prima di concludersi con un accordo di pace nel 1998.


Qual è la situazione attuale?

La stragrande maggioranza dei Paesi nega attivamente i diritti civili a qualche gruppo minoritario.

Nonostante gli ostacoli degli ultimi decenni, a livello globale si registra uno slancio generalmente positivo verso il riconoscimento di un maggior numero di diritti civili. I movimenti per i diritti civili che mirano all'uguaglianza delle donne, dei bambini e delle comunità LGBTQ2+ hanno compiuto i maggiori progressi e continuano a fare pressione sui governi di tutto il mondo affinché riconoscano i loro diritti. Sebbene i gruppi per i diritti civili e la libertà abbiano ottenuto risultati significativi, si registra una tendenza globale di arretramento antidemocratico e di attacchi allo Stato di diritto. Negli ultimi due decenni, l'ordine democratico liberale è stato eroso mentre l'autoritarismo guadagnava terreno in tutto il mondo.

Europa/Asia centrale

L'Europa e l'Asia centrale hanno visto un aumento dell'autoritarismo. Alcuni Stati hanno limitato l'indipendenza giudiziaria, represso la libertà e messo a tacere i critici. Inoltre, un problema importante in tutta la regione è il trattamento dei migranti e l'aumento delle espulsioni illegali di richiedenti asilo. Questo problema è stato evidenziato all'indomani della guerra in Ucraina, poiché molti Paesi hanno accolto i rifugiati provenienti dall'Ucraina, mentre hanno respinto quelli provenienti da Paesi prevalentemente musulmani e africani. Il razzismo contro i gruppi storicamente emarginati è aumentato e in molti Paesi si è registrato un incremento delle aggressioni verbali e fisiche. In alcuni Paesi si sono verificate anche violente reazioni alle proteste di Black Lives Matter. Mentre alcuni Paesi hanno fatto progressi in materia di diritti delle donne e delle persone LGBTQ2+, approvando nuove leggi che offrono maggiore protezione, altri continuano a fare passi indietro, ponendo nuove restrizioni ai diritti delle persone LGBTQ2+ in particolare. La pandemia COVID-19 e la guerra in Ucraina hanno esacerbato i problemi esistenti, soprattutto quelli relativi alla libertà di stampa, di espressione e di riunione pacifica.

North America

In the United States, the Biden administration stated its intention to restore the country’s record on civil rights after many of these rights were attacked and eroded under the previous administration. Comparatively speaking, the United States has a stronger civil rights record than many other countries and the Biden administration has taken steps to repeal previous discriminatory policies towards LGBTQ2+ people and renewed legislation aimed at protecting women and minority groups. There is, however, room for improvement,and Supreme Court rulings have hampered past civil rights victories. The recent overturning of Roe v Wade threatens reproductive healthcare across the country and the ruling opens the door to attack other previous held rights, including same-sex and interracial marriage and the right to contraception. Additionally, the administration has failed to adopt and implement police oversight and accountability measures in the wake of protests against police violence and excessive use of force.


In Canada sono state approvate nuove leggi per affrontare la discriminazione nei confronti di una serie di gruppi emarginati, tra cui una legge che criminalizza la terapia di conversione, un processo che cerca di cambiare l'orientamento sessuale di una persona o di sopprimere la sua identità o espressione di genere, e una legge che attua la Dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti dei popoli indigeni. Tuttavia, il governo è fortemente criticato per la gestione delle questioni relative alle comunità indigene del Paese, soprattutto dopo la scoperta dei resti di oltre 1.300 bambini indigeni sepolti in ex collegi. Le autorità non hanno attuato pienamente e condiviso un calendario pubblico di decine di richieste di azione e misure di responsabilità, e i governi provinciali continuano a negare l'esistenza di razzismo e discriminazione contro le comunità indigene.


America centrale e meridionale

In tutta la regione dell'America meridionale e centrale si registrano sempre più spesso problemi di diritti civili e insuccessi democratici. Molti leader, anche quelli democraticamente eletti, hanno attaccato l'indipendenza della magistratura, i media e altri spazi civici. Questi problemi si sono intensificati durante la pandemia COVID-19. Le proteste antigovernative, generalmente pacifiche, hanno portato ad arresti arbitrari, mentre i critici del governo devono affrontare processi per corruzione e detenzioni prolungate. La disparità di accesso ai media, la soppressione di alcuni organi di informazione e le minacce ai giornalisti hanno minato la libertà di espressione. Per molti Stati è stato difficile affrontare molte di queste questioni a causa della complicità del sistema giudiziario nelle violazioni dei diritti. In alcuni Paesi si sono registrati sviluppi positivi: l'Argentina ha approvato una legge che legalizza l'aborto nelle prime 14 settimane di gravidanza e quattro Stati del Messico hanno depenalizzato l'aborto fino a 12 settimane. Il Senato messicano ha inoltre approvato una riforma per proteggere le donne dalla violenza, il Congresso cileno ha approvato il matrimonio tra persone dello stesso sesso e l'Argentina è diventata il primo Paese latinoamericano a riconoscere le identità di genere non binarie nei documenti di identità ufficiali.

Asia/Pacifico

Nella regione Asia-Pacifico, i problemi di diritti civili esistenti sono stati esacerbati dalla pandemia COVID-19 e dai cambiamenti di governo. Un colpo di stato militare in Myanmar ha causato centinaia di morti e arresti arbitrari, mentre il cambio di governo in Afghanistan ha portato alla soppressione dei diritti delle donne nel Paese. La pandemia COVID-19 ha giustificato i governi a limitare i diritti e le libertà, ad approvare nuove leggi che criminalizzano la diffusione di informazioni "false", a tentare di mettere a tacere i critici e i media, a impedire e disperdere le proteste. Le autorità hanno fatto un uso eccessivo della forza contro le manifestazioni pacifiche, il controllo statale dei media e di Internet è aumentato e i critici sono stati sottoposti a dure punizioni. La pandemia ha inoltre peggiorato la situazione di molte donne in tutta la regione, con alti livelli di discriminazione e violenza di genere e un aumento degli attacchi alle comunità LGBTQ2+ e indigene.

Africa

Il riconoscimento dei diritti civili e della democrazia in Africa è stata una lotta continua, con molti Paesi che hanno dovuto affrontare frequenti estromissioni dal governo. La pandemia COVID-19 ha avuto un impatto significativo sulla situazione dei diritti civili in molti Paesi africani. I tentativi di molti governi di contenere la diffusione del virus sono stati utilizzati come giustificazione per reprimere molti diritti, tra cui il diritto al dissenso, all'espressione e ad altre libertà. Molti governi hanno vietato le proteste, adducendo problemi di salute e sicurezza, e hanno usato la forza eccessiva per interrompere le proteste quando i cittadini hanno sfidato i divieti. Inoltre, molti hanno adottato una serie di misure per mettere a tacere i difensori dei diritti umani, dagli arresti e processi arbitrari alla limitazione della libertà di stampa o alla riduzione dello spazio civico. La discriminazione di genere rimane un problema, con un accesso limitato all'assistenza sanitaria riproduttiva, matrimoni precoci e forzati e un aumento della violenza di genere. Anche la comunità LGBTQ2+ ha subito continue molestie, detenzioni e persecuzioni a causa del proprio orientamento sessuale o della propria identità di genere.

Per saperne di più:

Cos'è la libertà di riunione: definizione, importanza, limiti

Libertà civili: perché dovremmo valorizzarli

Lithuanian Parliament to Debate Law on Civil Unions


Donate to liberties

Together we’re making the difference

When the many put our resources together, we defeat the few who think they hold all the power. Join us to bring rights to life for all of us.

Be a part of protecting our freedoms

  • Creating the largest fund for rights & democracy groups in the EU
  • 
Getting new powers to cut off EU funding to autocrats

  • Writing new EU rules to protect journalists & campaigners from bogus lawsuits

  • Training over 400+ rights defenders to supercharge the campaigns you care for

More milestones


Together we’re making the difference

When the many put our resources together, we defeat the few who think they hold all the power. Join us to bring rights to life for all of us.

Subscribe to stay in
the loop

Why should I?
  • You will get the latest reports before everyone else!
  • You can follow what we are doing for your right!
  • You will know about our achivements!

Show me a sample!