#WeDecide: Democrazia diretta vs. rappresentativa: chi dovrebbe prendere le decisioni?

Tutti noi dovremmo avere voce in capitolo nelle decisioni collettive che influenzano profondamente le nostre vite, ma molti di noi preferirebbero trascorrere del tempo con la famiglia invece di istruirsi sull’applicazione dell’IVA e norme di spedizione.

Come abbiamo sottolineato nella quarta parte di questa serie, alcuni ritengono che la democrazia diretta sia l'unica vera forma di democrazia. Quando diamo il potere ai rappresentanti di prendere decisioni per noi, facciamo un compromesso: un compromesso tra i nostri ideali e la pratica nella realtà. Siamo noi che vorremmo prendere tutte le decisioni che ci riguardano, è solo che non abbiamo le risorse necessarie. Qualcuno ha bisogno di cuocere il pane, riparare le nostre lavatrici rotte, costruire strade, curare le ossa rotte e così via - se tutti noi tentassimo di prendere una decisione consapevole su tutte le questioni che richiedono una decisione collettiva, moriremmo tutti di fame. O, per lo meno, le nostre lavatrici non sarebbero mai riparate. Quindi, per risparmiare tempo (e denaro - i referendum su larga scala sono piuttosto costosi da tenere!) e avere l'opportunità di fare affari, deleghiamo parte dei nostri poteri decisionali ai rappresentanti.

Alcuni di coloro che condividono questo punto di vista credono anche che, sebbene in passato fosse probabilmente una buona idea, pagare qualche migliaio di persone per prendere decisioni collettive a nostro nome, non è più così. In questo preciso momento di sviluppo tecnologico è facile da ottenere l'informazione e tenere referendum è molto più economico di prima. In Europa quasi tutti hanno un facile accesso a Internet, dobbiamo solo sviluppare delle piattaforme online abbastanza sicure e tutti potrebbero votare da casa o tramite smartphone. Quindi, è tempo di sbarazzarsi del vecchio compromesso, riprenderci il nostro potere e prendere le decisioni collettive in modo diretto.

Ma è davvero così? La democrazia rappresentativa è solo un triste ma necessario compromesso di cui abbiamo bisogno (o avevamo bisogno) in nome dell'efficienza? La democrazia diretta è la vera forma di democrazia?

Ricorda, la democrazia è una versione breve per dire "il sistema che è degno del nostro sostegno morale". Da un lato, sembra che le democrazie rappresentative funzionino abbastanza bene: sono ragionevolmente efficienti nel risolvere i problemi e, poiché la maggior parte delle persone il più delle volte accetta le decisioni prese dai rappresentanti, tendono anche ad essere piuttosto stabili. Non solo funzionano bene, ma sono anche degni del nostro sostegno morale - trattano pubblicamente tutte le persone ugualmente e l'interesse di tutti è importante. D'altra parte, tuttavia, nelle stesse democrazie rappresentative, la fiducia nelle istituzioni democratiche si sta indebolendo, l'affluenza è in calo e il processo decisionale sta diventando sempre più distaccato dalla gente comune e dalle loro preferenze. Di sicuro bisogna trovare alcuni rimedi. Ma dato il fatto che gli attuali problemi delle democrazie rappresentative devono essere risolti, non ne consegue che dovremmo sbarazzarci della rappresentanza. La rappresentazione non è un triste, ma necessario compromesso.

Mentre tutti noi dovremmo avere voce in capitolo nelle decisioni collettive che incidono profondamente sulle condizioni di background della nostra vita, molti di noi preferiscono trascorrere il tempo libero con la famiglia invece di educarci su tutti i tipi di questioni relative alle soglie ottimali dell’applicazione dell’IVA per le norme di spedizione. Molti di noi si pentirebbero profondamente di dover trascorrere anche solo 10 minuti ogni sera, accedendo alla piattaforma centrale dei referendum e facendo clic sulle migliori opzioni legislative. Dire che quelli che non vogliono farlo sono fannulloni e non meritano che le loro opinioni siano prese in considerazione, non è un argomento particolarmente valido. Dopotutto, passare il tempo libero con la famiglia (o con, più o meno, qualsiasi altra cosa) piuttosto che studiare le regole di spedizione è una preferenza legittima. È un desiderio pienamente legittimo voler pagare altre persone per studiare i regolamenti di spedizione e tenere in considerazione il tuo sistema di valori e l'interesse quando prendi una decisione sulla regolamentazione, mentre tieni conto dei bisogni dei tuoi cari. Se ci liberassimo della rappresentanza, negheremmo la legittimità di questo e di simili desideri pienamente legittimi.

Inoltre, una pura democrazia diretta avrebbe essa stessa una serie di carenze, non inferiori a quelle della democrazia rappresentativa. In primo luogo, quando si parla di referendum, il numero di opzioni che è possibile assegnare a una scheda elettorale è limitato. Non esiste un forum per cercare decisioni politiche accettabili per tutti. In secondo luogo, poiché i cittadini non hanno una circoscrizione elettorale, non sono responsabili di prendere in considerazione i bisogni di tutti, se decidessimo attraverso il referendum e le probabilità di cadere in una tirannia di maggioranza sarebbero molto alte.

Ma questo non significa che non dovremmo avere affatto la democrazia diretta. I problemi della democrazia rappresentativa sono reali. Le persone dovrebbero riacquistare fiducia nella democrazia e dovrebbero vedere che le preoccupazioni sono importanti per i responsabili. La democrazia diretta e rappresentativa dovrebbero completarsi a vicenda.

Un lettore pessimista potrebbe dire che stiamo suggerendo di combinare due sistemi che abbiamo appena dimostrato essere difettosi. Ma non è questo il caso. Non avrai del buon pane se hai solo farina o lievito. Ma se hai entrambi (e alcuni altri ingredienti), potresti averlo.

La pura democrazia diretta e la pura democrazia rappresentativa non faranno una buona democrazia. Ma se li mescoli e aggiungi un pò di media liberi e una sana società civile, è probabile che avrai esattamente ciò di cui hai bisogno.

Siamo interessati alle tue opinioni. Pensi che dovremmo avere più democrazia diretta in Europa? Se sì, quali sono le questioni che dovremmo decidere per referendum e perché? Lascia un commento sotto il nostro post su Facebook e discuti le tue motivazioni con noi e con gli altri lettori. E ricorda di tornare la prossima settimana per leggere la parte finale della serie WeDecide. Sarà sull'UE.