Ecco come riacquistare le nostre libertà dopo il coronavirus

Molti di noi sono d'accordo che il governo dovrebbe paralizzare temporaneamente le nostre libertà, se questo aiuta a fermare la diffusione del coronavirus. Ma i diritti umani ci aiutano anche a riconquistare le nostre libertà il più presto possibile.

Quando ci affidiamo ai politici per governarci, vogliamo che facciano ciò che è meglio per tutti. Nei prossimi mesi, navigheremo attraverso la pandemia del coronavirus. Ci aspettiamo che i governi usino i poteri che abbiamo dato loro per tenerci al sicuro e per sostenere tutti coloro che ne hanno bisogno. A volte devono chiedere alla società di accettare temporaneamente il congelamento di alcune delle nostre libertà. Questo può accadere solo quando il pericolo è grave. Si chiama ‘stato di emergenza’.

Di che tipo di libertà stiamo parlando?

Siamo persone sociali. Ci piace viaggiare, spostarci, incontrare amici e parenti, andare a concerti, eventi sportivi, in chiesa o al lavoro. Ed è per questo che esiste un diritto umano alla 'libera circolazione' e alla 'riunione'. Ma se usiamo queste libertà per riunirci in grandi gruppi in un momento in cui esiste un virus pericoloso, possiamo finire per aiutarlo a diffondersi.

Allo stesso modo, a tutti noi piace avere il nostro spazio intimo, scambiare opinioni, leggere le notizie o andare in giro con la garanzia che nessuno ci guardi. Per questo motivo esiste il diritto alla privacy, che ci permette di tenere le informazioni personali per noi stessi. Tutti usano Internet e hanno il cellulare. Quindi molte informazioni sulla nostra vita sono registrate online. Molti governi vogliono avere quelle informazioni personali e usarle per scoprire chi è infetto, dove è stato e se ci sono più persone in casa loro.

Qual è il problema?

A volte i governi si spingono troppo oltre nel limitare le nostre libertà o mantengono tali restrizioni più a lungo del necessario, come abbiamo visto dopo gli attentati terroristici di qualche anno fa in Europa. Molti governi hanno dato alle forze di sicurezza il potere di spiarci, di proibire le proteste e di perquisire e arrestare le persone senza prove. Molti di questi limiti alle nostre libertà rimangono in vigore. E alla fine, nessuno di questi poteri è servito a prevenire o punire il terrorismo.

Oggi, molti governi dell'UE utilizzano le nostre informazioni personali per tracciare dove andiamo o come ci sentiamo. Questo potrebbe andare bene, se le informazioni fossero state utilizzate solo per combattere il coronavirus, fossero state cancellate dopo poco tempo e non fossero più raccolte al termine della pandemia. In questo modo, l'invasione della nostra privacy sarebbe ridotta al minimo e potrebbe aiutare a salvare le persone. Ma alcuni governi dell'UE stanno chiedendo alle compagnie telefoniche di consegnare tutte le informazioni che hanno su di noi senza alcuna di queste limitazioni di sicurezza. Non sappiamo per quanto tempo terranno queste informazioni, per cosa le useranno in futuro e se smetteranno mai di raccoglierle.

Molti governi, come quello britannico, italiano e francese, hanno anche approvato leggi che permettono alla polizia di arrestare le persone che non rispettano la detenzione o che sono sospettate di essere portatrici del virus. Nel Regno Unito, questi poteri saranno mantenuti per due anni, probabilmente molto più a lungo di quanto sia effettivamente necessario. In Italia e in Francia dovranno essere riattivate ogni poche settimane o mesi.

Come possiamo riavere le nostre libertà?

Immagina una nuova legge che permetta alla polizia di prendere la tua auto per poter consegnare le medicine e salvare delle vite. Probabilmente saresti felice di aiutare, ma non vorresti la garanzia di riavere la tua auto il prima possibile, e che la polizia non possa usarla per qualcos'altro, come andare in spiaggia? Probabilmente vorresti anche avere un giudice indipendente a cui rivolgersi per garantire queste cose. Lo stesso vale per le nostre libertà, come la privacy o la possibilità di muoversi o di incontrare altre persone.

Ecco perché esiste un diritto umano a tribunali indipendenti, la cui funzione è quella di controllare i governi quando questi limitano le nostre libertà. I giudici fanno in modo che i nostri leader non ci portino via più di quanto sia realmente necessario. Inoltre fanno in modo che ci restituiscano le nostre libertà il più presto possibile. E lo stesso vale per i nostri rappresentanti in Parlamento. Abbiamo il diritto umano di scegliere i nostri rappresentanti votando alle elezioni. E il loro compito è quello di garantire che i ministri non sottraggano troppe libertà o per troppo tempo. Nei prossimi articoli spiegheremo anche come contiamo sui giornalisti indipendenti e sugli attivisti per i diritti umani e la democrazia, per garantire che i ministri non abusino dei poteri che sono stati loro conferiti.

In paesi come l'Ungheria, dove non ci sono tribunali indipendenti o elezioni eque o dove il governo controlla la maggior parte dei media e attacca gli attivisti, è più difficile usare i nostri diritti per riconquistare le nostre libertà. Il governo ungherese sembra approfittare del coronavirus per andare ancora più avanti verso la creazione di una dittatura. Per esempio, il primo ministro Orbán vuole approvare una legge che permetta al governo di incarcerare i giornalisti che lo criticano. Purtroppo, l'Unione europea non sta facendo molto per proteggere la democrazia in quel paese. Ecco perché è importante che tutti noi comprendiamo, utilizziamo e manteniamo i diritti e le libertà che abbiamo.