Technologie e Diritti

DSA: le nuove norme sui servizi online devono imparare dagli errori del RGPD

La Commissione Europea ha pubblicato oggi il Digital Services Act (DSA), una revisione da tempo attesa di tutte le normative in ambito digitale e del commercio elettronico.

di LibertiesEU
8521624548 fe3b21051d w

Come il regolamento generale sulla protezione dei dati (RGPD), la legge sui servizi digitali (DSA) avrà un effetto di ricaduta al di là dei confini dell'UE, ma l'UE deve imparare dalla pietra miliare normativa introdotta nel 2018 che è stata compromessa da una scarsa attuazione.

"Questo regolamento stabilirà regole chiare per i servizi online e migliorerà la situazione, ma è improbabile che rappresenti un punto di svolta se non sarà attuato correttamente. Dare alle autorità il potere di imporre grandi multe ai giganti della tecnologia non significa che lo faranno, né che faranno rispettare le regole. L'agenzia irlandese per la protezione dei dati è un buon esempio perché ha fatto poco per far rispettare il RGPD. Ciò che deve essere fatto è dare agli utenti la possibilità di contestare le decisioni dei giganti della tecnologia e le autorità devono intervenire quando si verificano abusi. Abbiamo anche bisogno di meccanismi di trasparenza più forti per capire come funzionano le piattaforme Internet, come pianificano la pubblicità e come rimuovono i contenuti. Questo sarebbe molto utile per l'attuazione del Digital Services Act", afferma Eva Simon, un'esperta di advocacy di Liberties.

La legge sui servizi digitali impone alle piattaforme online di rimuovere da Internet i contenuti considerati illegali. Questo solleva ogni tipo di domanda sul ruolo che le piattaforme online giocano nella nostra democrazia.

"Non possiamo in nessun caso permettere che i giganti di Internet diventino la polizia online. Abbiamo già dato loro troppo potere nella nostra democrazia, e non si può permettere loro di decidere quello che possiamo vedere in rete. Se devono scegliere tra i loro interessi commerciali e la tutela della libertà di espressione, i giganti della tecnologia sono chiaramente inclini a rimuovere qualsiasi contenuto che possa comportare il minimo rischio di essere legalmente responsabili", dice Eva Simon sulla libertà di espressione e di informazione.