Proteggere la privacy online - Perché ogni voce conta

L'industria della pubblicità online viola sistematicamente la privacy degli utenti. Liberties ha lanciato una petizione per chiedere dei cambiamenti - ecco la nostra spiegazione del problema e di cosa stiamo facendo al riguardo.

Quando la privacy è accessibile a tutti

Quando le persone vanno online, di solito vedono diversi annunci pubblicitari. Questi annunci a volte sono fatti su misura per alcuni interessi molto particolari e personali. Quindi, come fanno gli inserzionisti a sapere di che tipo di farmaco qualcuno potrebbe aver bisogno?

Attraverso i cookies. Questo è il modo in cui le aziende raccolgono informazioni sul comportamento online. Se hanno abbastanza dati, sono in grado di dedurre una serie di dettagli molto personali sugli utenti. Interessi. Problemi di salute. Religione. Interessi sessuali. Preferenze politiche. E molto altro ancora.

Per trovare il miglior inserzionista pagante, i profili degli utenti vengono trasmessi a migliaia di aziende. Sulla base di questi profili, le aziende valutano le persone e decidono in millisecondi chi è un potenziale cliente. Se individuano dei buoni candidati, fanno un'offerta per il diritto di mostrare a queste persone un annuncio. Quello che offre di più ha il diritto di pubblicizzare ad un gruppo specifico di persone. Questo è chiamato il sistema di offerta in tempo reale, o RTB.

Il vero problema del sistema di offerte in tempo reale

A volte le pubblicità vanno bene, e a volte no. Ma non è questo il punto, anche se a volte rende lo shopping natalizio più facile. Il problema è che le aziende che partecipano al settore della pubblicità online hanno accesso ai dati personali senza consenso. Il problema è che gli utenti non hanno alcun controllo su ciò che accade ai loro dati trasmessi nell'etere.

Le aziende che ricevono i dati non solo li raccolgono e li utilizzano, ma li usano in modo improprio. Ti ricordi lo scandalo di Cambridge Analytica? (se vuoi rinfrescarti la memoria, potresti voler dare un'occhiata al "The Great Hack"). Qualcosa di simile può accadere ogni giorno con l'aiuto dei dati che fuoriescono dal sistema di offerte in tempo reale.

I tuoi dati sono affari tuoi. E tu puoi proteggerli.

Noi di Liberties sappiamo che il modo in cui funziona il sistema delle offerte in tempo reale viola la normativa UE sulla protezione dei dati, il GDPR. Abbiamo quindi deciso di chiedere a Google e IAB Europe, l'associazione a livello europeo per l'ecosistema del marketing digitale e della pubblicità, di smettere di violare la nostra privacy. Dovresti farlo anche tu. I tuoi dati sono affari tuoi.

Liberties ha lanciato una petizione (link) per chiedere di cambiare gli standard del settore della pubblicità comportamentale. In questa petizione noi, e i difensori della privacy che firmano la petizione, chiediamo a quelli che stabiliscono gli standard nel settore della pubblicità online di rispettare la privacy degli utenti e sviluppare una soluzione di protezione dei dati per la pubblicità online.

Google e IAB Europe devono modificare i loro standard, limitare l'uso dei dati personali e fare in modo che i dati personali non vengano divulgati ai potenziali responsabili.

Ogni voce conta. Firma la petizione e proteggi la tua privacy.

xxx

Questa non è la prima azione contro la RTB. Nel giugno 2019, Liberties e i suoi partner hanno presentato una serie di reclami a 13 uffici nazionali per la protezione dei dati in 9 paesi, chiedendo loro di avviare indagini sull'industria della pubblicità comportamentale. Sono in corso procedure in 16 Stati membri dell'UE: Belgio, Bulgaria, Bulgaria, Repubblica Ceca, Estonia, Francia, Germania, Ungheria, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Slovenia, Spagna e Regno Unito. La maggior parte di loro ha rinviato il caso alla Irish Data Protection Commission, che ha avviato un'indagine legale contro Google Ireland. Anche l'Ufficio del Commissario per l'informazione del Regno Unito è attivo in questo campo. Ha pubblicato un rapporto intermedio su AdTech e sul sistema di offerte in tempo reale.

Per ulteriori informazioni su questo argomento, visita la pagina della campagna Liberties.