L'azione legale potrebbe porre fine alla condivisione dei dati dei passeggeri

La Society for Civil Rights (GFF) e l’epicenter.works stanno intraprendendo azioni legali allo scopo di far annullare la direttiva europea sui PNR da parte della Corte di Giustizia Europea (ECJ).

Dal maggio 2018, le compagnie aeree hanno dovuto trasferire i dati dei passeggeri alle autorità nazionali di polizia degli Stati membri. I dati PNR contengono diversi elementi sensibili, tra cui la data di nascita e le abitudini alimentari. I dati vengono archiviati centralmente e confrontati con "configurazioni" create appositamente in base alle configurazioni di volo dei pregiudicati. Questo equivale alla sorveglianza di massa dei passeggeri. La campagna NoPNR intende fermare la direttiva PNR attraverso contenziosi strategici.

Sorveglianza di massa senza sospetti fondati

I dati PNR di ogni passeggero che viaggia in Europa sono confrontati con configurazioni esistenti, anche quando non si è sospettati di alcun crimine. Ciò consente alle forze dell'ordine di individuare nuovi sospetti. Sfortunatamente, le persone totalmente innocenti possono essere influenzate dai risultati falsi dei programmi non trasparenti di valutazione automatica dei dati e essere investigate dalla polizia.

Le autorità responsabili della memorizzazione e dell'elaborazione dei dati PNR sono solitamente le autorità di polizia, come gli uffici della polizia criminale federale sia in Germania che in Austria. Tuttavia, altre autorità possono accedere ai dati, le autorità di polizia locale, i servizi di intelligence e le agenzie di sicurezza che possono accedere manualmente ai database. Inoltre, i dati possono essere scambiati con altri paesi dell'UE e, in alcuni casi, anche con paesi terzi.

I dati PNR vengono archiviati per sei mesi utilizzando nomi reali e successivamente per altri quattro anni e mezzo sotto pseudonimi. Tuttavia, questi pseudonimi possono essere rimossi in determinate circostanze. Solo dopo cinque anni, se non ci sono state misure di polizia approfondite, i dati vengono finalmente cancellati.

La conservazione dei dati PNR viola i diritti fondamentali europei

In un parere legale del 2017, la Corte di Giustizia Europea (ECJ) ha riscontrato che il trasferimento dei dati PNR come previsto in un progetto del trattato internazionale tra l'UE e il Canada violerebbe i diritti fondamentali dei cittadini. La direttiva PNR viola anche la Carta dei diritti fondamentali dell'UE, in particolare il diritto al rispetto della vita privata e familiare (Articolo 7), nonché il diritto alla protezione dei dati personali (Articolo 8).

Nel nostro caso, non è possibile presentare ricorso direttamente alla Corte di giustizia. Il GFF ed l’epicenter.works hanno quindi intrapreso un'azione legale contro l'attuazione nazionale della direttiva PNR, dinanzi ai tribunali tedeschi e austriaci, sia civili che amministrativi. Si aspettano che i tribunali nazionali sottopongano la questione della direttiva PNR alla Corte di giustizia, e solo la Corte di giustizia europea può annullare la direttiva PNR e quindi bloccare la conservazione dei dati PNR in tutti gli Stati membri dell'UE.

Ringraziamo il Digital Freedom Fund per aver fornito i finanziamenti di base per il progetto.

Puoi trovare ulteriori informazioni sulla campagna NoPNR cliccando qui.