Pubblicità comportamentale: Un'auto-riflessione

Attraverso il sistema real-time bidding, informazioni intime e molto dettagliate su di voi possono finire, senza il vostro consenso, nei database di società di cui non avete mai sentito parlare.

Se tu potessi rallentare il tempo, intendo davvero rallentare, saresti in grado di vedere che gli annunci pubblicitari sui diversi siti web che visiti, non sono solo lì in attesa di essere visti. Serve tempo, anche se molto poco, affinché gli inserzionisti ti servano gli annunci. A te. Non a qualcun altro. Tu arrivi lì, ti identificano, ti misurano, poi i potenziali inserzionisti decidono se ne vale la pena, lottano un po' e, infine, il vincitore coglie l'opportunità di catturare la tua attenzione. Voilà. Ora ti hanno servito una pubblicità sulle migliori scarpe rosa da corsa per superfici miste per persone con andatura neutra. Fantastico. Sei felice. Oltre ad essere in grado di leggere informazioni sull'articolo per cui hai visitato la pagina web, ottieni alcune informazioni commerciali potenzialmente utili. Va tutto bene, per tutti. Non sei infastidito da annunci che non ti interessano. L'inserzionista non sta buttando i soldi dalla finestra. È tutto molto efficiente. Lunga vita all'efficienza.

Purtroppo, questa non è la storia completa. E la storia completa è un po' meno rosea. Quello che ho appena descritto come una partita di wrestling per l'opportunità di catturare la tua attenzione tra potenziali inserzionisti è chiamato, nel mondo della pubblicità, il sistema 'real-time bidding' (offerta in tempo reale), o RTB in breve. In quei millisecondi in cui il sistema RTB è in corso, le informazioni su di te vengono trasmesse a centinaia o migliaia di aziende. Questo può includere informazioni sulla tua esatta posizione, cosa leggi, ascolti o guardi online, informazioni sulla tua salute o sul tuo comportamento sessuale, e codici unici con i quali le aziende possono continuare a seguirti online. Cioè, attraverso il sistema RTB, informazioni intime e molto dettagliate su di te possono finire nei database di società di cui non hai mai sentito parlare e senza che tu, in verità, ne abbia mai dato il consenso.

Nessuno sa davvero cosa succede a tutti quei dati personali, chi li usa, quando e come. Presumibilmente, le organizzazioni che stabiliscono gli standard per il sistema RTB non vogliono tradirti. Ma, come sottolinea il nostro collega-attivista, l’associazione sui diritti digitali ‘Bits of Freedom’, lo rendono possibile e non fanno nulla per opporsi. Ricorderete quando Facebook ha reso possibile la fuga di dati personali e non ha fatto nulla contro di essa. A quel tempo, ci siamo ritrovati con lo scandalo Cambridge Analytica e con alcuni nuovi e insoddisfacenti sostenitori politici democratici. Qualcosa di molto simile potrebbe accadere anche con il sistema real-time bidding. E, tra l'altro, non è solo la tua democrazia ad essere messa a repentaglio da questa pratica. Anche tu sei a rischio. Mancano misure per mantenere un controllo effettivo sui tuoi dati personali e a volte molto intimi. I dati che possono essere collegati a te vengono trasmessi.

Alcuni potrebbero fare spallucce, canticchiando che non ha importanza. Perché dovresti voler nascondere ciò che leggi e dove ti trovi se sei un cittadino onesto e rispettoso della legge? Potresti avere un'intera serie di motivi molto giustificati per questo. Io stesso sono in un ottimo rapporto con il mio capo e i miei colleghi, ma non voglio che conoscano alcuni dettagli intimi della mia vita. Informazioni che potrebbero essere facilmente derivate da ciò che ho letto su internet. E sono un funzionario relativamente poco interessante che vive in un paese molto liberale. Le persone che vivono in circostanze meno fortunate possono avere ragioni molto più pressanti per voler mantenere alcuni aspetti (completamente legali) della loro vita per se stessi. Questi potrebbero essere collegati alle loro possibilità di avere un'adeguata assicurazione sanitaria, alla loro possibilità di ottenere un lavoro, o di ottenere un buon tasso su un prestito bancario.

A questo punto ci si potrebbe chiedere perché, se noi di Liberties siamo così esigenti in materia di protezione dei dati personali, stiamo ancora utilizzando la pubblicità comportamentale per inviare i nostri messaggi su Facebook. Da dove probabilmente siete arrivati. In primo luogo, non usiamo il sistema RTB. In secondo luogo, non stiamo criticando nessuno che usa il sistema RTB per vendere i propri prodotti. Stiamo criticando coloro che fissano gli standard dell’industria e vogliamo che rispettino le leggi, cosa che al momento, per quanto ne sappiamo, non stanno facendo.

Quelli di voi che hanno una bussola morale molto forte potrebbero dire che mentre non stiamo criticando le società e le organizzazioni che usano il sistema RTB per vendere i loro prodotti o idee, la conclusione naturale delle nostre argomentazioni è che sono effettivamente moralmente corrotti, perché partecipando ad essa le aziende mantengono una pratica moralmente corrotta. Così l'unica cosa che puoi fare per preservare la tua integrità morale come società, o come organizzazione tipo Liberties, è l'astinenza totale. Niente RTB, niente pubblicità mirata su Facebook, niente del genere.

Ma tenete presente che questo non è un argomento morale particolarmente valido. Il mondo reale è disordinato. A volte le cose cattive a prima vista sono esattamente la cosa giusta da fare considerando il tutto. Se sei, ad esempio, una società che vende prodotti ecocompatibili, per l'amore di Dio, per favore non ti dare la zappa sui piedi causandoti uno svantaggio competitivo non utilizzando la pubblicità comportamentale. Usala per ora. Ma mentre lo stai facendo, combatti per un mondo in cui le società non abbiano bisogno di utilizzare tale pubblicità per rimanere competitive e in modo tale che i dati personali delle persone siano tenuti al sicuro.

È esattamente quello che stiamo facendo anche noi.