Technologie e Diritti

Perchè i social media sono tossici? Come affrontarli nel modo giusto?

I social media sono diventati una parte integrante della nostra vita. Ma è importante essere consapevoli che possono creare dipendenza e sapere come affrontarla. Ma perchè i social media sono così tossici?

di LibertiesEU
Toxic lowres

Pete Cashmore, l’amministratore delegato di Mashable, l’agenzia di notizie online, una volta ha dettoLa privacy è morta, e i social media hanno una pistola fumante.” Anche se ci sono altre ragioni per il declino della privacy, e potremmo sostenere che non è troppo tardi per salvarla, Cashmore aveva ragione. Per loro natura, i social media incoraggiano le persone a condividere i loro dati. Inoltre, creano dipendenza e possono essere tossici. Stanno anche danneggiando la nostra democrazia e i diritti fondamentali. Quindi abbiamo bisogno di sapere come invertire i suoi aspetti negativi.

Come tutto è cominciato

I social media hanno avuto umili origini. Il fenomeno ha meno di vent’anni. Nel 2004 MySpace era il primo social network su larga scala a raggiungere un milione di utenti. È stato usato per collegare le persone e condividere le foto. Ma con passi da gigante siamo nel 2019 e Facebook aveva già raggiunto 2,4 miliardi di utenti, mentre YouTube ne ha più di un miliardo. Questi giganti dei social media fanno tutta una serie di cose. Facebook sta preparando il proprio servizio di notizie. Google sta lavorando su auto automatizzate. TikTok, con il suo format di video brevi, è particolarmente famoso tra i giovani e ha acquisito una media di 20 milioni di utenti al mese tra il 2016 e 2018. Ma è probabile che continui a espandersi e ad offrire altri servizi in futuro. In altre parole: il mondo è diventato ossessionato dai social media che guadagnano sopratutto con la pubblicità.

Pexels-pixabay-267350
Ciò che è interessante è quanto il panorama dei social media sia cambiato da quando è cominciato. MySpace, una volta leader, è scomparso. Twitter, con il suo formato di micro-blogging, una volta non permetteva i video, ma ora tutti gli indicatori mostrano che i contenuti più performanti sulla sua piattaforma includono video e immagini. Facebook, anche se è il social media più famoso, non è così famoso tra i giovani, che preferiscono Snapchat o Instagram. Facebook è spesso percepito dai giovani come se fosse per persone più grandi.

Rimani aggiornato.

Nel caso di Snapchat e Instagram la "scala dell’età" è molto ripida: la popolarità di queste piattaforme crolla con l’età. La maggior parte delle persone sotto i 25 anni usa Snapchat (73%), mentre solo il 3% degli over 65 lo usa.

Allora, perché i social media sono tossici?

L’aumento dell’uso dei social media nell'ultimo decennio è stato, ovviamente, accompagnato da un enorme aumento della quantità di tempo che le persone passano online. I giovani sono al centro di questa tendenza. Nell’UE, la quantità di tempo che i giovani passano online è raddoppiata entro il 2020 rispetto a dieci anni prima, fino a due e tre ore e mezza al giorno.

Questo è importante perché significa che i giovani vivono sempre più la loro vita online. Si connettono con gli amici o la famiglia, cercano informazioni online, ma sono anche vittime di bullismo o diffondono voci e generano opinioni poco realistiche sulla vita degli altri. Uno studio di Pew rivela che i giovani percepiscono sia il negativo che il positivo nei social media.

Ma al di là del fatto che i social media siano positivi o negativi, ciò che è vero è che fanno lottare le persone per accumulare visualizzazioni, applausi, like o lodi. Questo riguarda sia le generazioni più giovani che quelle più anziane.

La costante ricerca di riconoscimento e attenzione può avere effetti dannosi sulle nostre vite e ferirci o bisognosi di una maggiore attenzione. La storia di "Mamma blogger" che si è sentita in dovere di difendere suo figlio, perché le foto che ha condiviso su Instagram non hanno generando molte reazioni, è un esempio tragico.

Diversi studi hanno dimostrato che un elevato utilizzo dei social media aumenta la probabilità di provare ansia, depressione o solitudine. È stato persino dimostrato che aumenta il rischio di autolesionismo e di suicidio.

È una questione di soldi?

Le piattaforme di social media fanno soldi attraverso la pubblicità. Il concetto di vendere pubblicità offrendo un servizio gratuito non è nuovo; la televisione, i giornali e le aziende mediatiche lo fanno da molto prima che esistessero le aziende di social media.

L’ultimo episodio della tua serie TV preferita non è fatto solo per farti piacere. È fatto con interruzioni pubblicitarie in mente, in modo che i tuoi 30 minuti di piacere siano intervallati da 2 o 3 pause pubblicitarie di qualche minuto.

I social media funzionano più o meno allo stesso modo. Stanno cercando di tenerti sulle loro piattaforme il più a lungo possibile, creando l’illusione che tu stia godendo di un servizio gratuito. Questo ti rende più propenso a cliccare su alcune pubblicità che stanno nelle barre laterali. Facebook stima che ogni utente della sua piattaforma generi più di 8 dollari di entrate all’anno. Sono un sacco di soldi.

Uno dei modi per ottenerlo è compilare il tuo feed di clickbait e cose che attirano la tua attenzione. È qui che sta una delle maggiori trappole. Gli algoritmi che sono alla base dei nostri social media favoriscono le notizie sensazionali, scioccanti e più dannose. È così che i clip di contenuti terroristici fanno il giro del mondo così velocemente. È così che i social media diffondono le teorie di cospirazione promosse dalle persone anti-vaccino. È così che gli estremisti guadagnano spazio. Ed è così che le piattaforme di social media come Facebook fanno i soldi con contenuti che sono divisivi, imprecisi e dannosi per le nostre democrazie.

"I miei dati sono miei". Davvero?

Ma i problemi generati dai social media sono ancora più profondi.

Hai sentito parlare di Cambridge Analytica? Questa sconosciuta società di intelligence politica britannica è stata coinvolta in uno scandalo nel 2018, quando è emerso che aveva utilizzato i dati personali delle persone acquisiti attraverso Facebook per le sue operazioni politiche.

L’azienda è entrata in possesso dei dati di tutte le persone che avevano partecipato a un ‘gioco digitale’ giocato su Facebook, che era stato sviluppato da una terza parte, e tutti i dati degli amici di quelle persone. Per partecipare al gioco, l'utente doveva dare il consenso alla condivisione dei propri dati e di quelli dei propri amici. Ma nessuno di coloro che hanno partecipato al gioco aveva mai sentito parlare di Cambridge Analytica, e a loro insaputa, i loro dati venivano utilizzati per pianificare una campagna politica. Cambridge Analytica aveva appena ricevuto i dati di 87 milioni di persone attraverso la progettazione di un semplice gioco digitale e successivamente usato quei dati per inviare pubblicità politica attraverso tecniche di micro-targeting.

Aiutaci a combattere per i tuoi diritti Fai una donazione

Facebook ha dichiarato di essere indignato. Le persone ancora di più. Ma la verità è che il gigante dei social media lo sta facendo da anni. I dati personali sono la sua moneta. Quando è stato scoperto, ha dovuto fare l'indignato.

Ciò che questo episodio ha rivelato è che, stando semplicemente sui social media potresti condividere enormi quantità di dati su te stesso e i propri amici, e probabilmente gli amici dei propri amici, con decine, centinaia o addirittura migliaia di aziende senza saperlo.

Alcuni scettici potrebbero controbattere dicendo che non hanno nulla da nascondere, quindi non vedono il danno. Può essere così. Ma il nostro sistema democratico non può funzionare bene se i tuoi dati non sono privati. Non si tratta solo di annunci manipolatori che mirano a farci cliccare individualmente su determinati pulsanti. La ricerca mostra che le persone discutono meno online su questioni che pensano possano essere controverse quando sono consapevoli di essere tracciate. E, senza dibattito pubblico, non c'è democrazia.

Come posso proteggermi dai suoi effetti tossici?

Tecnicamente, puoi spegnere il tuo cellulare o impostare un limite di tempo per l'uso dei social media. Questo ti impedirà semplicemente di usare queste piattaforme. Certo, non è così facile, perché tutti sono connessi, anche i nostri amici e familiari, con i quali vorremmo rimanere in contatto.

Significa che dovremmo essere più "alfabetizzati" su come funzionano le informazioni e qualsiasi informazione che leggiamo online. Per esempio, dovremmo sempre controllare la fonte o il profilo della persona che condivide un post sospetto. Dovremmo anche controllare una vasta gamma di fonti e non limitarci. Condividere qualcosa senza averlo letto è un errore.

La democrazia è in pericolo?

Gli Stati e le organizzazioni malintenzionate di tutto il mondo hanno scoperto da tempo il potenziale dei social media per le loro attività. Alcune entità si sono rese conto che potevano raggiungere milioni di persone con le loro pubblicità e non essere ritenuti responsabili per questo. Questo significa che paesi come la Russia possono trovare il modo di sostenere cause o partiti che minano la nostra democrazia o causano instabilità. L'intelligence russa è stata in grado di finanziare impunemente campagne online durante il referendum sulla Brexit per destabilizzare il Regno Unito e l'UE.

I social media sono tossici non solo perché sono progettati per creare dipendenza, ma anche perché diffondono disinformazione e cercano di catturare l'attenzione degli utenti attraverso notizie false piuttosto che notizie "vere" verificate. Di conseguenza, la disinformazione si diffonde più velocemente e raggiunge un pubblico più ampio. Questo genera un effetto tossico sulla fiducia della società nelle istituzioni democratiche, come le elezioni, i governi o qualsiasi servizio pubblico.

In altre parole, il semplice sfruttamento delle scappatoie degli attuali social media potrebbe destabilizzare e minare la nostra democrazia.

Al momento, non esiste un sistema di trasparenza a livello europeo che garantisca la verifica dell'identità e delle credenziali di chi pubblica gli annunci, come avviene nelle vecchie forme di pubblicità. Questo significa che i nostri dati possono finire in ogni tipo di mani, senza poter fare nulla.

Questo non è abbastanza. Ci meritiamo di meglio.

C'è una soluzione generale al problema?

I legislatori e le organizzazioni per i diritti umani stanno da tempo spingendo le piattaforme di social media a cambiare e migliorare le loro applicazioni per proteggere la società da contenuti dannosi come la disinformazione malevola. L'UE è pronta a regolamentare Facebook o Google per proteggere la privacy delle persone e impedire che gli europei siano sottoposti a una sorveglianza costante per scopi commerciali o che diffondano fake news che destabilizzano le democrazie. Le discussioni sono in corso, in alcuni casi ci sono buoni sviluppi, in altri, questi cambiamenti portano nuovi problemi sul tavolo.

Zuck

L'UE ha bisogno di creare un sistema che obblighi tutte le entità che vogliono pubblicare un annuncio politico online all'interno dell'UE a registrarsi e garantire che siano responsabili delle informazioni che pubblicano. Dobbiamo anche sapere a chi sono rivolte queste pubblicità. Questo è per il bene della nostra democrazia. Proponiamo anche un'altra grande soluzione: "L'UE deve garantire che le norme sulla protezione dei dati siano effettivamente rispettate. Queste ci proteggono da alcuni degli strumenti più dannosi e manipolatori come il micro-targeting".

L'UE deve costringere le aziende di social media ad essere trasparenti sugli algoritmi che usano e su come decidono chi vede quali contenuti. Proprio come controlliamo il cibo e le automobili per assicurarci che siano sicuri per la nostra salute, dobbiamo controllare gli algoritmi per assicurarci che siano sicuri per la nostra democrazia.

E infine, dobbiamo trovare il modo di far passare meno tempo sui social media e più tempo nel mondo reale. Ci sono abbastanza prove che sono tossici in molti modi. Non diamo più ossigeno ai loro effetti negativi.

DOMANDE FREQUENTI

  • Perché i social network sono così tossici?

I social media sono tossici perché sono progettati per creare dipendenza. Si dice anche che siano spesso tossici perché diffondono disinformazione e incoraggiano i loro utenti a impegnarsi in azioni legate alle fake news piuttosto che a notizie "vere" verificate.

  • Come proteggersi dai loro effetti tossici?

Dovremmo essere più "alfabetizzati" su come funzionano le informazioni che leggiamo online. Condividere qualcosa senza averlo letto è un errore.

  • Quali sono i possibili scenari futuri?

I legislatori e le organizzazioni per i diritti umani hanno a lungo fatto pressione sulle piattaforme di social media per cambiare e migliorare.



Crediti fotografici

Pexel - Pixabay

Unsplash