Technologie e Diritti

Collettivo per i senzatetto riceve il premio Regine Orfinger-Karlin 2014

Il premio Régine Orfinger-Karlin 2014 è stato assegnato al collettivo “Les Morts de la Rue” (i morti della strada) durante la cerimonia a cui ha partecipato Françoise Tulkens, ex vice-presidente della Corte Europea dei Diritti Umani.

di Belgian League of Human Rights

Dal 1996, ogni due anni il 10 dicembre, Giornata dei Diritti Umani, la League of Human Rights (LDH) presenta il premio Régine Orfinger-Karlin.

Nell'attribuire il premio, LDH riconosce l'impegno di un individuo o di un'organizzazione nella tutela e nel sostegno dei gruppi vulnerabili (bambini, stranieri, beneficiari di sussidi, malati mentali, ecc.), per aver evidenziato la necessità di resistere alle violazioni dei diritti umani. LDH si impegna ad elargire al vincitore un contributo significativo per finanziare un'attività o un progetto avviati tra il 2013 e il 2014.

L'associazione Boven Hart Hart, il gruppo Les Morts de la Rue e il sindaco di Bruxelles, Yvan Mayeur, erano i tre nominati per il premio 2014.

LDH ha premiato, attraverso la sua rete di Bruxelles, il collettivo Les Morts de la Rue, per i suoi sforzi per dare un salutodignitosoai senzatetto che muoiono.

Questo collettivo, nato dieci anni fa, riunisce persone con un passato da senza fissa dimora e associazioni che lavorano insieme per raccogliere notizie sulle morti di senzatetto, informare gli amici o i parenti dei defunti e garantire loro un funerale dignitoso. Les Morts de la Rue inoltre organizzano ogni anno una cerimonia per onorare collettivamente tutti coloro che sono deceduti durante l'anno.

Questo gruppo dà dignità alle persone senza fissa dimora che muoiono per strada e denuncia la diseguaglianza nella morte. Organizza singoli funerali in collaborazione con tutte le parti interessate. Nel 2006, per la prima volta, la cerimonia annuale è stata ospitata dal Comune di Bruxelles. La cerimonia è un evento importante per i parenti dei defunti, per gli operatori sociali che li conoscevano e per le stesse persone senza fissa dimora.

Qui puoi leggere il comunicato stampa dei Les Morts de la Rue.