Technologie e Diritti

Riconoscimento facciale: Pro e contro

In questo articolo esamineremo le principali questioni sollevate dalla tecnologia di riconoscimento facciale: quanto è sicura, perché viene usata, come funziona, è legale, i suoi vantaggi superano le minacce che pone?

di Nikolett Aszodi & Alice Norga

La tecnologia di riconoscimento facciale è un argomento caldo, che attualmente attira accesi dibattiti in tutto il mondo. Da un lato, la tecnologia di riconoscimento facciale è considerata molto efficace. È veloce e (alcuni sostengono) oggettiva nell'eseguire i compiti. Dall'altro lato, ci sono preoccupazione che i pregiudizi e le imprecisioni inerenti a questi sistemi possano portare alla discriminazione e mettere in pericolo i diritti umani fondamentali, come la nostra libertà di protestare contro misure con cui non siamo d'accordo.

Cos'è il riconoscimento facciale e come funziona?

Il significato del “riconoscimento facciale” è forse intuitivo, ma non farà male entrare in qualche dettaglio su ciò che questa tecnologia effettivamente comporta. L'Information Commissioner's Office del Regno Unito definisce il riconoscimento facciale come "il processo attraverso il quale una persona può essere identificata o riconosciuta da un'immagine digitale". Proprio come una carta d'identità, il tuo viso può servire come prova d'identità.

Rimani aggiornato.

Il riconoscimento facciale è usato per due scopi: identificazione e categorizzazione. L'identificazione funziona abbinando filmati digitali dal vivo o registrati con immagini preesistenti in un database. Quando queste informazioni vengono "categorizzate", gli effetti del riconoscimento facciale diventano più ampi. La tecnologia può filtrare automaticamente le persone in categorie basate su caratteristiche identificabili come età, sesso, peso o anche presunto orientamento sessuale senza l'aiuto di una persona umana.

L'algoritmo organizza le persone in categorie confrontando le immagini con la "rappresentazione statistica della media di quella categoria". Se disponibile su larga scala, la tecnologia di riconoscimento facciale solleva quindi la possibilità di una sorveglianza biometrica di massa. Questo perché la videosorveglianza (CCTV) e altre telecamere, onnipresenti sia negli spazi pubblici che privati, possono essere aggiornate con capacità di riconoscimento facciale. La tecnologia di riconoscimento facciale è già utilizzata dalle forze dell'ordine e da attori privati in una vasta gamma di luoghi, tra cui scuole e stazioni ferroviarie.

È molto preoccupante che, il più delle volte, le nostre immagini vengono caricate in banche dati di riconoscimento facciale senza la nostra consapevolezza o consenso. Per esempio, è stato recentemente scoperto che Clearview AI, una società tecnologica statunitense, ha estratto oltre tre miliardi di immagini facciali da piattaforme di social media come Facebook, YouTube e Twitter, e ha dato accesso ai nostri dati a governi e aziende private in cambio di pagamenti.

Questo tipo di informazioni molto private viene attualmente usato dalle forze dell'ordine per prendere decisioni di polizia e, in futuro, potrebbe essere impiegato da enti pubblici o privati per prendere decisioni relative, ad esempio, alla tua idoneità per un lavoro, un corso universitario o un prestito, un viaggio all'estero o l'ingresso a un festival.


Quanto influisce il riconoscimento facciale sulla vita quotidiana?

Anche se la tecnologia di riconoscimento facciale può ancora sembrare fantascienza, si sta facendo tranquillamente strada nella principale politica europea. Dopo aver sperimentato il riconoscimento facciale alla stazione di Berlino-Südkreuz dal 2018, la Germania sta attualmente progettando di introdurre sistemi di sorveglianza biometrica in altre 134 stazioni ferroviarie e 14 aeroporti, nonostante le critiche. La Francia ne fa già molto affidamento e il presidente Macron è pronto a mettersi al passo con la Cina e gli Stati Uniti.

Anche la polizia italiana ha iniziato a utilizzare nel 2017 il Sistema di Riconoscimento Automatico dell'Immagine (SARI) che, per identificare individui specifici, elabora i dati biometrici di tutte le persone presenti negli spazi monitorati. Recentemente, Belgrado (Serbia) ha installato centinaia di telecamere per il riconoscimento facciale, creando un sistema di sorveglianza permanente. All'insaputa di gran parte del pubblico, il riconoscimento facciale sta diventando sempre più diffuso in tutta Europa. Fortunatamente, le recenti sentenze dei tribunali di alcuni paesi hanno dichiarato illegali tali sistemi di riconoscimento facciale.

Quali sono i pro?

Il riconoscimento facciale è promosso come qualcosa che facilita la nostra vita. Invece di doverci preoccupare di inserire una password nel nostro telefono, per esempio, o di dover mostrare la nostra carta d'identità in un aeroporto, la nostra faccia sarà sufficiente per verificare chi siamo. A Osaka, quattro stazioni ferroviarie hanno introdotto sistemi di riconoscimento facciale che permettono alle persone di passare attraverso la scansione dei loro volti, senza usare un biglietto o una carta d'identità. Un funzionario dei trasporti ha notato che avrebbero "enfatizzato come un vantaggio il fatto che i passeggeri con grandi bagagli potranno passare attraverso i cancelli semplicemente mostrando la loro faccia invece di cercare i biglietti".

Anche se i processi interni per l'autenticazione biometrica sono tecnici, dal punto di vista dell'utente è incredibilmente facile e veloce. Mettere un dito su uno scanner e sbloccare un account in pochi secondi è più veloce che digitare una lunga password con più caratteri speciali. Inoltre, dimenticare una password è un errore comune per la maggior parte degli utenti. Quali sono le possibilità di dimenticare i propri dati biometrici? 0%!

Un altro argomento a favore del riconoscimento facciale è che aiuta a garantire la sicurezza. Si dice che la biometria fornisca livelli più alti di garanzia che la persona che cerca di accedere a un servizio o eseguire una transazione sia reale. I sostenitori della biometria sottolineano che le password, i PIN e altre informazioni di identificazione personale possono essere compromesse da violazioni di dati, permettendo ai truffatori di accedere agli account che utilizzano metodi di autenticazione tradizionali. Al contrario, è più difficile che qualcuno diverso da te fornisca la tua impronta digitale sul posto. Quando si tratta di applicazione della legge, i sostenitori del riconoscimento facciale sostengono che permette alla polizia di rintracciare più facilmente i sospetti.

E i contro?

Il riconoscimento facciale non rispetta molti dei nostri diritti. In primo luogo, la tecnologia ottiene in modo intrusivo alcuni dei nostri dati più intimi. Poiché i nostri dati ci appartengono ( secondo, per esempio, il regolamento generale sulla protezione dei dati), abbiamo il diritto di sapere quando le informazioni personali su di noi vengono raccolte e per quale scopo.

In secondo luogo, la consapevolezza di poter essere facilmente identificati può portare all’autocensura per paura di conseguenze negative. Per esempio, se le persone sanno che saranno identificate e inserite in un database per aver partecipato a una protesta, possono scegliere di non partecipare. Questo è particolarmente dannoso in situazioni in cui i governi hanno illegalmente limitato il diritto a manifestare per sopprimere la critica pubblica.

Aiutaci a combattere per i tuoi diritti Fai una donazione
In terzo luogo, i dati biometrici comportano un proprio rischio di sicurezza. A differenza di una password, i dati biometrici non possono essere modificati. Se i dati della mia impronta digitale trapelano, non è qualcosa che posso "resettare" come una password. Per peggiorare le cose, il tuo viso può essere scansionato in qualsiasi momento e ovunque, senza il tuo consenso. Questo significa che i tuoi dati biometrici potrebbero essere memorizzati in diversi database, le cui misure di sicurezza potrebbero essere inadeguate.

La tecnologia di riconoscimento facciale è anche nota per funzionare relativamente bene su volti bianchi e maschili, mentre ha un alto tasso di imprecisione sulle persone di colore, soprattutto se sono donne. Questo significa che le persone appartenenti a gruppi di minoranza etnica, che già tendono ad avere un accesso meno facile ai servizi e alle comodità, incontreranno una barriera aggiuntiva quando le autorità useranno il riconoscimento facciale in questi contesti.

Il riconoscimento facciale non solo discrimina le persone di colore, ma prende anche sproporzionatamente di mira le persone emarginate. Nel contesto delle forze dell’ordine, il riconoscimento facciale è usato prevalentemente in comunità che sono già iper monitorate. In Italia, per esempio, il database del software di riconoscimento facciale della polizia conteneva 2 milioni di immagini di individui italiani, rispetto ai 7 milioni di immagini di rifugiati e migranti. Il modo in cui questa tecnologia viene utilizzata perpetua quindi la persecuzione sproporzionata già subita da alcuni gruppi.

Conclusione

Il riconoscimento facciale potrebbe sembrare attraente per il suo potenziale di semplificare le nostre vite e migliorare la sicurezza pubblica. Ma è più probabile che finisca per essere un grande inconveniente, facilitando l’eliminazione delle nostre libertà e scelte e rafforzarando l'ineguaglianza e la discriminazione. Sta diventando sempre più popolare con i governi, quindi la legge deve mettersi al passo e fermare l'uso di questa tecnologia nella maggior parte dei contesti.

Liberties e riconoscimento facciale

Noi di Liberties vogliamo che la sorveglianza di massa attraverso il riconoscimento facciale sia vietata. Qualche mese fa, ci siamo uniti al movimento ReclaimYourFace. Se sei d'accordo che il riconoscimento facciale non ha posto nei nostri spazi pubblici, firma questa petizione.