Democrazia e Giustizia

Populismo vs Progressismo: Somiglianze e differenze

Cosa significano questi termini, cosa definisce un populista o un progressista, e come sono simili o diversi?

di LibertiesEU

Populismo e progressismo sono due movimenti politici che stanno ricevendo molta attenzione in questi giorni. Sia in Europa che altrove, molti paesi hanno eletto governi che sono stati definiti populisti, mentre le politiche e i partiti progressisti stanno guadagnando sempre più sostegno. Ma cosa significano questi termini, cosa definisce un populista o un progressista, e come sono simili o diversi?

Cos'è il populismo?

In parole povere, il populismo è una strategia politica che si appella al "popolo" mettendolo contro le "élite" che sono accusate di non rispettare la volontà o le preoccupazioni del popolo. È importante notare che il populismo non è intrinsecamente legato a una certa ideologia politica, o anche a un lato dello spettro politico. Barack Obama e Donald Trump, che non condividono quasi nessun credo politico, sono stati entrambi definiti populisti. Lo stesso vale sia per Silvio Berlusconi che per Jeremy Corbyn.

Gli inizi del populismo: come è nato, dove si trova oggi

Il populismo risale alla Repubblica Romana, da cui prende il nome. I Populares - che in latino significa "favorire il popolo" - erano una fazione politica che sosteneva la causa dei plebei contro la classe dirigente. Da allora l'etichetta è stata applicata a vari politici, partiti e movimenti in tutto il mondo, e da tutto lo spettro politico.

Ma quando il populismo è discusso nel contesto dell'Europa di oggi, è più spesso usato per parlare di populisti autoritari - leader che guadagnano sostegno attraverso la messaggistica populista, ma governano in un modo che in realtà favorisce le élite e destabilizza le stesse istituzioni democratiche che proteggono i diritti e le libertà della "gente comune". Il primo ministro ungherese Viktor Orban o Janez Janša della Slovenia sono due esempi.

I populisti europei autoritari spesso dividono la società lungo linee etniche o religiose, dove i bianchi sono la "gente comune" e le ONG, i media, le celebrità e persino i giudici sono ritratti come le élite. E i populisti autoritari ritraggono queste "élite" come se si preoccupassero solo di proteggere e promuovere i diritti e i bisogni dei "gruppi esterni" a spese della "gente comune". I membri degli outgroup possono includere i migranti, le persone LGBTQI, gli immigrati, i disabili - persino le donne sono considerate membri di un outgroup.

Anatomia del populismo

Il "popolo" è minacciato dalle "élite" che stanno rovinando il paese e sono da biasimare per le difficoltà della gente comune.

I populisti autoritari vogliono ripristinare vecchie gerarchie sociali e vecchie tradizioni che tengono le persone emarginate separate in qualche modo dal resto della società.

Per realizzare i loro obiettivi, i populisti autoritari hanno bisogno di smantellare alcune istituzioni democratiche, come una magistratura indipendente, e gli standard dei diritti umani in modo da poter approvare leggi discriminatorie.

Questo va di pari passo con l'eliminazione delle voci critiche, siano esse della società civile o dei media. Questi ultimi sono spesso ripresi, direttamente o indirettamente, dal governo e poi usati per promuovere la sua propaganda.

Cos'è il progressismo?

Nella sua essenza, il progressismo riguarda l'uguaglianza, i diritti umani e la parità di protezione e trattamento ai sensi della legge. Incarna anche il rispetto per la democrazia, poiché questo sistema e le sue istituzioni politiche proteggono meglio i valori progressisti e i diritti fondamentali.

Gli inizi del progressismo: come è nato, dove si trova oggi

Questa definizione di progressismo si attiene alle sue origini. Filosofi del XVIII secolo come Immanuel Kant e Nicolas de Condorcet concepirono il progressismo come qualsiasi movimento verso una società più civile, sicura e giusta. Porre fine alla schiavitù, aumentare l'uguaglianza di genere e l'accesso all'istruzione, e affrontare la disuguaglianza economica, erano i principi del primo pensiero progressista.

Oggi, "progressismo" può significare qualcosa di leggermente diverso da paese a paese. Negli Stati Uniti, per esempio, il progressismo è ora fortemente legato alle questioni ambientali e alla lotta contro il cambiamento climatico, o alla riforma dei servizi sociali e della polizia. C'è anche una forte enfasi sui diritti dei lavoratori e sul contenimento del potere aziendale.

Ma quando i sostenitori dei diritti umani parlano di progressismo, si vuole suggerire il sostegno ai principi dei diritti umani, dello stato di diritto e della democrazia - cose che secondo molti non dovrebbero essere controverse o fonte di disaccordo, ma lo sono molto nell'Europa di oggi.

Anatomia del progressismo

Il progressismo riguarda il progresso dell'umanità lontano dalla barbarie e verso la creazione di comunità libere, prospere e sicure dove tutti hanno l'opportunità di contribuire e le stesse possibilità di successo.

Le politiche di governo dovrebbero cercare di ridurre le disuguaglianze sociali, incluse quelle economiche e di genere, e smantellare la discriminazione strutturale e istituzionale.

Rimani aggiornato.

Tutte le persone hanno diritti umani, e i diritti di ogni persona sono importanti quanto quelli di chiunque altro. Allo stesso modo, ad ogni persona dovrebbero essere garantite le stesse protezioni dalla legge.

Lo stato di diritto deve essere rispettato per assicurare il corretto funzionamento di un governo democratico, dove i diritti e il benessere di ogni cittadino sono di primaria importanza quando si elaborano leggi e politiche.

Populismo vs. progressismo: quali sono le somiglianze e le differenze?

Populismo e progressismo sono simili in quanto entrambi sostengono di agire per il bene di tutti, e in particolare della "gente comune". Entrambi i movimenti politici promettono di arricchire la vita della gente comune e promettono di legiferare a questo scopo.

Ma anche questa singolare somiglianza è fuorviante, perché progressisti e populisti definiscono la "gente comune" - o anche "tutti" - in modo diverso. Come detto prima, i populisti europei autoritari definiscono "il popolo" come la gente bianca, e più specificamente i cristiani bianchi. E piuttosto che voler veramente aiutare il "popolo", i populisti autoritari vogliono mettere le persone una contro l'altra, incolpando le minoranze e altri gruppi per le difficoltà della "gente comune" e anche per le mancanze del governo stesso.

I progressisti, d'altra parte, sono più inclusivi. Vogliono sinceramente che ogni membro della società abbia la stessa possibilità di contribuire e avere successo. Piuttosto che evidenziare ciò che ci rende diversi gli uni dagli altri, come fanno i populisti autoritari, i progressisti puntano a ciò che abbiamo tutti in comune, ciò che ci unisce, e ritraggono le nostre differenze come fonti di forza e di arricchimento culturale, piuttosto che debolezze o cose da temere.

Forse la più grande differenza, quindi, è che i progressisti credono e lavorano per l'uguaglianza, mentre i populisti autoritari lavorano attivamente per creare società non eque. E questo significa indebolire o sbarazzarsi di persone, organizzazioni o istituzioni che aiutano a salvaguardare l'uguaglianza e la parità ai sensi della legge. I gruppi della società civile e i giudici indipendenti sono spesso in cima a questa lista.

Cosa riserva il futuro al populismo e al progressismo?

Entrambi i movimenti - progressismo e populismo autoritario - sono risorti negli ultimi anni. L'ascesa di Fidesz in Ungheria e del PiS in Polonia è avvenuta sull'onda del sostegno ai politici di destra e nazionalisti in Europa. Hanno anche trovato il successo in Italia, nella Repubblica Ceca, in Slovenia e in molti altri paesi dell'UE. Il loro successo è in parte dovuto alla Grande Recessione e alla crescente disuguaglianza economica, e in parte perché gli autoritari sono stati più bravi a far passare i loro messaggi.

Aiutaci a combattere per i tuoi diritti Fai una donazione
Anche il progressismo, nel frattempo, sta godendo di maggiore sostegno. I partiti verdi in Germania, Francia e altrove stanno avendo un successo senza precedenti nei sondaggi, mentre le iniziative politiche progressiste stanno entrando nel mainstream negli Stati Uniti, nel Regno Unito e altrove. Ma per poter finalmente superare la linea ed andare al potere, i progressisti devono essere più bravi a mostrare alla gente cosa hanno in comune. Devono anche assicurarsi che le persone abbiano ciò di cui hanno bisogno per andare avanti nella vita, in modo da non essere vulnerabili alle tattiche divide et impera dei populisti autoritari.

Per ora, nulla è deciso. I governi populisti autoritari nell'UE sono, per la maggior parte, ben radicati. In alcuni posti, come l'Ungheria, hanno avuto così tanto successo nel cambiare la legge, nell'eliminare le voci critiche e nell'erodere lo stato di diritto che è difficile vederli perdere presto le elezioni. Non è più vero che tutti i paesi dell'UE hanno elezioni libere ed eque, quindi anche il calo del sostegno potrebbe non significare la fine di alcuni populisti autoritari. Ma se i progressisti sono in grado di migliorare la loro messaggistica e raccogliere ancora più sostegno per cause critiche come l'uguaglianza e la protezione ambientale, potrebbero essere in grado di invertire la tendenza e superare i populisti autoritari.

Photo credits: pexels.com; Matt Johnson Flickr.com