Democrazia e Giustizia

Croazia: polizia fa pressioni su attivisti e avvocati che supportano rifugiati

Le organizzazioni della società civile croata e i loro avvocati mettono in guardia sul fatto che il Ministero dell'Interno spinge la polizia a ostacolare il loro lavoro.

di Lovorka Šošić

L'organizzazione della società civile Are You Syrious (AYS), il Center for Peace Studies (CPS) e gli avvocati Sanja Bezbradica Jelavic e Ivo Jelavic hanno organizzato una conferenza stampa il 18 aprile per denunciare le minacce al proprio lavoro da parte del Ministero dell'Interno.

Negato accesso al proprio avvocato

Bezbradica Jelavic è l'avvocato che rappresenta una famiglia di rifugiati afgani nel procedimento penale contro il Ministero dell'Interno per la sua responsabilità nella tragica morte della figlia di 6 anni, Madina. L'avvocato ha provato a mettersi in contatto con la famiglia in varie occasioni da quando quest'ultima si trova nel centro di detenzione di Tovarnik, ossia da quando la famiglia ha presentato richiesta formale di asilo.

Tuttavia, la polizia si è rifiutata di autorizzare l'avvocato ad entrare in contatto con la famiglia, sostenendo che la professionista non sarebbe autorizzata a rappresentarli. Inoltre, il suo ufficio è stato oggetto di una visita da parte dell'Ufficio Nazionale di Polizia contro la Corruzione e il Crimine Organizzato (PN USKOK), allo scopo di indagare sull'autenticità della nomina da parte la famiglia afgana, sostenendo che le firme dei genitori di Madina sarebbero false.

Il Center for Peace Studies è stato contattato dalla sorella di Madina, che gli ha fatto sapere che sono stati trattenuti ed è stato negato loro l'accesso al proprio avvocato. La polizia avrebbe poi detto alla famiglia di Madina che la nomina dell'avvocato sarebbe stata firmata in Serbia e quindi non sarebbe valida in Croazia a prescindere dall'autenticità delle firme.

“Questo tipo di trattamento da parte della polizia nei confronti dei nostri clienti costituisce un ostacolo diretto al lavoro dell'avvocato”, ha detto Jelavić durante la conferenza stampa. Ha aggiunto che è molto facile dimostrare se una nomina di un avvocato è valida, soprattutto se l'avvocato e il cliente si incontrano e il cliente conferma o rifiuta tale nomina – ma la polizia non ha consentito che questo avvenisse. Ha anche evidenziato che è particolarmente preoccupante il fatto che la famiglia abbia provato a contattarli varie volte, ma ogni volta la polizia ha impedito loro di farlo. Ha aggiunto che anche nei casi di reati più gravi, la polizia non nega agli imputati di incontrare i loro avvocati.

La polizia ha esercitato una pressione enorme contro AYS attraverso la criminalizzazione della solidarietà.

“Quando la famiglia è entrata in Croazia per evitare di tornare in Serbia per la terza volta, si è rivolta a noi per richiedere protezione internazionale, dopo di che i nostri volontari hanno contattato immediatamente la polizia e sono andati insieme alla polizia ad incontrare la famiglia”, ha dichiarato Tajana Tadic di AYS.

Interviste sospette

Tuttavia, il giorno successivo a quello in cui sui media è circolata una notizia su cosa stava accadendo alla famiglia, il Ministero dell'Interno ha informato il volontario di Are You Syrious? che avrebbe avviato una causa penale contro di lei per aver aiutato la famiglia ad attraversare il confine illegalmente.

Inoltre, subito dopo che gli attivisti hanno rivelato in conferenza stampa le pressioni e le intimidazioni ricevuto dalla polizia, questa ha presentato richiesta di intervistare informalmente gli attivisti, esattamente nel giorno e ora in cui si sarebbe dovuta tenere la conferenza stampa.

“Lo riteniamo un tentativo inammissibile di intimidire ed esercitare pressione sui volontari, oltre che di limitare direttamente la libertà di espressione degli attivisti per i diritti umani”, ha dichiarato Gordan Bosanac al CPS. “La polizia ha dimostrato ancora una volta di non esitare ad usare la repressione per raggiungere i suoi obiettivi. Temiamo che tutto questo venga fatto con l'obiettivo di espellere la famiglia dalla Croazia, annullando così la procedura di asilo”.