Democrazia e Giustizia

Nazionalismo e populismo: Qual è la differenza? Come sono collegati?

Populismo e nazionalismo sono spesso visti come se andassero di pari passo. Ma sono idee diverse e significano cose diverse.

di LibertiesEU

I governi populisti autoritari di oggi hanno qualcosa in comune: il nazionalismo è un ingrediente chiave della visione che stanno vendendo. Infatti, è difficile immaginare un governo populista che non si appoggi pesantemente al nazionalismo per alimentare l'orgoglio, la paura e la furia che usano per mantenere il potere. Ma il nazionalismo e il populismo, sebbene simili in molti modi, non sono la stessa cosa.

Cos'è il nazionalismo?

Il nazionalismo è una credenza e un'ideologia politica secondo cui la sovranità, gli interessi e l'identità della propria nazione hanno la precedenza su altri stati e gruppi di persone. Di per sé, il nazionalismo può essere difficile da definire sia perché il termine ha cambiato significato nel tempo e nel contesto, sia perché è spesso legato a movimenti politici disparati. Per esempio, il termine si adatta abbastanza bene alle piattaforme di Viktor Orban in Ungheria o di Jarosław Kaczyński in Polonia, ma potrebbe anche essere applicato alle forti, orgogliose e democratiche monarchie del Regno Unito o dei Paesi Bassi.


In pratica, tuttavia, il nazionalismo si adatta più naturalmente a un movimento politico populista, conservatore o di destra. Questi movimenti mantengono la loro presa sul potere radunando le persone intorno a una comune identità (nazionale) che è minacciata da "altri" - gruppi esterni che stanno erodendo l'identità della nazione e minacciando la sua sovranità. La società civile, i media tradizionali, i giudici, gli accademici e la comunità LGBTQI, tra gli altri, sono capri espiatori abituali. E questo mantra del "raduno intorno alla bandiera" alimenta necessariamente i sentimenti nazionalisti.

Il nazionalismo non è sempre stato una politica insulare, noi contro loro. Le sue radici risalgono alla fine del XIX secolo e alle Rivoluzioni Francese e Americana, entrambe guidate da un sentimento indipendente o nazionalista che avrebbe rimodellato l'Europa. L'incorporazione del nazionalismo in un'ideologia politica fu un motore chiave dei movimenti di sovranità popolare che causarono rivoluzioni e guerre in Europa per tutto il secolo, portando infine alla prima guerra mondiale.

In tempi moderni, le spinte nazionaliste hanno plasmato l'Asia, anche in Cina e nella penisola coreana, e gli stati europei prima, tra e dopo le guerre mondiali. Le tensioni nazionaliste sono spesso citate come una delle cause della prima guerra mondiale, e il nazionalismo fu la ragione principale per cui Hitler fu in grado di prendere il potere - la Germania non aveva perso la guerra, ma piuttosto era stata pugnalata alle spalle da politici ebrei e di sinistra, e poi da altri paesi a Versailles. Più recentemente, il nazionalismo è stato un elemento importante, se non la spina dorsale, della campagna pro-Brexit nel Regno Unito. Ed è usato proprio ora dal partito ungherese Fidesz - in una campagna che dipinge Bruxelles (cioè l'UE) e Soros (cioè la società civile, i liberali e gli stranieri) - per attirare gli elettori prima delle elezioni del prossimo anno.

Cos'è il populismo?

Il populismo è una strategia politica che fa appello al "popolo" in opposizione alle "élite" che stanno rendendo la vita del "popolo" peggiore. Come il nazionalismo, il populismo non è intrinsecamente legato a una certa ideologia politica. Ma a differenza del progressismo, che abbiamo già contrapposto al populismo, il nazionalismo si sovrappone abbastanza al populismo, e specialmente al populismo autoritario. Come menzionato sopra, il potere dei populisti autoritari deriva dall'alimentare il sentimento nazionalista e creare una divisione tra i "veri" polacchi, ungheresi, sloveni, ecc. e gli "altri".

Il populismo è più antico del nazionalismo, con le sue origini che risalgono alla Repubblica Romana. I Populares (latino per "favorire il popolo") erano una fazione politica che sosteneva le cause dei plebei (comuni) rispetto alla classe dirigente. Da allora il termine è stato dato a politici e movimenti di tutte le parti dello spettro politico.

Ma il populismo dell'Europa di oggi è più evidente nei populisti autoritari - leader che mantengono il potere attraverso messaggi populisti e promettono di proteggere "il popolo" e la nazione dalle minacce percepite. È ironico ma non molto sorprendente che in realtà governino in un modo che favorisce loro stessi e i loro amici - le vere élite - ma destabilizza le istituzioni stesse, come i tribunali liberi, che proteggono i diritti del "popolo".

I populisti europei autoritari dividono la società lungo linee etniche o religiose: i bianchi sono "il popolo" mentre le ONG, i media mainstream e i giudici sono ritratti come le élite. E i populisti autoritari ritraggono queste "élite" come se si preoccupassero soprattutto del benessere dei "gruppi esterni" a spese della "gente comune". Tali gruppi includono i migranti, le persone LGBTQI, gli immigrati, i disabili e persino le donne.

Qual è la differenza tra nazionalismo e populismo?

In teoria, si può avere un nazionalismo senza populismo. Per esempio, quando una monarchia o un dittatore ha consumato ed è indivisibile dall'identità della nazione stessa, un certo nazionalismo può esistere senza i contorni del populismo. E il populismo - fare appello ai bisogni e ai valori del "popolo" - non equivale per definizione a fare appello agli interessi nazionali. Ma in pratica è confezionato in questo modo dai populisti autoritari. Questo perché i populisti autoritari tendono a credere nel patriottismo cieco - la nazione non può sbagliare, e la loro nazione è migliore delle altre.

Rimani aggiornato.

Questo li rende più propensi ad essere aggressivi verso altre nazioni e verso certi gruppi di persone che si presume minaccino o danneggino la nazione. Naturalmente, queste minacce sono il più delle volte creazioni dei populisti autoritari, ed esistono solo per aumentare la loro presa sul potere. Questo li rende anche molto protettivi nei confronti dei simboli nazionali, come la bandiera, e sensibili alle questioni di sicurezza nazionale. E queste sono cose che si associano al nazionalismo. Altri aspetti dell'autoritarismo, come il sostegno alla punizione dura dei criminali, la discriminazione contro gruppi storicamente emarginati, la repressione delle proteste pacifiche e la concentrazione del potere nelle mani di un leader forte, si vedono nei populisti più importanti di oggi - Orban, Kaczyński, Janez Janša in Slovenia e Jair Bolsonaro in Brasile, per citarne alcuni.

È anche importante distinguere tra nazionalismo e patriottismo. I due termini sono spesso confusi, e infatti i nazionalisti spesso cercano di appropriarsi dei simboli nazionali e della storia nazionale. Essere orgogliosi delle lotte storiche o delle conquiste del paese è deformato in un amore patriottico e in una fedeltà allo stato moderno e al governo. Ma quel patriottismo non è in realtà legato a nessun movimento politico o governo, e può invece essere l'orgoglio che si prova per i valori progressisti o le conquiste storiche del proprio paese. Così il patriottismo e il nazionalismo non sono la stessa cosa, e le persone possono essere patriottiche senza essere devote alla politica attuale o alle politiche del proprio paese.

Esempi di nazionalismo e populismo dal mondo

Il nazionalismo è stato in mostra per secoli. Abbiamo discusso la sua storia sopra, ma può essere visto ancora oggi. Nel corso della storia recente, i governi di destra hanno promosso il nazionalismo, dagli stati fascisti come la Germania nazista e l'Italia di Mussolini alla Cina comunista. E, naturalmente, il nazionalismo è un ingrediente importante negli attuali governi di Ungheria, Slovenia, Polonia, Brasile, e il Partito Repubblicano negli Stati Uniti.

Aiutaci a combattere per i tuoi diritti Fai una donazione
Non sorprende che in questi esempi vediamo anche buoni esempi di populismo di oggi. Storicamente, tuttavia, la relazione del populismo con la politica di destra non è stata così stretta; i governi di Franklin Roosevelt negli Stati Uniti o Hugo Chavez in Venezuela sono due esempi di populisti dall'altra parte dello spettro politico.

Cosa significa populismo nazionale?

Molti degli esempi che abbiamo dato sopra si qualificherebbero come "populismo nazionale", che è un altro termine per il populismo di destra. È un'ideologia politica che combina la politica di destra e le tendenze populiste. Gli attuali governi in Ungheria, Polonia, Slovenia, e i partiti politici della Lega in Italia, il Rally Nazionale francese e il Partito della Libertà nei Paesi Bassi sono tutti esempi di movimenti politici radicati nel populismo nazionale.

L'ascesa e la forza di questi partiti sono dovuti a numerosi fattori che possono variare da paese a paese. Ma in generale, l'ansia economica che è nata dopo la recessione del 2008-2009, l'afflusso di migranti a seguito della guerra e della carestia in Medio Oriente e Nord Africa, e l'aiuto finanziario della Russia sono tutti visti come motori del populismo nazionale in tutta l'UE.

Precedentemente su Liberties.hu

E' ora di dare risposte sugli autoritari populisti

Why Is an Authoritarian Government Bad?


Photo credit: Pexels.com