Technologie e Diritti

Maschere anti riconoscimento facciale: accessori di moda del futuro

Oggi le telecamere di sorveglianza possono identificarti e tracciarti in base a caratteristiche "biometriche" del tuo viso, del tuo corpo o dei tuoi movimenti. Vi spieghiamo come potete ingannare la sorveglianza per proteggere la vostra privacy.

by LibertiesEU

La sorveglianza di massa è diventata parte della nostra vita. Ogni volta che usciamo in pubblico, che sia per viaggiare, fare shopping o semplicemente incontrare gli amici al parco, è difficile evitare di diventare vittima della sorveglianza di massa. E tra i modi più comuni in cui questa sorveglianza avviene ora c'è il riconoscimento facciale. Ma quella che una volta era un'intrusione passiva e spesso inosservata nella nostra privacy è ora sempre più sotto il controllo del pubblico e delle organizzazioni per i diritti umani.

Mentre le iniziative legislative contro la sorveglianza del riconoscimento facciale stanno facendo pochi progressi, i gruppi per i diritti umani, i cittadini e anche le imprese hanno già iniziato ad agire. Una campagna pubblica per costringere l'UE a vietare la tecnologia è già in corso, per esempio. Ma uno dei tentativi più interessanti per contrastare il riconoscimento facciale è l'uso di maschere anti riconoscimento facciale.

Queste maschere non sono una soluzione a lungo termine alla minaccia del riconoscimento facciale. Ma la loro proliferazione manda un altro chiaro messaggio che la gente è stanca di essere spiata. Inoltre, gli studi sull’efficacia di queste maschere offrono alcune interessanti intuizioni su come funziona il riconoscimento facciale, ed evidenziano la rapida evoluzione di questa forma di IA.

Cos'è una maschera anti riconoscimento facciale?

Le maschere anti riconoscimento facciale sono un accessorio indossato su una parte del viso per confondere il software di riconoscimento facciale. Il loro design consiste spesso nel minimizzare la parte del viso che deve essere coperta, e molti design non sembrano immediatamente "maschere". Il design della designer polacca Ewa Nowak, per esempio, consiste in tre pezzi di ottone che si appoggiano sulle guance e sulla fronte della persona che lo indossa - quelle aree del viso che sono spesso catturate e analizzate dal software di riconoscimento facciale.

Altri sforzi vanno da poco più della pittura del viso a grandi maschere di plastica trasparente e ondulata progettate per distorcere l'aspetto. Anche semplici sciarpe e altri pezzi di tessuto possono diventare maschere anti riconoscimento facciale. Spesso, i modelli sul tessuto hanno lo scopo di ingannare il software di riconoscimento facciale. Alcune versioni coprono anche tutto il viso tranne gli occhi. E alcune maschere replicano effettivamente un volto umano, quindi il software scansiona un "volto", ma non sarà il tuo volto.

</iframe>Anche se le maschere anti-riconoscimento facciale sono disponibili in una varietà di forme, la loro funzione è sempre la stessa: alterare il proprio aspetto in modo tale che il software di riconoscimento facciale non possa ottenere un'immagine accurata del viso, impedendo così l'identificazione.

Come funziona il riconoscimento facciale?

La tecnologia di riconoscimento facciale utilizza algoritmi informatici per identificare dettagli distintivi del volto di una persona - per esempio, l'elevazione delle guance, la forma della mascella o la distanza tra gli occhi. Queste caratteristiche sono convertite in rappresentazioni matematiche che il computer può poi confrontare con altri volti in un database. La sorveglianza del riconoscimento facciale è una forma di sorveglianza biometrica di massa in cui certe caratteristiche fisiche vengono catturate e analizzate: i tratti del viso, gli occhi, le impronte dei pollici, ecc., per identificarvi e categorizzarvi se necessario.

Il modo esatto in cui il riconoscimento facciale funziona o cataloga i volti dipende anche dall'uso a cui è destinato. I governi lo usano come un modo presumibilmente conveniente per fornire sicurezza, anche se ci sono scarse prove che questo tipo di sorveglianza di massa fornisce effettivamente una maggiore sicurezza. Le aziende sono uno dei maggiori promotori del riconoscimento facciale. Le aziende tecnologiche lo sviluppano per fare soldi, mentre altre lo usano per capire meglio la loro base di clienti e venderci sempre più cose. In un tale scenario, fare un'identificazione positiva di te potrebbe essere meno importante che analizzare le tue caratteristiche per fare ipotesi su di te.

Qual è il problema del riconoscimento facciale?

Ci sono un sacco di problemi con la sorveglianza del riconoscimento facciale. Ci sono dubbi sulla sua efficacia e sul suo valore. E ci sono problemi significativi con il suo impatto sui diritti fondamentali. Questo è particolarmente allarmante visto quanto è diffusa questa forma di IA. Si stima che solo negli Stati Uniti, più della metà della popolazione adulta - circa 117 milioni di persone - è coperta da un database di riconoscimento facciale.

Il diritto fondamentale più ovviamente violato dalla sorveglianza del riconoscimento facciale è il nostro diritto alla privacy. La raccolta, l'analisi e la conservazione dei nostri dati facciali senza il nostro consenso - o anche la nostra conoscenza - è una chiara violazione del diritto alla privacy. Ci mette anche a rischio di furto di dati se il database delle immagini facciali viene violato. Un tale database può anche essere venduto a terzi a nostra insaputa.

Ma ci sono anche problemi che sono molto meno evidenti. Ci sono prove che la tecnologia di riconoscimento facciale esacerba il razzismo sistematico e il sessismo nella nostra società. Gli studi hanno dimostrato che la tecnologia di riconoscimento facciale identifica male le persone di colore più spesso dei bianchi. Ed è sessista - uno studio ha scoperto che identifica male le donne il 18% più spesso degli uomini.

E la minaccia va ben oltre: la sorveglianza del riconoscimento facciale è un mezzo per intimidire le persone, e le rende meno propense ad esercitare il loro diritto alla protesta pacifica. Il trattamento degli uiguri da parte della Cina mostra chiaramente che può essere usato anche per perseguitare e controllare interi gruppi etnici. Tutto questo fa sì che la gente abbia paura di partecipare alla vita pubblica, di impegnarsi nel dibattito pubblico, o persino di uscire di casa.

Ma cosa succede se non ti piace partecipare alle dimostrazioni e non ti dispiace che le aziende ti scattino comunque una foto del viso? La sorveglianza del riconoscimento facciale è ancora una minaccia per te, perché le aziende possono usarla per tutti i tipi di scopi. Può aiutare a decidere se si ottiene un lavoro o un posto all'università, se si può viaggiare da qualche parte, o se si ottiene un prestito o un mutuo.

Questo interferisce con la nostra libertà di scelta perché fa sì che le opzioni a nostra disposizione siano determinate da presupposti completamente ingiusti. Così siamo privati della libertà di fare la nostra strada nella vita e ci viene impedito di vivere come vogliamo. Le opzioni a nostra disposizione nella vita non dovrebbero essere basate su supposizioni, ma sulle nostre esperienze, preferenze, capacità e attitudini individuali.

In che modo le maschere anti riconoscimento facciale interferiscono con i sistemi di sorveglianza?

Le maschere per il riconoscimento facciale tentano di ostacolare l'IA oscurando alcune caratteristiche del tuo viso. Questo confonde il software di riconoscimento facciale e, in teoria, rende impossibile identificarti. Naturalmente, andare in giro con la faccia completamente oscurata non è pratico, né necessariamente bello. Ecco perché le aziende e gli individui stanno sempre testando nuovi modi di usare coperture per il viso per superare in astuzia la tecnologia di riconoscimento facciale.

Alcune maschere, come detto prima, cercano di ingannare le telecamere con certi modelli di tessuto. Questi possono sembrare avere occhi o altre caratteristiche di un volto umano. Oppure possono cercare di ingannare il software di riconoscimento facciale utilizzando tessuti metallici. In linea di principio, si tratta per lo più di non nascondersi completamente - vogliamo uscire in pubblico, dopo tutto, e abbiamo bisogno di essere in grado di vedere dove stiamo andando - piuttosto, si tratta di utilizzare maschere anti riconoscimento facciale per cambiare il nostro aspetto così tanto che il software non può elaborare l'immagine, o almeno non può fare un'identificazione positiva.

Qual è il tasso di successo delle maschere anti riconoscimento facciale?

È difficile dire esattamente quanto siano efficaci le maschere anti riconoscimento facciale. La tecnologia di riconoscimento facciale varia ampiamente, sia in termini di hardware che di software. È anche in continua evoluzione, il che significa che le maschere che funzionavano ieri potrebbero non funzionare oggi. Inoltre, ci sono innumerevoli maschere anti riconoscimento facciale sul mercato, ed è chiaro che alcune sono più efficaci di altre.

Tuttavia, ci sono prove che le maschere anti riconoscimento facciale possono ingannare con successo il software di riconoscimento facciale. Uno studio ha testato 89 algoritmi commerciali di riconoscimento facciale e ha scoperto che i loro tassi di errore variavano dal 5% al 50% quando si confrontavano foto di persone con maschere facciali applicate digitalmente con foto della stessa persona senza maschera. Questo studio ha cercato di valutare le differenze tra le maschere e sono state utilizzate diverse opzioni di mascheramento del viso da testare contro il software.

Aiutaci a combattere per i tuoi diritti Donate
Altri risultati sono meno positivi per le maschere anti riconoscimento facciale. Il Dipartimento della Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti ha testato il software di riconoscimento facciale usato negli aeroporti e ha scoperto che anche quando viene usato contro individui mascherati, ha un tasso medio di successo di circa il 77%, con il sistema migliore che è efficace fino al 96%.

E la tecnologia continua a migliorare. Inoltre, l'aumento del numero di portatori di maschere a causa della pandemia di coronavirus ha reso le aziende tecnologiche, le corporazioni e le agenzie governative ancora più consapevoli delle debolezze del software di riconoscimento facciale, quindi stanno lavorando ancora più duramente per renderlo il più efficace possibile.

Saranno questi gli accessori di moda del futuro?

Anche se le maschere di riconoscimento facciale diventano più efficaci nel superare l'IA, non possono essere la soluzione al problema. La stessa sorveglianza del riconoscimento facciale è il problema. Invece di concentrarci su come nasconderci da esso, dovremmo lavorare per liberarcene. Le maschere anti riconoscimento facciale possono sembrare una soluzione ordinata, ma in realtà non affrontano il problema alla radice. Inoltre, non possiamo sperare di stare al passo con gli sviluppi tecnologici dell'IA, il che significa che saremo sempre in ritardo.

Quindi l'unico modo per risolvere davvero il problema è abolire la sorveglianza biometrica di massa e, per estensione, la sorveglianza del riconoscimento facciale. Per raggiungere questo obiettivo, dobbiamo continuare a ricordare alla gente i pericoli quotidiani posti da questa sorveglianza e come il suo uso possa causare danni reali anche a quelle persone che sono più favorevoli a maggiori poteri di sorveglianza e credono che questa sorveglianza non possa danneggiarli.

Per quanto tempo l'intelligenza artificiale può essere ingannata con maschere anti riconoscimento facciale?

È importante sottolineare che cercare di ingannare l'intelligenza artificiale utilizzando maschere di riconoscimento facciale è un'impresa inutile. Anche se alcune maschere hanno successo ora, quasi certamente non lo avranno in futuro. La tecnologia è spesso estremamente buona e migliora continuamente. Come ho detto, vedere le maschere come una soluzione significherebbe impegnarsi in un costante gioco di recupero, dove non possiamo mai essere sicuri di essere in vantaggio in qualsiasi momento.

E chi vuole passare la vita mettendosi una maschera ogni volta che esce? Non è il tipo di società in cui vogliamo vivere. Vogliamo essere liberi di andare dove vogliamo e incontrare chi vogliamo senza doverci preoccupare costantemente di essere osservati e nutriti con un profilo, o temere che le nostre informazioni personali possano essere condivise o rubate. Per raggiungere questo obiettivo, dobbiamo sradicare il riconoscimento facciale e altre forme di sorveglianza di massa, piuttosto che diventare fabbricanti di maschere fai da te nel nostro tempo libero.

Diventa attivo - firma una petizione per vietare la sorveglianza biometrica su reclaimyourface.eu



Donate to liberties

Together we’re making the difference

When the many put our resources together, we defeat the few who think they hold all the power. Join us to bring rights to life for all of us.

Be a part of protecting our freedoms

We have

  • Created the largest fund for democracy groups in the EU
  • 
Got new powers to cut off EU funding to autocrats

  • Written new EU rules to protect journalists & campaigners from bogus lawsuits

  • Trained over 400 rights defenders to supercharge the campaigns you care for

More milestones


Together we’re making the difference

When the many put our resources together, we defeat the few who think they hold all the power. Join us to bring rights to life for all of us.

Subscribe to stay in
the loop

Why should I?
  • » You'll know about the latest human rights developments
  • You can follow what we are doing for your right!
  • » You'll hear what Liberties is working on, eg. free speech, privacy, digital rights - before anyone else

Show me a sample!