Technologie e Diritti

La Commissione europea abbraccia il riconoscimento facciale a distanza?

L'ultima versione del Libro bianco della Commissione europea sull'intelligenza artificiale non specifica un divieto temporaneo di riconoscimento facciale a distanza.

di Orsolya Reich

Oggi la Commissione europea ha presentato il suo Libro bianco sull'IA. Come rivelato dai media la scorsa settimana, la versione pubblicata - a differenza di una bozza precedente - non propone un divieto temporaneo di riconoscimento facciale a distanza.

Nel corso di una conferenza stampa giovedì scorso, Margrethe Vestager, vicepresidente della Commissione per l'agenda digitale, ha dichiarato che la Commissione non proporrà ora alcuna misura di regolamentazione a livello UE.

"Quindi quello che diremo sulla carta, in un linguaggio molto legale, è: fermiamoci e scopriamo se ci sono [situazioni], e se ci sono, in quali circostanze il riconoscimento facciale a distanza dovrebbe essere autorizzato", ha detto Vestager.

In altre parole, ciò significa che le forze dell'ordine di tutta Europa utilizzeranno sempre più la tecnologia nel modo che riterranno più opportuno, interpretando in molti casi la legge nazionale in modi molto discutibili (la migliore ricerca in materia è stata condotta da Privacy International nel Regno Unito l'anno scorso. Se sei interessato a come la polizia britannica sta violando i diritti dei nostri ex-cittadini, puoi leggere il loro progetto qui).

La sorveglianza della polizia, unita alla tecnologia di riconoscimento facciale, minaccia le nostre democrazie. Ostacola il nostro diritto di parlare liberamente, di conoscere gli altri e di esprimere pubblicamente i nostri disaccordi con coloro che sono al potere. È particolarmente pericoloso in tempi in cui l'autoritarismo sta crescendo.

Il libro bianco sull'IA sarà il punto di partenza di una consultazione di 12 settimane. Liberties spera vivamente che in queste 12 settimane la Commissione ascolti le preoccupazioni della comunità dei diritti umani e che la sua proposta legislativa, che dovrebbe essere presentata alla fine di quest'anno, protegga adeguatamente le nostre libertà civili e i diritti umani.