Technologie e Diritti

Liberties e altri 15 gruppi per le libertà civili chiedono più diritti per gli utenti nella Legge sui mercati digitali

Il 28 giugno, Liberties e altre 15 organizzazioni della società civile hanno inviato una lettera aperta ai membri della commissione competente del Parlamento europeo chiedendo modifiche significative al disegno di legge sui mercati digitali.

di Eva Simon

28 giugno 2021

Egregi membri del Parlamento europeo,

Come gruppo di organizzazioni della società civile che difendono i diritti fondamentali, i valori democratici e la protezione dei consumatori, accogliamo con favore la Legge sui mercati digitali come un primo passo per affrontare le peculiarità dei mercati digitali e il comportamento dannoso associato che ha portato una manciata di aziende a controllare servizi importanti nell’economia digitale.

Nonostante un buon inizio, la proposta della Commissione europea non riesce a stabilire le regole tanto necessarie che danno agli utenti più diritti. Questo aprirebbe la strada a mercati digitali più equi e competitivi, attualmente tenuti sotto stretto controllo dai guardiani.

Il Parlamento europeo ha un’opportunità unica di rafforzare la Legge sui mercati digitali in queste importanti aree:

1. Aggiungere un obbligo di interoperabilità per i servizi di base della piattaforma, come i social network e la messaggistica istantanea

L’interoperabilità è uno strumento chiave per rendere i mercati digitali più dinamici e innovativi, poiché aiuta a rompere gli effetti di rete che portano pochi guardiani a dominare la base di utenti, aiutando a creare alternative concorrenti, sia all’interno delle singole piattaforme che tra piattaforme diverse. Questo, a sua volta, dà agli utenti alternative significative quando si tratta di decidere quali servizi online usare. Sopratutto, l’interoperabilità apre la strada a servizi alternativi basati su una varietà di modelli di business, compresi quelli che sono più rispettosi dei diritti.

Rimani aggiornato.

Mentre la proposta di Legge sui mercati digitali (DMA) all’articolo 6, paragrafo 1, lettera f), prevede l’interoperabilità per i servizi ausiliari, questo non è sufficiente. Un obbligo di interoperabilità per i servizi di base della piattaforma, in particolare i servizi di social network e di messaggistica istantanea, è essenziale per rimettere gli utenti al controllo dei loro dati personali e delle loro esperienze online.

2. Garantire che la DMA contenga efficaci disposizioni di applicazione

La DMA, come proposto attualmente, deve continuare a basarsi su obblighi auto-esecutivi. Questa è l’essenza della regolamentazione preventiva. Una volta che i co-legislatori hanno deciso quali obblighi i guardiani devono rispettare nell'interesse della società, questi guardiani non dovrebbero più avere modo di evitare quegli obblighi. Questo non farebbe altro che ritardare o minare l’efficacia della DMA e andare contro il processo democratico.

Inoltre, i consumatori o i loro e altri rappresentanti della società civile, così come altre terze parti, devono avere il diritto di (1) presentare reclami formali sui guardiani che violano i loro obblighi ai sensi della DMA; e (2) essere ascoltati nei processi decisionali ai sensi della DMA (come ai sensi degli articoli 7 e 25 e nelle indagini di mercato ai sensi degli articoli 14-17) per garantire l'efficacia e la trasparenza del processo. I poteri di applicazione della Commissione dovrebbero essere rafforzati per garantire che i guardiani rispettino rapidamente ed efficacemente i loro obblighi ai sensi della DMA.

3. Rafforzare le misure antielusione e proibire esplicitamente l'uso di modelli oscuri

L'articolo 11 sulla lotta all'elusione dovrebbe includere un chiaro divieto sull'uso di modelli scuri e altre tecniche di interfaccia utente che presentano le scelte agli utenti finali in modo non neutrale o altrimenti minano il loro processo decisionale al fine di compromettere l'efficacia degli articoli 5 e 6.

Aiutaci a combattere per i tuoi diritti Fai una donazione
4. Rafforzare la posizione degli utenti finali

Attualmente, la DMA si concentra sulla relazione tra guardiani e utenti commerciali e non presta sufficiente attenzione alla relazione tra guardiani e utenti finali. Un primo esempio di questo è l'articolo 10(2)(a), una delle disposizioni a prova di futuro nella DMA, che limita la possibilità che la pratica di un guardiano sia considerata sleale a situazioni in cui "c'è uno squilibrio di diritti e obblighi degli utenti commerciali e il guardiano ottiene un vantaggio dagli utenti commerciali che è sproporzionato al servizio che il guardiano fornisce agli utenti commerciali".

Questo ignora completamente lo squilibrio di diritti e doveri tra i guardiani e gli utenti finali, che sono esposti al potenziale sfruttamento attraverso nuovi tipi di pratiche di guardia. Per affrontare questo problema, proponiamo che l'impermeabilità al futuro dell'articolo 10, paragrafo 2, lettera a), copra esplicitamente lo squilibrio di diritti e obblighi nei confronti degli utenti finali.

Vi ringraziamo per aver preso atto di queste considerazioni nelle discussioni in corso e rimaniamo a disposizione per elaborare ulteriormente queste raccomandazioni politiche.

Cordialmente,

Amnesty International

ARTICLE19

BEUC – The European Consumer Organisation

Bits of Freedom

Centrum Cyfrowe

Civil Liberties Union for Europe (Liberties)

Corporate Europe Observatory

Digital Courage

Deutsche Vereinigung für Datenschutz e.V.

Electronic Frontier Foundation

European Digital Rights (EDRi)

Homo Digitalis

LobbyControl

Open Society European Policy Institute

Panoptykon Foundation

Privacy International

Puoi scaricare la lettera aperta (PDF) qui.