Democrazia e Giustizia

L'esclusione sociale: definizione, impatto, esempi, prospettive future

Tutti noi vogliamo vivere in una società che ci dia le stesse opportunità degli altri di essere ascoltati e di vivere una vita felice. Purtroppo, molte persone sono escluse dai diritti umani, dalle opportunità o dalle risorse. Ecco perché è importante.

di LibertiesEU

L’integrazione dell’Europa, la creazione di un blocco unico impiegato a favore delle libertà e della qualità della vita di tutti gli europei, è una straordinaria conquista dell’ultimo secolo. Ma nonostante l’approccio comune per creare un'Europa migliore, l’esclusione sociale è ancora un problema enorme, se non crescente. E per poter realizzare l’Europa a cui aspiriamo, è necessario intensificare i nostri sforzi contro l’esclusione sociale. Questo è nel miglior interesse di tutti, anche se noi stessi non siamo vittime dell’esclusione sociale, perché si tratta di raggiungere le società libere, eque e prospere in cui tutti vogliamo vivere.

Cos’è l’esclusione sociale?

L’esclusione sociale descrive una situazione nella quale non tutti hanno un accesso equo alle opportunità e ai servizi che permettono loro di vivere una vita dignitosa e felice. Questo include quando le persone non sono in grado di partecipare alla formazione delle regole della società in cui vivono e far sentire la propria voce. Le opportunità e i servizi che sono inaccessibili sono cose come le infrastrutture - anche quello di base come l’elettricità e l'acqua corrente - e servizi come l’istruzione pubblica, l’assistenza sanitaria o il sistema di previdenza sociale.

Immaginate una rete elettrica che collega diverse parti della società e assicura che una parte della società goda degli stessi benefici delle altre parti della società. L’esclusione sociale si riferisce alle aree oscurate - comunità che non sono collegate alla rete e non possono godere degli stessi benefici e opportunità di tutti gli altri. Queste comunità sono spesso definite “emarginate”, e “emarginazione sociale” è un altro termine usato per descrivere l’esclusione sociale.

Rimani aggiornato.

In teoria, tutti hanno certi diritti che dovrebbero impedire questi “blackout”. I diritti umani forniscono a tutti lo stesso diritto di avere una voce, di essere trattati allo stesso modo davanti alla legge, e di partecipare al dibattito pubblico sulla società in cui vivono. E i diritti sociali, come l’assistenza sanitaria e l’istruzione, sono progettati per garantire che tutti abbiano la possibilità di accedere alle stesse opportunità e servizi di base che sono disponibili per chiunque altro. Ma quando questi diritti non sono protetti, o quando i governi lavorano attivamente per negare questi diritti, i blockout accadono.

Quali sono i tipi di esclusione sociale?

L’esclusione sociale può avvenire in molti modi e a diversi livelli. Spesso, però, c’è un legame tra l’essere socialmente esclusi in un settore della vita e l’essere esclusi in un altro. Per esempio, l’esclusione sociale esiste quando a certi gruppi viene negato lo stesso accesso all’istruzione del resto della società. Si pensi al popolo rom in molti paesi. La mancanza di accesso all’istruzione, a sua volta, impedisce loro di ottenere le qualifiche necessarie per ottenere un buon lavoro. E non finisce qui, perché in questo modo impedisce loro di trovare una buona casa dove poter crescere una famiglia. Così la loro esclusione dal sistema educativo ha una effetto a catena che li esclude da altre parti chiave della società. Questo effetto e l’incapacità di superarlo significa, inoltre, che l’esclusione sociale si diffonde spesso di generazione in generazione, lasciando alcuni gruppi perennemente fuori dalla rete ed esclusi.

Source: KafkaDesk

Le persone possono essere escluse dalla società per una serie di ragioni. Spesso è perché appartengono a un certo gruppo etnico o minoritario che soffre di discriminazione nella loro società, ma può anche accadere a causa del modo in cui qualcuno si identifica. I membri della comunità LGBTQI hanno affrontato a lungo la discriminazione che ha colpito la loro capacità di ottenere un lavoro o perfino di accedere a certi luoghi, come bar o ristoranti, accessibili agli altri. Questi casi di esclusione sociale sono per lo più il risultato di una discriminazione diretta.

Ma anche la discriminazione indiretta causa l’esclusione sociale. Le persone con disabilità sono spesso escluse dalla società a causa di carenze nelle infrastrutture di base, come gli edifici senza ascensori o rampe. Questo, che può passare inosservato per alcune persone, può impedire alle persone con disabilità di partecipare alla vita pubblica, di condividere le proprie opinioni su questioni importanti, o persino di votare e avere voce in capitolo nel futuro della propria società.

Inoltre, alcune regole che possono sembrare giuste in apparenza possono anche essere indirettamente discriminatorie. I lavoratori part-time sono pagati di meno rispetto a quelli a tempo pieno, e spesso traggono meno benefici, come la salute o il benessere, dal loro lavoro. Anche se questo può sembrare giusto, si consideri che le donne sono molto più propense degli uomini ad avere lavori part-time. O che i lavoratori della gig economy sono in gran parte minoranze etniche. Così i regolamenti sul lavoro che non discriminano direttamente alcuni gruppi, causano o esacerbano la discriminazioni e l’esclusione sociale.

Povertà ed esclusione sociale: vanno di pari passo?

Spesso le persone socialmente escluse vivono anche in povertà. Se non puoi permetterti cose basilari come cibo, vestiti o un posto dove vivere, o non puoi spostarti con i trasporti pubblici quando ne hai bisogno, o accedere all’assistenza sanitaria quando sei malato o ferito, allora probabilmente sei anche escluso dalla partecipazione a molte cose nella società. Ed è vero che le minoranze etniche sono, in media, in una situazione economica peggiore della maggioranza. Le minoranze etniche hanno più difficoltà ed accedere a un lavoro retribuito, a buone scuole, a un buon livello di alloggi o a strutture sanitarie ben attrezzate e con un buon personale. Quindi la discriminazione, sia diretta che indiretta, causa la povertà per le minoranze etniche più spesso che per altri gruppi.

Tuttavia, è possibile essere poveri di reddito ma non vivere nell’esclusione sociale. Le società con un sistema fiscale redistributivo tendono a fornire servizi pubblici migliori e più facilmente accessibili. Fornire cose come l’accesso gratuito al trasporto pubblico, all’assistenza sanitaria o alle strutture sociali può permettere alle persone che vivono in povertà economica di evitare l’esclusione sociale. Alcuni paesi stanno anche sperimentando idee come un reddito di base universale, che potrebbe anche aiutare a sollevare le persone dalla povertà di reddito e dalle forme di esclusione sociale legate alla povertà.

Come influisce l'esclusione sociale sulla vita delle persone? Quanto è grande il suo impatto?

È chiaro che l'esclusione sociale può avere un grande impatto sulla vita delle persone. Abbiamo esaminato una serie di esempi che lo dimostrano. E il fatto che l'esclusione da un'area della vita possa essere collegata all'esclusione da un'altra area della vita, sottolinea quanto drammaticamente l'esclusione sociale possa influenzare la vita di una persona. Se non puoi mandare i tuoi figli in una buona scuola, o in generale a scuola, potrebbero non essere in grado di ottenere un buon lavoro. Se non si può accedere a una buona assistenza sanitaria, si può ammalare e dover lasciare il proprio lavoro, precipitando nella povertà economica.

In questi casi, diventa ancora più difficile cambiare lo status quo. Quando si è socialmente esclusi, è più difficile che la propria voce venga ascoltata, o chi è al potere può non tenere molto conto della propria opinione sulla società e sulle leggi che la governano. Può persino rendere più difficile votare, il modo più elementare per influenzare il futuro percorso della società. Questo può essere dovuto all'esclusione sociale, poiché raggiungere un seggio elettorale può richiedere troppo tempo o essere troppo costoso, o alla discriminazione diretta, che omette alcuni gruppi etnici dalle liste elettorali o non li conta correttamente nel censimento.

Esempi di esclusione sociale nella vita quotidiana

Abbiamo visto alcuni esempi di esclusione sociale, ma è importante essere consapevoli di quanto sia "quotidiano". Un buon esempio è quando gli edifici hanno solo scale. O quando i proprietari di bar e ristoranti si rifiutano di servire persone della comunità LGBTQI. L'esclusione sociale è un evento quotidiano anche nell'educazione. Alcune scuole escludono le persone di certi gruppi etnici o religiosi, o negano l’accesso a una persona con una disabilità. L'esclusione sociale si verifica anche nella polizia. Quando la polizia concentra i suoi sforzi su comunità particolari, queste comunità affrontano un sospetto indebito e sono più propense a rappresentare i tassi di criminalità nella società, anche se in realtà potrebbe non esserci più criminalità in quelle comunità che in altre. Di conseguenza, molti proprietari di case saranno meno propensi ad affittare le loro case a persone provenienti da queste comunità.

La situazione attuale: come viene gestita l'esclusione sociale nel mondo?

La situazione varia drammaticamente da paese a paese. Le società con governi più progressisti tendono a soffrire meno di esclusione sociale. Per esempio, il sistema fiscale nei paesi scandinavi ha creato sistemi di welfare invidiabili che permettono alle comunità e agli individui, che altrimenti affronterebbero l'esclusione sociale, di andare avanti. Anche altre piccole iniziative, come quella di Berlino, che permette ai senzatetto di usare gratuitamente il sistema di trasporto pubblico, aiutano le persone a prevenire l'esclusione sociale.

Aiutaci a combattere per i tuoi diritti Fai una donazione
Ma in troppi paesi, l'esclusione sociale rimane un problema importante. Ed è stata esacerbata dall'ascesa degli autoritari populisti. Per loro, l'esclusione sociale fa parte della loro cassetta degli attrezzi. Sfruttano l'esclusione sociale per dividere le classi lavoratrici lungo linee razziali e incoraggiano l'odio verso le minoranze, incolpandole di problemi come la povertà. Questo permette loro di creare capri espiatori da incolpare per i loro stessi fallimenti e generando un senso di paura che può essere un utile motore durante le elezioni.

Come si combatte l'esclusione sociale?

Per combattere l'esclusione sociale, dobbiamo costruire società più inclusive. Le politiche e i regolamenti possono contribuire a questo. Creare un salario minimo di base che sollevi le persone dalla povertà economica avrà un effetto a catena che può sollevare le persone dall'esclusione sociale in altre aree. I sistemi di tassazione che prevedono forti sistemi di assistenza sociale può permettere ai gruppi socialmente esclusi di accedere agli stessi servizi di base degli altri. E possono aiutare a garantire che le persone che soffrono di difficoltà significative, come una malattia o un infortunio, abbiano la rete di sicurezza necessaria per evitare di scivolare nell'esclusione sociale.

È anche importante assicurare che i governi si preoccupino dei gruppi socialmente esclusi. Inasprire le regole sul lobbismo, chiudere le scappatoie che incoraggiano la corruzione e sostenere le organizzazioni della società civile che aiutano le persone a partecipare alla vita quotidiana e al dibattito pubblico sono tutte cose che aiuteranno a porre fine all'esclusione sociale. Dopo tutto, tutti noi vogliamo vivere in una società che ci dia la stessa possibilità di tutti gli altri di far sentire la nostra voce e di vivere felicemente.