Monitoraggio UE

I governi che permettono la corruzione durante la pandemia COVID-19 mettono in pericolo delle vite

La corruzione distoglie i fondi pubblici dai servizi essenziali che sostengono i cittadini durante la pandemia. Ma molti governi hanno reso difficile il controllo della spesa pubblica e messo a tacere le istituzioni che responsabilizzano i politici.

di LibertiesEU

In un certo numero di paesi, i livelli di corruzione rimangono allarmanti. In un momento in cui i sistemi sanitari e di sicurezza sociale stanno disperatamente lottando per sostenere le popolazioni, questo è particolarmente preoccupante. Durante una pandemia, il denaro dei contribuenti sprecato con la corruzione porta a morti inutili e difficoltà come non poter pagare l'affitto o nutrire i propri figli.

I governi avrebbero dovuto intensificare i loro sforzi per contrastare la corruzione e assicurarsi che non compromettesse l’azione contro il Covid-19. Invece, molti hanno ostacolato la libertà d'informazione, fatto crollare i sistemi giudiziari e indebolito i meccanismi di supervisione. E questo ha permesso ai politici corrotti e alle corporazioni di sfruttare la pandemia per accumulare più ricchezza per se stessi e i loro amici.

Casi autoritari estremi

In alcuni casi estremi, questo fa parte di una strategia globale dei governi con tendenze autoritarie per smantellare i controlli e gli equilibri e consolidare la loro presa sul potere. Questi governi hanno persino sfruttato la pandemia per accelerare la repressione dei principi democratici. In Ungheria, un recente rapporto ha rivelato come i circoli d'affari vicini al primo ministro Orbán hanno ricevuto grandi somme di denaro durante l'epidemia senza seguire le procedure standard di concessione. Il governo è arrivato persino a modificare la costituzione per rendere più facile nascondere l'uso improprio dei fondi pubblici.

In Polonia, non si può più fare affidamento sulla magistratura per indagare e perseguire i casi di corruzione. Questo è dovuto agli sforzi del partito al potere di smantellare l'indipendenza della magistratura e intimidire i giudici che si astengono con la cosiddetta "legge bavaglio". Il governo sta anche spingendo proprio candidato ad assumere il posto di commissario per i diritti umani. Questo è uno degli ultimi osservatori indipendenti rimasti nel paese.

Problemi ovunque

Ma non sono solo questi casi estremi che dovrebbero preoccuparci, secondo il nuovo rapporto di Liberties "EU 2020: DEMANDING ON DEMOCRACY", pubblicato la settimana scorsa. Anche se alcuni paesi hanno fatto sforzi timidi per migliorare i loro sistemi anticorruzione, come la Repubblica Ceca e l'Italia, nel complesso tutti i governi dell'UE stanno fallendo nella lotta contro la corruzione, indebolendo le istituzioni e gli standard che servono a proteggere lo stato di diritto.

Diversi paesi dell'UE hanno adottato misure che rendono più difficile il controllo della spesa pubblica. In Romania, le autorità hanno sospeso o gravemente ritardato le risposte alle richieste di libertà di informazione. In Spagna, il governo ha ostacolato il flusso tempestivo di informazioni e dati sulla sua capacità di gestire la pandemia. In Francia, le autorità hanno ostacolato la partecipazione delle organizzazioni della società civile ai meccanismi anti-corruzione con ritardi procedurali e altri ostacoli.

Debole controllo del potere esecutivo

In diversi paesi dell'UE, anche gli organismi pubblici di controllo, in particolare le istituzioni nazionali per i diritti umani (NHRI), hanno avuto difficoltà a proteggere i diritti dei cittadini. Per esempio, in Bulgaria, Croazia e Repubblica Ceca, la NHRI soffre di una mancanza di indipendenza ed efficacia.

La Commissione croata per la prevenzione dei conflitti d'interesse è anche sotto pressione e potrebbe essere sciolta dopo che ha iniziato le indagini su affari dubbi che coinvolgono il partito al potere, l'Unione democratica croata e il primo ministro Andrej Plenković - il cui governo è pieno di scandali di corruzione.

Tribunali indipendenti e ben dotati di risorse sono essenziali per tenere sotto controllo le leggi della spesa pubblica. Ma in molti paesi i tribunali hanno sofferto durante la pandemia. Per esempio, in Bulgaria, dove la procedura di nomina di giudici e procuratori è segreta e non garantisce la loro piena indipendenza. Inoltre, le nuove regole introdotte per controllare e indagare il lavoro dei procuratori possono compromettere la loro indipendenza. L'aumento delle spese processuali e i lunghi procedimenti giudiziari stanno rendendo anche più difficile l'accesso alla giustizia. La fiducia del pubblico nella magistratura aveva già sofferto nell'ottobre 2019 per la controversa nomina di un nuovo procuratore generale. Insieme a una crisi di corruzione, questo ha portato ad alcune delle proteste antigovernative più lunghe del paese.

La fiducia del pubblico nella magistratura è stata danneggiata anche in Irlanda, quando un giudice della Corte Suprema appena nominato ha rifiutato di dimettersi nonostante abbia violato le linee guida della salute pubblica nello scandalo "Golf-gate".

Queste tendenze preoccupanti mettono in ombra i potenziali progressi che potrebbero venire dai progressi nella digitalizzazione o dalle riforme proposte in paesi come la Repubblica Ceca, la Romania e la Slovacchia per migliorare l'indipendenza e la trasparenza dei sistemi giudiziari.

Il rapporto

La trasparenza e l'informazione di interesse pubblico, la supervisione dell'esecutivo e un forte sistema giudiziario sono componenti essenziali di quello che chiameremmo un forte sistema di stato di diritto. Questi componenti sono vitali per garantire che i nostri politici facciano il miglior uso della spesa pubblica a beneficio dei cittadini durante la pandemia.

Il nuovo rapporto di Liberties "EU 2020: DEMANDING ON DEMOCRACY" espone le pratiche dannose che riguardano lo stato di diritto in 14 paesi dell'UE. Si tratta dell’indagine più completa nel suo genere da parte di una rete di ONG che copre gli sviluppi nel 2020. Il rapporto è stato prodotto da Liberties, insieme ai suoi membri e alle organizzazioni partner, per sostenere la consultazione della Commissione europea di quest'anno sullo stato dello stato di diritto nell'UE.

Precedentemente su Liberties:

Rapporto Liberties: La salute delle nostre democrazie compromessa da molti leader dell’UE nel 2020

Scarica qui il rapporto completo - EU2020: Demanding on Democracy