Monitoraggio UE

Come la Commissione europea potrebbe diventare un leader in materia di diritti fondamentali

La Commissione sta riscrivendo la strategia per l'attuazione della Carta dei diritti fondamentali. Il nuovo documento programmatico di Liberties illustra i nuovi strumenti e pratiche che la Commissione deve attuare per dare vita ai diritti dei cittadini.

di Linda Ravo
Alina Papazova @alinasumaz

La Carta dei diritti fondamentali è il catalogo dei diritti umani dell'UE - un moderno strumento giuridico che elenca 50 diritti fondamentali che le istituzioni e i governi dell'UE devono promuovere, rispettare e proteggere ogni volta che agiscono nell'ambito delle loro competenze e degli obblighi dell’UE.

Sono passati più di 10 anni da quando la Carta è diventata giuridicamente vincolante. La prima strategia della Commissione per un'attuazione effettiva della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea è stata adottata nel 2010. L'idea era che l'UE desse l'esempio e trasformasse i diritti fondamentali in una guida per l'azione dell'UE. Ma se da un lato ha fatto qualche progresso nel rispetto, nella protezione e nella promozione dei diritti fondamentali, dall'altro spesso l'UE non interviene in difesa dei diritti, perde l'opportunità di migliorare la protezione di tali diritti e commette addirittura qualche violazione degli stessi.

Nel corso dell'anno la Commissione adotterà una nuova strategia sulla Carta dei diritti fondamentali. Per prepararla con il maggior numero possibile di informazioni, la Commissione ha chiesto proposte alle organizzazioni che lavorano per i diritti umani e la democrazia. Il nuovo documento di Liberties è una risposta alla richiesta di un contributo da parte della Commissione.

Scarica qui il documento completo.

Il presente documento identifica le principali carenze e suggerisce strumenti e pratiche specifiche che la Commissione potrebbe attuare per affrontarle. I nostri punti chiave sono:

1) La Commissione dovrebbe utilizzare al meglio i suoi poteri per promuovere i diritti fondamentali

I diritti fondamentali vengono violati in molti settori in cui le leggi nazionali non sono abbastanza valide per proteggerli. Prendiamo, ad esempio, le denunce di abusi di attori privati o pubblici che cercano di mettere a tacere entità di controllo come i media o gli attivisti per le libertà civili. Tale azione legale tesa a bloccare la partecipazione pubblica è nota come SLAPP - strategic lawsuits against public participation. Nella maggior parte dei paesi dell'UE non esistono leggi che impediscano o sanzionino queste pratiche. La Commissione ha il potere di proporre regole comuni dell'UE per vietare le SLAPP - ma non lo ha ancora fatto.

La Commissione potrebbe:

  • Aumentare le proprie competenze in materia di diritti fondamentali, avvalendosi in modo più sistematico della consulenza di esperti indipendenti e garantendo che gli esperti interni servano in tutti i servizi della Commissione;
  • Sviluppare un piano di lavoro strategico annuale che possa contribuire a chiarire come le leggi e le politiche dell'UE possono contribuire a migliorare il rispetto e la promozione dei diritti fondamentali;
  • Investire nella comunicazione con la società sui diritti fondamentali, anche attraverso rapporti annuali che possano migliorare la responsabilità e la trasparenza della Commissione e incrementare la partecipazione del pubblico.
2) La Commissione dovrebbe migliorare le procedure in atto per ridurre al minimo il rischio di violazioni della Carta da parte delle istituzioni e degli organi dell'UE

Tutte le istituzioni e gli organi dell'UE hanno l'obbligo di astenersi dall'adottare leggi, misure o pratiche che violano i diritti fondamentali. Tuttavia, emergono ancora casi in cui le violazioni dei diritti fondamentali sono attribuibili ad azioni negligenti o all'inazione da parte delle istituzioni dell'UE. In un recente rapporto, l'UE è stata criticata da un organismo di controllo delle Nazioni Unite per aver concesso fondi all'Ungheria per mantenere la segregazione delle persone con disabilità nel paese, in contrasto con i diritti fondamentali e gli obblighi legali internazionali.

La Commissione potrebbe:

  • Migliorare la qualità del processo con cui valuta l'impatto delle leggi e delle politiche dell'UE sui diritti fondamentali;
  • Sfruttare meglio i suoi poteri per evitare di indebolire le garanzie dei diritti fondamentali durante i negoziati sui progetti di legge dell'UE tra i governi dell'Unione e il Parlamento europeo;
  • Valutare sistematicamente le leggi e le politiche dell'UE per il loro impatto sui diritti fondamentali;
  • Monitorare più da vicino e con maggiore trasparenza le azioni intraprese dalle agenzie e dagli organismi dell'UE.

3) La Commissione dovrebbe offrire ai governi una guida più dettagliata su come attuare il diritto comunitario in modo da non violare i diritti fondamentali e applicare sistematicamente la legge quando i governi la infrangono.

La Commissione ha il dovere di impedire ai governi dell'UE di violare la Carta, quando agiscono in settori disciplinati dal diritto comunitario e di sanzionarli quando commettono violazioni. La Commissione dispone già di tutti gli strumenti necessari per farlo. Il problema è che spesso non li utilizza. Ad esempio, alcuni paesi dell'UE, come la Repubblica Ceca, l'Ungheria e l'Italia, continuano a impedire che i bambini Rom siano scolarizzati come gli altri bambini, anche segregandoli in scuole speciali o in classi per soli Rom. Sebbene queste pratiche siano state più volte condannate dalla Corte europea dei diritti dell'uomo, e nonostante il fatto che siano vietate dal diritto comunitario, la Commissione non ha finora portato alcun paese in tribunale su questa materia.

La Commissione potrebbe:

  • Fornire una guida formale su come rispettare i diritti fondamentali nell'attuazione di parti fondamentali della legislazione UE, al fine di cercare di prevenire violazioni;
  • Sanzionare i governi che violano sistematicamente la Carta;
  • Finanziare quelle organizzazioni che promuovono i diritti fondamentali a livello nazionale, come quelle che lavorano per i diritti umani e la democrazia.

Scarica il documento completo qui.