Technologie e Diritti

Troveranno un'altra via: chiudere la rotta balcanica non risolverà la crisi dei rifugiati

Con la rotta balcanica chiusa, centinaia di migliaia di rifugiati intrappolati in Grecia ora non hanno scelta se non tentare le più pericolose strade verso nord.

di Justine Cary
Nel dichiarare di aver chiuso la cosiddetta rotta balcanica,la principale rotta verso l'Europa, i leader europei hanno gettato nello sconforto migliaia di rifugiati in Grecia.
Da quanto la Macedonia, la Croazia e la Slovenia hanno chiuso i loro confini, una tragedia umanitaria è in corso a Idomeni, dove uomini, donne e bambini sono intrappolati e vivono in condizioni terribili.

I governi europei sembrano orgogliosi dell'accordo firmato con la Turchia – che prevede il ritorno dei migranti in territorio turco – e dichiarano che “sono finiti i flussi irregolari di migranti lungo la rotta balcanica.”

Ma non è previsto alcun piano per prendersi cura dei migranti al momento bloccati in Grecia – e di tutti gli altri che arrivano ogni giorno – e l'immigrazione irregolare con ogni probabilità continuerà, ma attraverso rotte che presentano altri pericoli per i migranti.

La strada per l'Europa diventerà ancora più rischiosa

I rifugiati semplicemente non possono e non vogliono interrompere il loro viaggio e quindi saranno costretti a scegliere vie diverse. Certamente proveranno a raggiungere la costa albanese e ad attraversare l'Adriatico verso la Puglia. Questa rotta è ben nota in Italia perché veniva percorsa dai migranti albanesi negli anni '90.

Qui il rischio per i migranti è ancora più grande. Dovranno rivolgersi ancora una volta ai trafficanti e una distanza di 50 miglia è più pericolosa che il Mar Egeo, dove troppi migranti sono già morti. Inoltre, Italia e Albania non sono assolutamente preparate ad affrontare un aumento dei flussi di migranti.

Le politiche europee, anziché risolvere la crisi dei migranti, stanno peggiorando la situazione. I rifugiati sono costretti ad imbarcarsi in viaggi più pericolosi e clandestini. Se l'attraversamento tra Albania e Italia è insicuro, ci sono altre rotte ancora più pericolose, come ad esempio dalla Grecia e addirittura dalla Turchia all'Italia o dall'Egitto a Lampedusa.