Technologie e Diritti

Come la censura delle grandi tecnologie danneggia la libertà di espressione

La libertà di espressione è un elemento fondamentale in una società libera e democratica. Così, quando i giganti tecnologici pongono dei limiti alla nostra espressione, la nostra società diventa meno democratica.

di LibertiesEU

Non c'è dubbio: i giganti della tecnologia di oggi hanno un impatto enorme sulle nostre vite. Da ciò che compriamo, a dove andiamo e persino come ci sentiamo, quasi tutto ciò che facciamo è condizionato da ciò che i motori di ricerca e le piattaforme ci mostrano. Condizionano perfino la nostra democrazia. Perché se quello che possiamo e non possiamo dire è limitato dalla censura dei giganti della tecnologia, allora siamo meno liberi.

La libertà di espressione non può essere assoluta

I limiti alla libertà di espressione non sono, di per sé, un male. Non viviamo in una società con totale libertà di parola. Per esempio, non si può uscire per strada gridando che si vuole fare del male alla gente, perché questo limita la sicurezza degli altri e, quindi, la loro libertà. Il vecchio detto: “la libertà di una persona finisce dove inizia quella di un'altra”, è ancora vero.

Ma sono principi che sono stati sanciti dai governi e dagli organi legislativi nei nostri sistemi giuridici. E poi spetterà ai giudici determinare quando le regole vengono infrante. Il problema è che, su Internet, sono gli stessi giganti della tecnologia che sono diventati polizia e tribunali, forse inconsapevolmente. Decidono quello che si può e non si può dire. Ed è abbastanza complesso per un individuo andare in tribunale quando una società tecnologica viola la sua libertà di parola. Queste aziende rispondono prima di tutto ai loro azionisti. E la loro preoccupazione principale è quella di massimizzare i profitti, non di assicurare che Internet sia uno spazio per un dibattito sano, ben informato e democratico. Così, quando una società privata decide cosa è o non è accettabile online, questo può portare a tensioni in una società democratica, e le persone possono chiedersi perché Facebook o Twitter accettano alcune cose ma le hanno censurate.

Rimani aggiornato.

Le grandi aziende tecnologiche spesso bloccano o rimuovono i contenuti pubblicati dai propagandisti jihadisti e dai gruppi di estrema destra. Siamo d'accordo che questo materiale è di solito al di là della libertà di parola perché è semplicemente pericoloso per la nostra libertà come individui e come società. Ma queste sono questioni ben definite. Cosa facciamo con i teorici della cospirazione che affermano che le vaccinazioni sono un tentativo del governo di controllarci? Le loro azioni sono pericolose perché minacciano la capacità della nostra società di proteggersi dal virus. Ma dovrebbe essere Big Tech a decidere quale tipo di contenuto viene tolto qui e quale contenuto può rimanere?

Donald Trump

Donald Trump è stato forse l'esempio di più alto profilo di qualcuno la cui comunicazione è stata interrotta dai social media. Molte persone pensano che Twitter ci abbia messo troppo tempo, considerando che Trump ha fomentato la divisione e l'odio razziale per anni, anche prima di diventare presidente. Quando Twitter ha finalmente cancellato il suo account, hanno detto che era perché Trump stava invocando una rivolta violenta contro il Congresso. Molti critici hanno detto che Twitter ha aspettato che Trump fosse sul punto di lasciare l'incarico perché la società temeva che il presidente avrebbe potuto altrimenti trovare un modo per punirla.

History-in-hd-ctz5-t7voqq-unsplash


Indipendentemente dal fatto che vi piaccia o meno il risultato, è davvero questo il modo in cui la società dovrebbe decidere cosa passa per libertà di parola e a che punto il limite viene superato? Queste decisioni sono nelle mani di tribunali indipendenti i cui giudici decidono secondo la legge, non in mano delle corporazioni che si preoccupano principalmente dei loro profitti.

Come funziona la censura

Attualmente, ci sono pochi, se non nessuno, rimedi legali contro il potere di aziende come Twitter. Una sola azienda dovrebbe avere così tanto potere?

In questo momento, Twitter e Facebook hanno dei codici di condotta che applicano alle situazioni online. Per esempio, qualsiasi contenuto che promuove l'autolesionismo è contro le loro regole. Inoltre non puoi postare contenuti per adulti o immagini violente o mostrare immagini sensibili. Il regolamento è diventato sempre più ampio nel corso degli anni.

Aiutaci a combattere per i tuoi diritti Fai una donazione

Nei primi anni 2010, quando lo Stato Islamico era scatenato in tutto il Levante, era in grado di diffondere la sua propaganda attraverso i social media, e i suoi sostenitori erano in grado di guadagnare centinaia, se non migliaia, di seguaci. Quando i governi hanno esortato le piattaforme di social media a fermare la diffusione di questo tipo di contenuti, le piattaforme hanno dovuto cedere di fronte al clamore sociale. Ma il problema era identificare quali contenuti dovevano essere classificati come terroristici. Se le piattaforme avessero dovuto rimuovere tali contenuti, avrebbero avuto bisogno di un esercito di controllori. Questo costa denaro. Tanti soldi.

La loro soluzione è stata quella di rivolgersi ad algoritmi che automatizzano il rilevamento di questo tipo di contenuti. Ma ancora una volta, tanti contenuti che non dovrebbero essere online trovano la loro strada, mentre i contenuti legittimi che documentano i crimini di guerra, per esempio, vengono rimossi. L'IA può essere in grado di identificare casi ben definiti, ma non può distinguere tra il contenuto perfettamente legale che è satirico, educativo o artistico, e il contenuto veramente pericoloso.

Se il contenuto viene rimosso o l’account viene sospeso

Se il contenuto viene rimosso da una piattaforma di social media o, peggio, il tuo account viene sospeso, dovresti chiedere una giustificazione. Normalmente, la piattaforma dovrebbe dartene una, anche se potrebbe non essere un motivo molto specifico. Se non sei d'accordo con la giustificazione, c'è un processo di appello, ma è raro che un divieto venga annullato. E portare un caso in tribunale richiede molto tempo ed è costoso.

Questo può essere un problema se hai costruito un grande seguito o se fai affidamento sulla tua presenza sui social media per i tuoi affari. E si può scommettere che in alcuni paesi si abusa di questo, dove i rivali politici riescono a far bloccare i loro avversari o a far rimuovere i loro contenuti.

La soluzione?

Big Tech ha troppo potere, e probabilmente non si diverte comunque a giocare all'autorità della censura. L'UE ha elaborato un codice di condotta con Big Tech e le piattaforme di social media qualche anno fa, ma rimane volontario e lascia tutta la responsabilità a Big Tech. Così l'UE si lava le mani della questione.

La soluzione è che i governi facciano quello che fanno offline anche nel mondo online. I nostri rappresentanti eletti, agendo nell'interesse del pubblico, dovrebbero scrivere le leggi su come comportarsi nel mondo online, non le corporazioni che agiscono nell'interesse dei loro azionisti.

Questo non significa che le aziende non abbiano un ruolo nel controllare le loro piattaforme. Ma le decisioni su ciò che gli utenti possono dire non possono essere lasciate solo agli algoritmi. Le piattaforme di social media fanno enormi profitti. E una parte maggiore di quel reddito dovrebbe andare nell'assunzione di più personale per rivedere le decisioni sul blocco dei contenuti o sul banning degli utenti. Dovrebbe essere sempre possibile per gli individui avere una revisione umana di una decisione in modo tempestivo. Inoltre, gli individui dovrebbero essere in grado di appellarsi a un tribunale in modo rapido e poco costoso. Questo sistema potrebbe anche essere finanziato dalle tasse sulle grandi piattaforme tecnologiche.

Le piattaforme Internet sono diventate l'equivalente delle nostre piazze pubbliche: gran parte del nostro dibattito pubblico si svolge su di esse. Può andare bene che le aziende tecnologiche facciano soldi con i servizi che offrono. Ma queste piattaforme sono diventate spazi pubblici che modellano le nostre società e le nostre democrazie. E questo significa che devono essere governati da leggi fatte dai nostri rappresentanti e gestiti in un modo che non danneggi la democrazia.

Quando Big Tech redige il proprio regolamento, significa che il nostro linguaggio e la nostra democrazia sono governati da un'azienda tecnologica non eletta che ha come obiettivo principale il profitto. Non è questo il tipo di democrazia che vogliamo, vero?



Immagine: History in HD