YouTuber tedesco fa infuriare la classe politica con un video molto critico

In risposta all'enorme successo riscosso da un giovane YouTuber tedesco con una clip pre-elettorale in cui criticava duramente la CDU in carica, Annegret Kramp-Karrenbauer, il nuovo leader del partito, ha suggerito "regolamentazione del settore digitale".

YouTuber attacca i partiti politici di maggioranza in Germania

"La politica dell'UE è f*** noiosa", ma "andate a votare il prossimo fine settimana. Altrimenti saranno i pensionati a decidere del vostro futuro."

Un YouTuber di nome Rezo sta rappresentando un incubo per i partiti di maggioranza affermati in Germania. Nel suo video "Die Zerstörung der CDU" [La distruzione della CDU], il 26enne Rezo stronca la politica chiave dell’Unione Cristiano-Democratica e conservatore (CDU) della Cancelliera Angela Merkel. Nella sua interpretazione, nel corso degli anni in cui è stato (co)-governatore della Germania, il partito ha fallito praticamente in ogni campo. Il divario tra ricchi e poveri si è ampliato, la politica sul cambiamento climatico del paese è disastrosa, è stato speso pochissimo per l'istruzione e le pari opportunità. Le sue dichiarazioni si basano su fonti che mostra nella clip. Questo video è diventato virale appena prima delle elezioni europee ed è stato ampiamente condiviso tra i suoi fan, i loro genitori e, infine, tra gli utenti dei social media in generale. Ha raccolto 14 milioni di click in due settimane. Poco prima delle elezioni, praticamente tutti i media tedeschi parlavano di Rezo.

All'inizio del suo video su YouTube, promette che "non sarà solo un altro video noioso sulla politica". Riteneva che i fatti e le cifre da soli avrebbero portato alla conclusione che la CDU sta distruggendo se stessa, la sua reputazione e i suoi risultati elettorali.

Rezo ha convinto i suoi telespettatori con la sua eloquenza, il suo fascino, l'autenticità e chiarezza nell'esprimere le sue opinioni, e utilizzando il suo stile casual su YouTube. Tuttavia, alcuni politici affermano che oltre ad essere affascinante, ha troppa influenza e sta agitando la gente in Germania.

Il leader del partito della CDU chiede una regolamentazione dell'opinione pubblica su Internet

Rezo ha usato la sua popolarità per esprimere la sua opinione. In un'intervista per bento.de, ha dichiarato che non era stato pagato da nessuno e che desiderava solo che più persone discutessero di questi temi. Alla fine del video di 55 minuti ha dichiarato: "Per favore, non votate per la SPD, per favore non votate per la CDU, per favore non votate per la CSU e certamente non per l'AFD!”. Alcuni commentatori lo considerano come un chiaro tentativo di manipolare l'opinione pubblica e una chiamata diretta a votare per altri partiti. I Verdi hanno fatto grandi progressi nelle elezioni europee e sono stati visti come i vincitori del voto.

Rispetto ai risultati del 2014 la CDU ha perso il 6,4% dei voti e ha prontamente reagito. Il leader del partito Annegret Kramp-Karrenbauer ha anche detto che l'opinione pubblica ("Meinungsmache") dovrebbe essere regolata durante la campagna elettorale:

"E la questione si pone già per quanto riguarda il tema dell'opinion making: Quali sono in realtà le regole del settore analogico e quali regole si applicano effettivamente al settore digitale, sì o no [sic]?"

Gli utenti di Internet reagiscono con furia

Nel giro di poche ore il web brulicava di indignazione per la sua dichiarazione. E alcuni dei più famosi YouTubers tedeschi hanno iniziato una petizione chiedendo "Nessuna censura alla nostra libertà di parola, signora Kramp-Karrenbauer".

Non è una novità per attori, artisti e musicisti esprimere le loro opinioni politiche e impegnarsi per cause politiche. Gli YouTubers che usano le loro piattaforme per esprimere definitivamente le loro opinioni hanno il diritto di prendere posizione politica e senza ambiguità, purché non facciano nulla di illegale. Non importa quanto scomode possano essere le opinioni che diffondono. Volker Kitz, autore del libro "Meinungsfreiheit! Demokratie für Fortgeschrittene" (Libertà di espressione! Democrazia per gli studenti con livello avanzato) dice: "La libertà di espressione in Germania va molto lontano, sia nel mondo analogico che in quello digitale. Ogni valutazione personale è protetta come opinione, anche se agli altri sembra assurdo. Il diritto penale traccia la linea di demarcazione, ad esempio con i reati di insulto e incitamento all'odio. I giornalisti sono soggetti agli obblighi di diligenza, ma la comune star di YouTube non è un giornalista. È più simile a una celebrità a cui è permesso di esprimersi in modo esauriente sull'attualità del mondo analogico".

I cittadini indipendenti devono imparare a distinguere per se stessi con quali opinioni sono d'accordo e chi scegliere come figure di riferimento.