Una svolta per le coppie omosessuali in Estonia

L'Estonia ha stravolto la politica e la prassi giuridica precedenti e ha infine deciso di concedere il diritto di soggiorno temporaneo ai partner dello stesso sesso estoni registrati, consentendo loro di vivere una vita familiare in Estonia.

All'inizio di agosto, la polizia e la guardia di frontiera estone hanno accettato una richiesta di soggiorno temporaneo presentato da Sarah Raud. Raud è una cittadina statunitense sposata con Kristiina Raud, cittadina estone, in base alla legge sull’unione civile.

Coppia sposata negli Stati Uniti cui è stato rifiutato il permesso di soggiorno temporaneo in Estonia

Sarah e Kristiina Raud si sono sposate legalmente negli Stati Uniti nel 2015 e hanno deciso di andare a vivere in Estonia. Tuttavia, la polizia e la guardia di frontiera estoni hanno rifiutato di rilasciare il permesso di soggiorno temporaneo a Sarah, così la coppia si è rivolta ai tribunali per difendere i loro diritti. L'anno scorso un tribunale estone ha emesso una decisione definitiva secondo la quale lo Stato estone non ha riconosciuto il matrimonio della coppia come base per il rilascio di un permesso di soggiorno temporaneo.

La lotta legale ha il suo prezzo per la coppia

Anche se durante questi due anni Sarah ha dovuto lasciare l'Estonia più volte, il che ha causato turbolenze emotive e spese finanziarie, la coppia ha portato il caso in tribunale per un altro round in nome della giustizia, dei diritti, dell'amore e della famiglia e per altre coppie in situazioni simili. Il 5 giugno 2018 hanno registrato la loro unione civile ai sensi della legge sull'unione civile, in base alla quale Sarah ha chiesto allo Stato il permesso di soggiorno temporaneo per ottenere il diritto legale di vivere in Estonia. L'Ufficio estone della polizia e della guardia di frontiera ha impiegato un anno intero per esaminare la domanda (invece di un mese come previsto dalla legge), ma alla fine ha accettato la domanda di Sarah. Nell’accetarla hanno fatto riferimento alla decisione dell'assemblea generale del Tribunale di Stato che ha ammesso che, la parte della legge che non fornisce una base per il diritto di soggiorno temporaneo ai partner dello stesso sesso dei cittadini estoni, è incostituzionale.

Risultato positivo per le coppie omosessuali in Estonia, ma le decisioni europee potrebbero richiedere anni

Liisa Linna, l'avvocato che ha rappresentato la coppia per tutto il caso, ha aiutato Sarah e Kristiina a rivolgersi alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo per ottenere una valutazione giuridica della situazione. La notizia della conclusione positiva del caso non incide sulla decisione della Corte europea dei diritti dell'uomo e l'arrivo a una vera e propria decisione giuridica potrebbe richiedere anni.

Kari Käsper, direttore esecutivo del Centro estone per i diritti umani, ha commentato: "È positivo che lo Stato abbia cominciato a comportarsi in modo più umano e dignitoso verso le coppie dello stesso sesso. Non vi è alcun motivo giustificabile per trattare i partner stranieri in una relazione omosessuale peggio delle coppie in cui entrambi i partner sono estoni".

Kristiina e Sarah hanno espresso la loro soddisfazione per il fatto che lo stato ha cambiato la loro pratica, anche se la decisione è arrivata troppo tardi per loro. "Siamo molto contente che lo stato estone abbia cambiato il suo approccio nei confronti delle coppie dello stesso sesso e delle famiglie e che Sarah abbia finalmente il diritto di vivere in Estonia. Tuttavia, il processo è stato lungo e durante quel periodo eravamo molto stressate a causa dell'insicurezza e dall'avvenire incerto e ci siamo allontanate. Così, durante il processo, abbiamo deciso di lasciarci".

La legislazione non viene attuata per rafforzare i diritti delle persone LGBTI

Sebbene la legge sull’unone civile sia stata approvata nel Riigikogu (Parlamento estone) il 9 ottobre 2014 ed è entrata in vigore il 1° gennaio 2016, tuttavia ancora oggi il Riigikogu non ha adottato alcuna legge di attuazione. Ciò significa che le disposizioni, che specificano l'attuazione della legge sull’unione civile nelle situazioni quotidiane, non sono state messe in pratica. La sua attuazione avrebbe creato una serie di ostacoli per le coppie o le famiglie omosessuali, anche quando l’unione civile venisse registrata in Estonia. Il fatto che la legislazione non sia stata applicata è un importante elemento positivo per i diritti LGBTI e per le coppie omosessuali.