L’Ungheria paga un risarcimento al cliente del HCLU che è stato cateterizzato a forza

In un'importante sentenza pronunciata a luglio, la Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha dichiarato che la cateterizzazione forzata costituisce una violazione dell'Articolo 3 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo sul divieto di tortura.

La polizia ha inserito un catetere con la forza dopo l'arresto per guida in stato di ebbrezza

Nel 2010 un uomo ha contattato l'Unione delle libertà civili ungheresi (HCLU) per assistenza legale dopo essere stato maltrattato dalla polizia. Ha detto di essere stato coinvolto in una rissa in un night club. Quella notte la polizia l'ha trovato nella sua auto di fronte a casa sua e ha voluto fare il test alcolico perché puzzava di alcool. Dopo aver rifiutato di sottoporsi al test, è stato arrestato, ammanettato e portato al pronto soccorso per un esame del sangue e delle urine. Quando ha detto che non poteva urinare, la polizia ha chiesto al medico di applicare un catetere nonostante la sua ferma opposizione. Dopo l'incidente, l'uomo è stato condannato, con sospensione della pena, a nove mesi di reclusione per guida in stato di ebbrezza. HCLU lo ha rappresentato davanti al tribunale.

In seguito alla cateterizzazione forzata, l'uomo ha presentato una denuncia presso la Commissione Indipendente di Reclami di Polizia, dove è stato stabilito che il prelievo di campioni di urina mediante cateterizzazione forzata della vescica violava gravemente il suo diritto alla dignità umana, all'integrità fisica e alla salute, nonché il suo diritto a una procedura equa. Tuttavia, il Commissario di Polizia Nazionale ha respinto la denuncia, anche se la decisione non accennava al modo in cui il cliente dell'HCLU era stato ammanettato o come non aveva accettato di essere sottoposto a cateterizzazione. Quando il ricorso contro la decisione è stato respinto dal Tribunale Amministrativo e del Lavoro della Capitale e successivamente anche dalla Curia, l'HCLU si è rivolto alla Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU).

La pratica viola l'integrità fisica e mentale

Secondo la sentenza unanime della Corte europea dei diritti dell'uomo, sottoporre una persona all’esame delle urine con la forza tramite catetere costituisce una grave violazione del divieto di trattamenti inumani o degradanti. La Corte ha stabilito che le autorità hanno violato gravemente l'integrità fisica e mentale dell'uomo, quando un esame del sangue sarebbe stato sufficiente a determinare lo stato di ebbrezza. Come stabilito dalla Corte, l'Ungheria deve pagare 9.000 euro per i danni morali e altri 4.080 per le spese.

Ogni anno l'HCLU riceve richieste di assistenza legale in cerca di aiuto nei casi in cui la persona è stata sottoposta a cateterizzazione forzata. Il solo buon senso ci dice che questa procedura non solo è estremamente umiliante, ma, dato che è possibile effettuare esami del sangue, è anche superflua. Tuttavia, nessuna decisione del tribunale ha mai sostenuto la posizione adottata dall'HCLU. Non esiste una decisione simile nemmeno nella giurisprudenza della CEDU. L'HCLU confida ora che l'attuale sentenza porrà fine una volta per tutte a questa abusiva pratica della polizia, non solo in Ungheria ma anche nell'UE.