Tribunale polacco rifiuta di estradare un rifugiato in Turchia

L'uomo è ricercato in Turchia in quanto membro di un'associazione di stampo terrorista, ma il suo status di rifugiato è già stato confermato dalle autorità belghe.
All'inizio di aprile, il tribunale regionale di Gorzów Wielkopolski, nella Polonia occidentale, ha esaminato la richiesta di estradizione in Turchia di Erdal Gökoğlu, accusato di far parte di un gruppo terrorista.

Erdal Gökoğlu era stato arrestato a gennaio in Polonia, dopo un normale controllo da parte della Polizia di Frontiera. Stava entrando in Polonia per partecipare al matrimonio di un suo amico. Mentre controllava i documenti di Gökoğlu, la polizia di frontiera ha riscontrato che era ricercato dall'Interpol su richiesta della Turchia.

L'Helsinki Foundation on Human Rights ha preparato un parere sul caso di Gökoğlu sostenendo che il fatto che al detenuto fosse stato riconosciuto lo status di rifugiato dalle autorità belghe è una giustificazione sufficiente per respingere l'ordine di estradizione.

Le disposizioni della Convenzione di Ginevra sullo status di rifugiato proibiscono di estradare i rifugiati verso paesi in cui le loro vite potrebbero essere in pericolo.

Il parere sottolinea anche che, secondo la Carta dei Diritti Fondamentali dell'Unione Europea, i paesi membri sono tenuti a proteggere il diritto di asilo nel rispetto delle regole della Convenzione di Ginevra.

Il tribunale dà un “segnale positivo”

Nella motivazione della sentenza, il tribunale regionale polacco che ha seguito il caso fa riferimento al fatto che Erdal Gökoğlu ha ottenuto lo status di rifugiato in Belgio. Il tribunale ha tenuto conto anche del parere di HFHR e della sentenza della Corte Europea dei Diritti Umani sul caso Kavaklioğlu et al. v. Turkey, anch'essa citata nel parere di HFHR.

Erdal Gökoğlu era uno dei ricorrenti in quel caso, in cui Strasburgo aveva stabilito che le autorità turche avevano violato il suo diritto alla vita così come tutelato dall'articolo 2 della Convenzione Europea sui Diritti Umani.

Il tribunale regionale ha argomentato che se lo straniero fosse estradato in Turchia, si potrebbe verificare una violazione dei suoi diritti umani. A questo proposito, il tribunale ha preso in considerazione la testimonianza di un rappresentante di HFHR riguardo alle violazioni del diritto ad un giusto processo in Turchia, alla tortura dei detenuti e alle generali condizioni degradate nelle prigioni turche.

“La decisione del tribunale nel caso di Erdal Gökoğlu è un segnale positivo per il futuro. Spero che i tribunali polacchi sviluppino argomentazioni di questo tipo, in base alle quali il solo fatto che un rifugiato abbia ottenuto lo status di rifugiato ai sensi della Convenzione di Ginevra è motivo di rigetto di qualunque richiesta di estradizione,” ha dichiarato Jacek Bialas, avvocato di HFHR che ha seguito il procedimento.

La situazione dei detenuti in Turchia

In Turchia ci sono centinaia di prigionieri politici (compresi giornalisti e professori universitari) condannati per essere membri di gruppi militari o per aver supportato azioni terroristiche. Queste persone possono essere condannate anche se le prove di queste attività non sono sufficienti – e la definizione di terrorismo è estremamente ampia.

Le condizioni nelle carceri turche sono molto degradate: sono sovraffollate e l'accesso all'assistenza sanitaria è limitato. I giudici e i pubblici ministeri in Turchia lavorano sotto enorme pressione politica e la loro indipendenza è violata.