La Corte suprema polacca ignora la Giurisprudenza della corte europea e definisce gli stranieri "Rischio sicurezza".

La Corte suprema amministrativa ha respinto un reclamo dell'HFHR nel caso del cittadino iracheno Ameer Alkhawlany - l’HFHR sostiene che i tribunali polacchi ignorano i precetti giuridici europei.

La Corte Suprema respinge il reclamo

La Fondazione Helsinki per i diritti umani (HFHR) ha presentato un ricorso in cassazione nel caso di Ameer Alkhawlany, cittadino iracheno ed ex studente di dottorato a Cracovia, che è stato espulso dalla Polonia sulla base di informazioni classificate che lo avrebbero definito una "minaccia alla sicurezza".

Il 30 maggio 2019, la Corte suprema amministrativa (SAC) ha respinto il reclamo, accogliendo la motivazione presentata dalla Corte amministrativa provinciale di Varsavia e dalle autorità amministrative coinvolte nel procedimento di espulsione, ritenendo che l'espulsione del sig. Alkhawlany fosse fondata su motivi fondati (caso n. II OSK 3559/18).

In una precedente causa relativa al rifiuto di concedere la protezione internazionale al sig. Alkhawlany, la Corte suprema amministrativa ha ribaltato la sentenza di appello della Corte di Varsavia e le precedenti decisioni amministrative, affermando che lo status di "rischio sicurezza" del sig. Alkhawlany era stato determinato in modo errato. All'epoca, la SAC ha indicato che l'applicazione della specifica motivazione di espulsione non era stata sufficientemente motivata. La Corte ha sottolineato che i materiali classificati indicavano che il sig. Alkhawlany rappresentava una minaccia per la sicurezza dello Stato e della società, ma non rappresentava alcun rischio per le relazioni internazionali.

Altri casi sono andati diversamente

In un caso differente di un altro cliente della HFHR (caso n. II OSK 3615/18), il CAS ha esaminato un reclamo in cassazione riguardante il rifiuto di concedere un permesso di soggiorno temporaneo. Il cliente, coniuge e padre di cittadini polacchi, conduceva una vita familiare in Polonia. In questo caso, la Corte suprema amministrativa ha confermato la cassazione e ha annullato la sentenza di primo grado e le decisioni pertinenti degli organi amministrativi. Pur motivando verbalmente la sentenza, il tribunale ha dichiarato che il contenuto di una nota emessa da un'agenzia di sicurezza non forniva motivi sufficienti per trattare lo straniero come un rischio per la sicurezza.

In entrambi i casi, il SAC ha confermato la propria linea di autorità con la quale uno straniero non può avere accesso a informazioni che servono da base per le decisioni emesse finché sono in gioco considerazioni di sicurezza.

L'HFHR sostiene che la giurisprudenza della CGUE non è stata seguita in Polonia

Secondo l'HFHR, le norme di comportamento in tali casi sono state definite in modo diverso dalla giurisprudenza della Corte di giustizia dell'Unione europea (CGUE), in particolare per la sentenza nella causa C-300/11 (ZZ).

"In questo caso, la CGUE ha dichiarato chiaramente che possono essere utilizzati materiali riservati, ma la persona interessata dovrebbe essere informata dei motivi essenziali per cui è stata identificata come una minaccia alla sicurezza. Purtroppo, “questa norma non viene rispettata nei procedimenti nazionali polacchi", afferma Jacek Białas, un avvocato dell'HFHR che rappresenta i ricorrenti in entrambi i casi. "L’esecuzione alla sentenza dimostra che i servizi di sicurezza possono talvolta essere sbagliati nel ritenere un determinato straniero come un rischio per la sicurezza. Dall’altro lato, gli stranieri possono non essere in grado di adire le vie legali, in particolare quando sono espulsi a forza, direttamente dopo che una decisione è stata emessa da un'autorità amministrativa. La legge attuale rende tali decisioni immediatamente esecutive, il che significa che uno straniero può essere espulso anche dopo la presentazione di un ricorso", spiega l'avvocato.