Trattare con compassione gli innocenti respinti al confine turco

Tutti vogliamo un posto da chiamare casa. Se fossimo costretti ad andarcene, vorremmo sperare di trovare persone che ci offrano un rifugio. Civili innocenti vengono usati come pedine in un gioco politico, e l’UE permette che continuino violenti attacchi.

Da quando è scoppiata la guerra nel 2011, milioni di siriani sono stati costretti a lasciare le loro case e a trovare un rifugio. Molti sono fuggiti nella vicina Turchia. Nel 2016 l'Unione Europea (UE) ha stretto un accordo con il governo turco. La Turchia ha promesso di mantenere i rifugiati siriani sul suo territorio, che ora sono oltre 3,5 milioni. In cambio, l'UE ha promesso di pagare alla Turchia miliardi di euro.

Nel frattempo, in Siria, la guerra è continuata. Nonostante la copertura mediatica sia diminuita, l'esercito siriano, sostenuto dai russi, continua a sganciare bombe sui propri cittadini. Da diversi mesi il regime siriano ha intensificato gli attacchi nella regione di Idlib, che confina con la Turchia. Gli attacchi contro i civili e le forze siriane sostenute dai turchi, ha spinto circa un milione di siriani a fuggire verso il confine turco, con molti morti lungo la strada.

Il 28 febbraio, i 33 soldati turchi sono stati uccisi dagli attacchi delle forze siriane a Idlib. In risposta, la Turchia ha lanciato un'offensiva aggressiva. La Turchia vuole che l’UE sostenga la sua lotta a Idlib. In parte perché il primo ministro Erdogan vuole evitare che un altro milione di rifugiati siriani attraversi il suo confine.

Al contrario, l’UE e NATO non hanno sostenuto la sua lotta. Così, per spingere i governi dell’UE a cambiare idea, Erdogan ha aperto le frontiere turche e ha incoraggiato i rifugiati ad entrare nell’UE.

La Grecia risponde con la violenza

Da quando la Turchia ha aperto le frontiere con l'Europa, oltre 13.000 rifugiati hanno cercato di trovare una via d'accesso alla Grecia. In risposta, la Grecia ha inviato l'esercito al suo confine. Le autorità greche hanno sparato gas lacrimogeni e tenuto esercitazioni militari in diretta per intimidire individui e famiglie che cercavano rifugio.

Un filmato rilasciato dalle autorità turche mostra la guardia costiera greca che terrorizza una barca piena di gente. Il governo greco ha anche dichiarato che caccerà via le persone che sono riuscite ad arrivare in Grecia e non permetterà loro di chiedere asilo.

I leader dell'UE si sono rifiutati di difendere civili innocenti, che si trovano in mezzo a discussioni diplomatiche. Quando hanno visitato la Grecia qualche giorno fa, si sono offerti di sostenere il governo greco. Hanno promesso alla Grecia 700 milioni di euro, oltre ad attrezzature e guardie di frontiera.

Non deve per forza essere così

Invece di usare persone innocenti come merce di scambio politico, l'UE potrebbe fare in modo che le persone in fuga per la loro vita ricevano un'accoglienza compassionevole. Tutti noi vorremmo sapere che possiamo trovare aiuto ed essere trattati umanamente se dobbiamo fuggire in un altro paese. Questo è un valore così fondamentale che fa parte del diritto internazionale ed europeo da decenni.

L'UE e i paesi europei hanno le risorse per offrire alle persone un rifugio e condizioni di vita dignitose mentre le loro richieste di asilo vengono decise. E non c'è bisogno di lasciare tutto questo lavoro alla Grecia. I governi dell'UE potrebbero accettare di dividere le persone che chiedono asilo tra i diversi paesi europei. E potrebbe aiutare la Turchia ad aiutare i rifugiati siriani che vivono in quel Paese a stabilirsi adeguatamente e a rifarsi una nuova vita.

Nel frattempo, l'UE e la NATO potrebbero contribuire a porre fine alla guerra in Siria che sta causando la fuga di così tante persone. E invece di tacere sulla violenza usata dalle autorità greche, i leader dell'UE dovrebbero insistere affinché i tribunali puniscano i politici che hanno dato gli ordini, le autorità trattino gli esseri umani in modo umano e chiunque chieda asilo venga ascoltato in modo equo.

Qualunque siano i problemi diplomatici che i nostri leader devono risolvere, non dovrebbero farne pagare il prezzo a famiglie e individui innocenti. Ogni persona ha il diritto di chiedere asilo quando è in pericolo e di essere trattata con dignità e rispetto mentre le autorità decidono sulla sua richiesta. Questo diritto fa parte del diritto internazionale ed europeo da decenni, ed è compito dell'UE assicurarsi che tutti i governi europei sostengano questi valori.