Lo sfratto delle ONG durante il coprifuoco è un altro colpo alla democrazia in Slovenia

Il neoeletto governo sloveno ha una lunga storia di repressione delle critiche. La sua ultima mossa è volta a mettere a tacere le organizzazioni della società civile. Fai sentire la tua voce e firma la loro petizione.

Il Ministero della Cultura sloveno ha inviato una lettera alle ONG, che lavorano in un unico palazzo nel centro di Lubiana, per informarle della cessazione del loro contratto di locazione a causa dell’avvio dei lavori di ristrutturazione. Il problema di questa motivazione è che per i prossimi due anni non è stato stanziato alcun budget per un progetto di questo tipo. La lettera sembra invece essere l’ennesimo tentativo del governo di limitare lo spazio per le organizzazioni della società civile e di mettere a tacere le loro voci critiche.

Le organizzazioni che lavorano in questo palazzo di ONG rappresentano una comunità diversificata di attori che hanno contribuito ai movimenti della società civile e alla democratizzazione e smilitarizzazione della Slovenia a partire dagli anni Ottanta.

Il palazzo una volta era il quartier generale dell’Esercito Nazionale Jugoslavo (JNA), per cui la sua occupazione da parte di operatori culturali, artisti e attivisti nel 1993 è stato uno dei momenti simbolici della nuova società democratica slovena. Da allora, è stato uno spazio pubblico dove la diversità, la solidarietà, il dialogo e il pensiero critico sono rispettati e incoraggiati.

Un lungo elenco di violazioni dei diritti umani

L’attuale governo al potere sta cercando di eliminare questi valori e cancellare questa storia. Lo sfratto fa parte di una tendenza costante di violazioni dei diritti umani. Secondo un recente rapporto di Greenpeace Europe e Liberties, la Slovenia è uno dei paesi europei in cui i governi hanno usato la pandemia per reprimere le critiche.

Ad esempio, quando la Corte Costituzionale ha messo in dubbio la necessità e la proporzionalità delle restrizioni al confinamento, compreso il divieto di riunione, e ha esortato il governo a condurre valutazioni settimanali per determinare se fossero ancora giustificate, il Primo Ministro ha pubblicato un tweet accusando la Corte di essere politicamente imparziale.

I media hanno riferito di non essere riusciti ad ottenere informazioni accurate sulle infezioni da COVID-19 o sulle misure adottate per limitare la diffusione del virus tra i gruppi a rischio. I giornalisti, ai quali è stato vietato di partecipare fisicamente alle conferenze stampa, si sono lamentati di avere pochissime possibilità di fare domande. Inoltre, dopo che l’emittente pubblica slovena (RTVS) ha esposto un'ampia interferenza politica nell'acquisto di dispositivi di protezione individuale, il governo ha reagito proponendo preoccupanti modifiche alla legislazione sui media nel luglio 2020.

Il governo sloveno ha inoltre utilizzato le misure di emergenza di COVID-19 per approvare significative restrizioni alla partecipazione delle ONG ambientali alle procedure amministrative e giudiziarie relative al rilascio dei permessi di costruzione, che apparentemente saranno in vigore almeno fino alla fine del 2021. Queste restrizioni fanno parte di un piano più ampio per ostacolare l’accesso delle ONG ambientali alla partecipazione pubblica e alla giustizia che il governo sta spingendo ulteriormente, approfittando della pandemia.

Inoltre, il governo sta proponendo modifiche controverse alle leggi sui media, che sembrano essere volte a reprimere la libertà di stampa e il pluralismo, concentrando i media nelle mani di pochi proprietari alleati del governo. Solo grazie alle proteste e le critiche diffuse da parte di vari organismi internazionali, il governo ha accettato di sottoporre i progetti di legge ad una significativa consultazione pubblica.

Le organizzazioni intervengono

Le ONG attaccate chiedono al governo di fermare l'attacco alla società civile e alla cultura indipendente e di fornire un ambiente libero, sicuro e solidale alle organizzazioni non governative. Se sei d’accordo, unisciti alla loro causa firmando questa petizione.