SOTEU 2020: Un campanello d'allarme in nome della democrazia e delle libertà?

La nostra esperta di advocacy, Linda Ravo, spiega quali sono le questioni che secondo lei il Presidente della Commissione Europea dovrebbe affrontare nel suo discorso sullo Stato dell'Unione Europea (SOTEU) di quest'anno per rafforzare la democrazia.

Gli eventi dell'anno scorso dimostrano che l'UE è sempre più in contrasto con i governi che minano i diritti e le libertà dei cittadini e fanno pressione sul sistema di controlli ed equilibri che mantiene le democrazie forti e sane.

Alcuni Stati membri adottano politiche problematiche che contraddicono i valori fondamentali su cui si fonda l'UE, come stabilito dall'articolo 2 del Trattato sull'Unione europea (TUE). Tra questi vi sono: l'interferenza con l'indipendenza della magistratura; l'interferenza con l'indipendenza e il pluralismo dei media; la limitazione delle attività delle Organizzazioni della Società Civile (OSC); la limitazione del diritto alla protesta pacifica; gli attacchi retorici e politiche restrittive contro gruppi emarginati come i migranti, le minoranze etniche, le donne e le persone LGBTI. Inoltre, molti Paesi dell'UE hanno risposto all'emergenza sanitaria causata dalla pandemia di Covid-19 introducendo misure eccessivamente restrittive, che vanno oltre una risposta genuina e proporzionata per frenare l'epidemia. In alcuni casi, si tratta di conseguenze indesiderate di politiche miopi. In altri, sono il risultato di deliberati tentativi da parte di leader autoritari di minare le libertà individuali e il processo democratico.

Per evitare che la democrazia e la fiducia dei cittadini nel progetto dell'Unione europea si deteriorino ulteriormente, la Commissione dovrebbe utilizzare SOTEU 2020 per richiamare l'attenzione dei governi e dei leader dell'Unione europea sul fatto che nessun compromesso e attacco alla democrazia e alle libertà sarà tollerato. Dovrebbe servire da monito che qualsiasi attacco ai valori fondamentali dell'articolo 2 dovrà essere oggetto di forti sanzioni e annunciare iniziative coraggiose per promuovere il rispetto di tali valori e prevenire ulteriori violazioni.

Garantire alla popolazione che la ripresa di COVID-19 includa il ripristino delle libertà

Molti governi dell'UE hanno adottato misure problematiche in nome della tutela della salute pubblica. Se da un lato può essere necessario limitare temporaneamente alcune libertà per salvare vite umane e proteggere gruppi a rischio, dall'altro i diritti umani forniscono ai cittadini gli strumenti per garantire che i loro leader agiscano per proteggere il benessere della popolazione. Tuttavia, molti governi hanno risposto alla pandemia limitando inutilmente questi diritti. Si va da restrizioni sproporzionate al diritto di protestare, alla libertà di espressione, all'accesso all'informazione e alla libertà di associazione. Misure particolarmente irresponsabili durante una pandemia, quando la società ha bisogno di strumenti di partecipazione civile per garantire che i suoi rappresentanti facciano tutto il possibile per proteggere il proprio benessere; misure discriminatorie che possono aumentare l'emarginazione e la polarizzazione delle nostre comunità; e un eccesso di sorveglianza e di polizia, che può essere un'invasione della nostra privacy a lungo termine, una volta che la pandemia è finita.

I cittadini si aspettano che l'UE aiuti i loro governi a superare la pandemia nel modo più sicuro possibile. I leader dell'Unione hanno riconosciuto l'importanza di garantire l'assistenza tecnica e finanziaria e il coordinamento dell'UE per evitare che i governi autoritari populisti approfittino del malcontento dell'opinione pubblica per alimentare l'euroscetticismo. È quindi altrettanto importante che l'UE utilizzi gli strumenti a sua disposizione per ripristinare e promuovere i diritti e le libertà degli individui, in modo che i cittadini possano avere la certezza che i loro governi risponderanno e lavoreranno a loro vantaggio.

In SOTEU 2020, il Presidente della Commissione dovrebbe:

  • Impegnarsi a pubblicare una valutazione approfondita, basata su un solido monitoraggio, dell’impatto delle risposte dei governi a COVID-19 sui diritti umani e sulle libertà;
  • avvertire che, laddove vengano individuati problemi, la Commissione formulerà chiare raccomandazioni ai governi per porre rimedio alla situazione. Inoltre, applicare sanzioni legali, diplomatiche e politiche non appena risulta chiaro che uno Stato membro non è disposto ad applicarle.
  • chiarire che i programmi nazionali che saranno finanziati dal fondo di recupero COVID-19 saranno valutati in base alla loro capacità di fornire un sostegno finanziario significativo alle Organizzazioni della Società Civile (OSC) di base e di ripristinare e promuovere uno spazio civico dinamico.

Protezione delle libertà civili

Molti paesi dell'Unione Europea stanno limitando attivamente le libertà civili e la capacità dei cittadini di partecipare alle loro democrazie. Tra le altre misure, stanno censurando la libertà di espressione, limitando il diritto di protestare e limitando sempre più l'accesso alle informazioni e la possibilità di partecipazione pubblica al processo decisionale. Stanno anche creando un ambiente sempre più restrittivo per attivisti e le OSC attraverso l'uso di retorica ostile e campagne diffamatorie guidate da esponenti politici e media alleati; vessazioni attraverso azioni legali come revisioni contabili e procedimenti giudiziari abusivi; tagli ai finanziamenti pubblici e tentativi di bloccare i finanziamenti privati; e quadri normativi inadeguati e onerosi. Gli attivisti e le organizzazioni della società civile che promuovono lo stato di diritto, il pluralismo democratico, i diritti fondamentali, la lotta alla corruzione e la protezione dell'ambiente sono spesso esplicitamente presi di mira.

Le libertà civili e le OSC sono fondamentali per il corretto funzionamento di una sana democrazia, in quanto sono gli strumenti che rendono più facile per i cittadini praticare la democrazia partecipativa e garantire che i loro rappresentanti li ascoltino e affrontino le loro preoccupazioni. Gli attacchi contro attivisti e le OSC sono tanto più preoccupanti in un momento in cui la pandemia rappresenta un ulteriore ostacolo alla società civile a causa di vincoli pratici ed economici. L'UE dovrebbe intensificare gli sforzi per invertire queste tendenze e promuovere uno spazio civico più aperto e dinamico per migliorare lo stato delle nostre democrazie.

In SOTEU 2020, il Presidente della Commissione dovrebbe:

  • chiarire che il rispetto delle libertà civili e un contesto che faciliti il lavoro delle OSC e degli attivisti sarà uno dei temi chiave dei rapporti annuali della Commissione sullo stato di diritto, a partire dal primo rapporto, previsto per la fine di questo mese;
  • impegnarsi a individuare misure per porre rimedio alle preoccupazioni esistenti e a monitorare l'attuazione delle sue raccomandazioni, in consultazione con le OSC di base;
  • Impegnarsi a fare pieno e strategico uso della legislazione dell'UE a tutela delle libertà civili, comprese le norme sulla concorrenza, le libertà del mercato interno, le norme sugli appalti pubblici o la protezione dei dati;
  • annunciare regolamenti a livello europeo per colmare le lacune nella protezione delle libertà civili, come la legislazione che impedisce le cause legali abusive (note come le SLAPP) volte a mettere a tacere le critiche (attivisti, le OSC e giornalisti indipendenti);
  • sollecitare i governi dell'UE a rivedere il budget per il futuro Programma Diritti e Valori proposto dal Parlamento, per assicurare che vengano forniti finanziamenti adeguati agli attivisti e alle OSC per supportare la loro sostenibilità finanziaria a lungo termine e consentire loro di resistere meglio agli attacchi e alle restrizioni.

Rafforzare la capacità dell'UE di promuovere e proteggere i valori dell'Articolo 2

Finora, il successo dell'UE nel persuadere i governi autoritari a desistere dai loro attacchi deliberati ai valori fondamentali dell'articolo 2 (democrazia, stato di diritto e diritti fondamentali) è stato relativamente modesto.

Le iniziative della Commissione e del Parlamento contro l'Ungheria e la Polonia, tra cui l'attivazione del quadro dello Stato di diritto e l'avvio della procedura di cui all'articolo 7, hanno fatto affidamento in larga misura sulla volontà del Consiglio di procedere con le sanzioni. Allo stesso tempo, alle azioni legali e alle preoccupazioni apertamente espresse da vari leader dell'UE non sono corrisposte azioni da parte dei partiti politici dell'Unione, che non sono riusciti a sospendere ed espellere i partiti nazionali appartenenti ai loro gruppi che violano i valori dell'articolo 2, come dimostra il lungo dibattito sull'espulsione del partito Fidesz, il partito al governo dell'Ungheria, dal Partito popolare europeo di centro-destra (PPE). Il rispetto dei valori dell'articolo 2 sembra essere preda di giochi politici. Ma non deve rimanere così.

In SOTEU 2020, il Presidente della Commissione dovrebbe:

  • chiarire che i rapporti annuali della Commissione sullo stato di diritto includeranno chiare raccomandazioni agli Stati membri la cui attuazione sarà rigorosamente controllata;
  • invitare il Consiglio a istituire un sistema regolare di revisione tra pari sul rispetto dei valori dell'articolo 2;
  • impegnarsi a sostenere la conclusione di un accordo interistituzionale per il rafforzamento dei valori dell'articolo 2, come proposto dalla Commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni del Parlamento;
  • invitare le istituzioni dell'Unione europea a riflettere su come garantire un'adesione più rigorosa ai valori dell'articolo 2 da parte dei gruppi politici dell'Unione e dei partiti nazionali che li compongono, basandosi sui requisiti esistenti per la registrazione e il finanziamento dei partiti politici dell'UE;
  • sollecitare il Consiglio e il Parlamento a concludere i negoziati sulla proposta della Commissione di subordinare i finanziamenti dell'UE al rispetto dello Stato di diritto. I governi dovrebbero concordare un meccanismo efficace, che la Commissione può mettere in atto senza che gli Stati membri debbano sostenerlo a maggioranza qualificata, per consentire la sospensione dei fondi. Occorre inoltre garantire che i beneficiari finali, comprese le OSC, possano accedervi attraverso canali di distribuzione alternativi
  • sollecitare i governi dell'UE a rivedere il budget per il futuro Programma Diritti e Valori proposto dal Parlamento e a dare priorità ai finanziamenti per promuovere il sostegno sociale per l'Articolo 2.