Slovenia: Il nuovo governo limita i diritti dei gruppi ambientalisti

Il nuovo governo ha limitato l'accesso alla partecipazione pubblica e alla giustizia per le organizzazioni ambientaliste non governative.

A causa dei recenti sviluppi in Slovenia, dove il nuovo governo ha limitato alle organizzazioni ambientaliste non governative l'accesso alla partecipazione pubblica e alla giustizia, gli ambientalisti e i difensori della natura descrivono questa situazione come "un pogrom" e "una dichiarazione di guerra per la protezione della natura e dell'ambiente" nel paese.

Alla fine di aprile 2020, il governo ha incluso nel suo pacchetto di stimolo per la crisi del coronavirus le disposizioni volte a deregolamentare la legislazione edilizia e ad accelerare gli investimenti in infrastrutture durante la ripresa economica. Tra le disposizioni che semplificano la procedura per il permesso di costruzione ci sono condizioni più rigide introdotte per le ONG ambientali, che vogliono partecipare alle procedure di autorizzazione. Secondo l'Agenzia di stampa slovena, tali soluzioni permettono agli investitori di prevalere sull'interesse pubblico di conservare la natura e l'ambiente con altri servizi pubblici.

Le disposizioni introducono nuove condizioni per la partecipazione delle ONG ambientali organizzate come associazioni alle procedure, richiedendo loro di avere almeno 50 membri attivi, che le ONG dimostrano con quote associative regolarmente versate e la partecipazione alle assemblee generali. Le organizzazioni ambientaliste che hanno lo status di istituto devono avere almeno tre dipendenti a pieno titolo con formazione universitaria nel settore, mentre gli istituti o le fondazioni devono avere almeno 10.000 euro di patrimonio. Le condizioni per tutte e tre le forme giuridiche delle organizzazioni ambientali si applicano retroattivamente, per due anni.

In Slovenia, le organizzazioni non governative con lo status di agire nell'interesse pubblico nel campo della protezione dell'ambiente possono essere, secondo Environmental Protection Act (Legge sulla protezione dell'ambiente), parti in causa nelle procedure e possono andare in tribunale e impugnare le decisioni in materia ambientale. Finora, diversi investimenti importanti, che avrebbero gravi ripercussioni sull'ambiente, sono stati impugnati con successo dalle organizzazioni ambientaliste in tribunale, nell'ambito della procedura amministrativa per l'ottenimento di un'autorizzazione ambientale. Alcune di esse hanno meno di 50 membri. Altre hanno un numero sufficiente di membri per soddisfare i nuovi criteri, ma non hanno riscosso la quota associativa, in quanto non obbligatoria secondo le norme del regolamento del settore, e non hanno o non vogliono divulgare le liste di presenza delle loro assemblee generali.

Disposizioni restrittive contestate alla Corte Costituzionale

Così, le nuove disposizioni e condizioni inserite improvvisamente nella legislazione sulla crisi del coronavirus e adottate dal Parlamento attraverso un'azione d'emergenza, senza consultazioni pubbliche e senza una regolare procedura legislativa, hanno di fatto eliminato la possibilità per una vasta maggioranza delle ONG ambientali con status di interesse pubblico di esercitare i loro diritti di rappresentanza dell'interesse pubblico, impedendogli di fatto di attuare il loro diritto di accesso alla partecipazione pubblica e alla giustizia.

Attualmente, 30 ONG ambientali e 47 ONG di difensori della natura hanno lo status di agire nell'interesse pubblico, ma solo alcune di esse soddisfano i nuovi criteri. La più controversa è la condizione di soddisfare questi requisiti retrospettivamente, per due anni a venire. Le ONG, ma anche centinaia di esperti indipendenti e altri attori nei vari campi della protezione della natura e dell'ambiente, hanno inviato appelli al governo chiedendo di non introdurre tali misure, ma la legge è stata adottata. Tuttavia, la legge è già stata impugnata dalla Corte Costituzionale dalle tre ONG che hanno presentato rapidamente un ricorso.

Ma, nel maggio 2020, nuovi criteri restrittivi per la partecipazione delle ONG di protezione della natura alle procedure di autorizzazione sono stati introdotti anche nelle modifiche alla Nature Conservation Act (legge sulla conservazione della natura). Questa procedura legislativa non è ancora terminata, ma la soluzione è finora sostenuta da una maggioranza parlamentare. Ciò significa che alcune ONG di protezione dell'ambiente in Slovenia perderanno il loro status, e quindi il diritto alla partecipazione pubblica e all'accesso alla giustizia, non solo temporaneamente per il periodo di attuazione della legislazione sulla crisi del coronavirus e non solo ai fini della deregolamentazione edilizia in questo periodo, ma in modo permanente e in tutte le procedure relative alla protezione della natura e dell'ambiente.

Il terzo pacchetto di crisi corona, attualmente in preparazione, prevede per le ONG condizioni identiche a quelle già adottate nel secondo pacchetto, che rimarrà in vigore fino alla fine del 2021. Inoltre, sono state annunciate modifiche agli Environmental Protection Act, Building Act (Legge sul piano regolatore) and Spatial Planning Act (Legge sulla pianificazione territoriale), tutte con l'intenzione di ridurre i diritti delle ONG.

Ministro dell'Ambiente - sostiene gli interessi degli investitori

Questi sviluppi sono riportati dai media del paese, alcuni dei quali hanno assunto una posizione critica, mentre i principali canali televisivi hanno invitato il Ministro dell'ambiente e della pianificazione territoriale a confrontarsi con i rappresentanti delle ONG. Il ministro ritrae le organizzazioni non governative come un problema per la realizzazione di grandi progetti infrastrutturali e di investimenti nel paese, sostenendo che esse stanno abusando del loro status, pur beneficiando di finanziamenti pubblici.

Il ministro dell'ambiente fa parte del SDS, il partito al governo, che usa una retorica diffamatoria nei confronti delle organizzazioni non governative e sostiene le misure restrittive nei loro confronti in vari settori. Tuttavia, c'è un contesto specifico per la particolare ostilità del ministro nei confronti delle organizzazioni per la protezione dell'ambiente e della natura. Prima dell'attuale incarico di gabinetto, il Ministro dell'Ambiente, Andrej Vizjak, era capo del dipartimento investimenti e sviluppo del produttore di energia idroelettrica Hidroelektrarne na Spodnji Savi (HESS). Nel 2019 il tribunale ha annullato il permesso ambientale per la nuova centrale idroelettrica HESS - HPP Mokrice - sulla parte inferiore di fiume Sava, sulla base del caso avviato da una delle organizzazioni per la protezione della natura. La procedura di autorizzazione deve essere ripetuta e, nella posizione del ministro dell'Ambiente, Andrej Vizjak si assicura che questa volta le ONG non possano ostacolare l'autorizzazione. L'investimento nell'HPP Mokrice è stimato a 166,6 milioni di euro, di cui 75 milioni di euro dal bilancio statale.

Proteste dei cittadini

Le restrizioni alla partecipazione del pubblico e all'accesso alla giustizia per le organizzazioni per la protezione dell'ambiente e della natura hanno recentemente portato a proteste davanti al Parlamento durante le sessioni parlamentari. Allo stesso tempo, le proteste ciclistiche antigovernative, che riuniscono regolarmente migliaia di manifestanti a Lubiana, esprimono una polemica sulle rivendicazioni di interferenze politiche nell'acquisto di dispositivi di protezione e ventilatori durante l'epidemia di coronavirus, ma sono anche in parte motivate dalle restrizioni per la protezione dell'ambiente introdotte dal governo.

Parlando con i giornalisti e spiegando vari aspetti delle recenti restrizioni introdotte, i rappresentanti delle organizzazioni ambientaliste e di protezione della natura in Slovenia, in particolare quelle che operano a livello locale, sottolineano il fatto che i precedenti governi guidati dai partiti del centro-sinistra e i sindaci di numerosi comuni, indipendentemente dal loro background politico, hanno compiuto sforzi simili per limitare il lavoro delle organizzazioni ambientaliste. Nel mandato del precedente governo centro-sinistra, le proposte dei membri del governo di limitare i criteri di partecipazione delle organizzazioni ambientali alle procedure di autorizzazione sono state respinte con successo dall'allora ministro dell'ambiente, che ha fatto riferimento agli obblighi della Slovenia di attuare la convenzione di Aarhus, ma le restrizioni erano sempre in sospeso.