La Corte distrettuale di Vilnius determina la sanzione per la violazione del diritto d'asilo

La Corte distrettuale di Vilnius ha fissato la sanzione per la violazione del diritto d'asilo, sanzione che la Lituania deve pagare a due minorenni fuggiti dall'Afghanistan che sono stati illegalmente arrestati e detenuti nel carcere di Lukiškės.

La Corte distrettuale di Vilnius, nella sua sentenza sul caso che riguarda il risarcimento dei danni subiti da due cittadini afghani a causa della loro detenzione illegale, ha deciso oggi che la Lituania aveva torto. Di conseguenza lo stato è tenuto a risarcire gli afghani per il danno subito, stimato dalla Corte in 21.900 litas (circa 6.342 euro).

Lo Human Rights Monitoring Institute e la Lithuanian Red Cross Society, agendo congiuntamente in nome dei due cittadini afghani, hanno portato la questione all'attenzione della corte il 26 Novembre 2013. I due afgani, che sostenevano di avere solo 14 e 17 anni, sono stati arrestati il 4 aprile nel distretto di Ignalina dagli agenti della Guardia di frontiera dopo aver attraversato il confine.

I due giovani, che fuggivano dall'Afghanistan dilaniato dalla guerra, hanno chiesto asilo in Lituania. Sebbene sia il diritto nazionale che quello internazionale escludono che i richiedenti asilo possano subire sanzioni penali per l'attraversamento illegale di un confine, la Lituania ha ignorato questa regola. Sono state avviate indagini preliminari ed entrambi i minori sono stati arrestati e hanno trascorso tre mesi nel carcere di Lukiškės insieme a uomini adulti, subendo umiliazioni, insulti ed una serie di altre violazioni dei diritti umani.

"Questa non è la prima volta che la Lituania persegue i rifugiati che entrano nel paese, ma è il primo caso in cui lo stato viene condannato per l'applicazione impropria della legislazione sul diritto d'asilo e per violazione dei diritti umani, con il conseguente obbligo di risarcire i danni causati. Se il sistema dell'asilo in Lituania non inizia a funzionare correttamente è molto probabile che il numero di casi simili continui a crescere", ha detto Jūratė Guzevičiūtė , il Direttore dell'ufficio legale dello Human rights monitoring institute.

Questo caso porta alla luce anche un altro problema rilevante - il ricorso illegale all'arresto in Lituania come misura di sicurezza. I tribunali lituani sono molto inclini ad applicare questa misura, che equivale a una pena detentiva, tanto che il 95% delle richieste di arresto fatte dell'accusa viene accolto.

In Lituania, le decisioni relative alla detenzione sono spesso "decisioni fotocopia", prese senza il dovuto riguardo per le caratteristiche specifiche della persona coinvolta, delle sue fragilità e di altre circostanze. "E così i giovani in questo caso sono stati rinchiusi nel carcere Lukiskes, senza considerare tutte gli aspetti rilevanti, di fatto e di diritto. Anche se giudicati colpevoli in un primo momento alla fine, grazie alla efficace difesa fornita dalla Croce Rossa, sono stati assolti dal tribunale. Questo significa che i giovani sono stati detenuti illegalmente per più di tre mesi", ha detto Jūratė Guzevičiūtė, Direttore dell'ufficio legale dello Human rights monitoring institute.